mercoledì 18 maggio 2011

Mame-Gohan o Risi e Bisi?


Come si fa a convincere il maritino che i piselli con il riso vanno cotti a risotto?
""IMPOSSIBILE!""
Secondo lui, i piselli con il riso vanno cotti come li facciamo sempre! Come mia suocera li ha sempre fatti e come tutti qui li preparano!
Per evitare una guerra coniugicida italo-giapponese a colpi di piselli e di riso, io ho preferito soccombere e, quindi, abbiamo firmato un patto di non belligeranza.

Ma, di nascosto, ho variato la ricetta di famiglia, ho usato il brodetto fatto con i baccelli dei piselli in sostituzione dell'acqua. Ma.... per favore, non diteglielo, potrebbero riprendere le azioni belligeranti ^-^!!
Qualcuno potrà chiedersi: come mai tutti questi segreti, e a che pro modificare la ricetta di famiglia?
Perché, se non avessi preparato almeno il brodetto con i baccelli questa ricettina sarebbe andata fuori tema per zero similitudine con quella di Annamaria (ma temo che sia già da considerarsi fuori concorso), e non avrebbe potuto partecipare all'MTC di maggio.
(Per i pochi avvezzi alla lingua giapponese chiarisco che "mame" significa 'legumi', ma in questo caso vuol dire 'piselli', e "gohan" significa 'riso')

Mame-gohan

300 gr di riso (ho usato riso hikari)
100 gr di piselli sgusciati
350 cc di brodetto di baccelli di piselli
20 cc di sake
1 cucchiaino di sale
un pezzo di alga konbu

Ho lavato il riso così e l'ho messo dentro suihanki (pentola per cuocere il riso), ma si può usare anche una pentola normale. Ho unito tutti gli altri ingredienti, chiuso il coperchio e puntato il timer per l'ora di pranzo

Appena pronto mi sono dilettata ad usarlo in vari modi.


MAME-GOHAN

Il nostro pranzo: sashimi con wasabi e salsa di soia (la quantità della foto era per due persone), miso-shiru, te giapponese, mame-gohan dentro chawan (ciotola del riso)


ONIGIRI con MAME-GOHAN

Ho usato lo stesso mame-gohan e, con l'aiuto di una formina triangolare, ho fatto gli onigiri (si pronuncia onighiri). Purtroppo non sono capace di fare gli onigiri con le mani come tutte le donne giapponesi.
Si portano al lavoro o a scuola dentro "bentobako", oppure alle scampagnate, ecc.


CUORICINI DOLCI di MAME GOHAN

A mame-gohan ho aggiunto un poco di uovo, 1 cucchiaio di zucchero vanigliato e 1/2 cucchiaino di aroma arancia, 1 cucchiaio di amido di mais ed ho amalgamato il tutto.

Ho formato dei cuoricini che ho fritto e li ho spolverati con zucchero a velo dopo averli infilzati in spiedini di bambù.
Solo questi il maritino ha detto "No, grazie!", secondo lui è uno spreco usare in questo modo mame-gohan.
Valli a capire gli uomini!!!!!


Con questa partecipo all'MTC di maggio
MTC di Maggio

28 commenti:

  1. proprio oggi ho in programma di preparare per pranzo i "classici" risi e bisi... ^^
    Molto interessante però la preparazione del Mame-Gohan! ^^

    RispondiElimina
  2. Mi piace molto quel piatto col sashimi, me lo mangerei tutto!

    RispondiElimina
  3. Che ridere, vi immagino! Hai proprio ragione..quando ci si mettono i maschietti è difficile far cambiare idea! Anna cara sarò ben felice di provare a trasformare il mio riso e bisi in onigiri, quanto m'ispirano! Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Che bello questo post, mi è proprio piaciuto! Divertente la vostra scaramuccia sul riso ;)
    Baci!

    RispondiElimina
  5. ma che splendide ricette hai creato! Valgono bene una scaramuccia con l'amato bene! Grazie dell'impegno. Vado e posto sia la versione salata che quella dolce: ho solo difficoltà a scegliere le foto! Bacioni
    Dani

    RispondiElimina
  6. Che vassoietto invitante!!! Brava, noi donne sappiamo sempre come avere l'ultima parola... ^_^
    Franci

    RispondiElimina
  7. Questa rivisitazione giapponese e' assolutamente deliziosa!

    RispondiElimina
  8. Bello il fatto che tu abbia assolutamente voluto confrontarti con una ricetta italianissima onorando la cultura del paese che ti ospita!
    Ma il maritino se viene in Italia che fa?!!

    Sul tuo blog ho scovato immagini stupende...un abbraccio,

    Fabi

    RispondiElimina
  9. che modo meraviglioso di presentare il classico (e delizioso) risi e bisi!!! un bacione grande!

    RispondiElimina
  10. A casa mio i risi e bisi sono un appuntamento fisso, ma io la tua versione laadotterei come ufficiale ;)
    Mi piace molto.
    Un bacione

    RispondiElimina
  11. Interessante la tua versione risi e bisi italo-giapponese. Un saluto.

    RispondiElimina
  12. Ho scoperto il tuo blog per l'MTC e mi ci sto letteralmente perdendo dentro con un immenso piacere. Quanto è bello! :)

    RispondiElimina
  13. cavoli! son rimasta sbalordita dal piatto finale.. complimenti mamma mia *_*

    RispondiElimina
  14. Mi piace tutto e mi stupisco sempre della tua abilità nel cucinare cibo giapponese con tale maestria (io non riuscirei nemmeno con le formine!!!), ma mi domando se i dolci sono stati fatti con il riso e anche con i piselli... vero che i piselli sono dolci... ma allora c'erano o no i piselli?

    RispondiElimina
  15. @Fanni
    Ogni tanto bisogna anche variare^-^
    @chamki
    Lo so, lo so! Lo so che ti piace ;-)
    @ornella
    Noi ne sappiano qualcosa, vero?
    Già il marito si convince poco, se poi è straniero... è meglio non parlarne. Kiss!
    @Jul e Mo
    Voi non ne fate mai? Penso che senza scaramuccie, c'è solo monotonia ^-^
    @Daniela
    Grazie Dani
    @Francesca
    Almeno ci proviamo....ahahahahah!
    @arabafelice
    Difficile fare il riso non alla giapponese qui da me ;-)
    @Fabiana
    Il maritino ama la cucina italiana, è vissuto per tantissimo tempo. Ma il riso è sacro!
    Allora sei andata a curiosare??
    @Sara
    Ma cara Sara, bentornata tra noi!
    Come ci sei mancata! Tutto bene?
    @viola
    Mame-Gohan ringrazia ed accetta di essere adottato. Baci
    @Fr@
    Grazie Fra, sei gentile
    @Michela
    Stai usando il filo di Arianna, non vorrei che tu ti perdessi. Se succede, fai un fischio che vengo a prenderti, ahahahahaha!
    @Erica
    Grazie, carissima! Onoratissima
    @fantasia
    Stefania, sì che c'erano i piselli.
    Ho aggiunto una foto della preparazione dei cuoricini per far capire meglio.

    Ringrazio di cuore tutti quanti ed offro cuoricini dolci a tutti.
    Baci dal Giappone

    RispondiElimina
  16. Ciao Anna,volevo dirti che ho messo il link del tuo blog sul mio per spiegare la ricetta dei panini,però mi è venuto il dubbio se ho fatto bene o no,nel caso lo tolgo subito,potresti farmi sapere? Un abbraccio! a presto! :D
    mandolina

    RispondiElimina
  17. Ciao, se passi nel mio blog, dopo le 22 verranno pubblicati i vincitori del CUCINA ETNICA e … c’è una sorpresa

    RispondiElimina
  18. hihihihiih! non c'è niente da fare, per chi è Japan-oriented il riso vuol dire "onigiri"!
    li ho fatti anche io!!! XD

    RispondiElimina
  19. Ciao Anna, perso il commento :-( mi piace imparare da te un pò della cultra giapponese, per loro nulla è "casuale" tutto ha un significato, dovremmo imparare da loro per valorizzare di più tutto il bello e buono che ci offre quotidianamente la vita anche nei più piccoli e "insignificanti" gesti.
    Un abbraccio :-)

    RispondiElimina
  20. Ma quanto mi piace da 1 a 10??? 11 senz'altro!!! io adoro il riso ma non amo alla follia il risotto...questo è un giusto compromesso^_^ Quanto alle varianti, da quale posso iniziare? sashimi a parte (ma solo perchè sono vegetariana) mi fionderei alla tua tavola!!! bravissima

    RispondiElimina
  21. @Rita
    Come ti ho scritto da te, sono felicissima del collegamento al mio blog, ma lo sono più di tutto perché ti piacciono licoli ed i panini al latte
    Un abbraccio

    @Gianni Senaldi
    Carissimo Gianni, che felicità vedere che la mia ricettina senza pretese abbia avuto una menzione speciale nel tuo contes.
    Grazie mille

    @Cle
    Quanto hai ragione cara, il risotto è un po' difficile proporlo nella cucina giapponese.
    Ma se si mangia cucina italiana, allora va bene e viene apprezzato moltissimo.
    Vengo a vedere i tuoi onigiri ;-)

    @accantoalcamino
    Libera, parli del commento sul tuo blog, no! non l'ho perso. Ma come ti ho scritto, sono un poco indaffarata e non ti ho ri-risposto.
    Baci carissima

    @Francesca
    Addirittura 11 su 10?
    Ma che matematica è questa ahahahahah!
    Un abbraccio caloroso

    RispondiElimina
  22. Ciao anna!
    come ti dicevo di là, effettivamente sono della provincia di Taranto, di san marzano per la precisione, ma vivo a bari, ormai!!!
    a presto

    RispondiElimina
  23. Cle, è difficile non capire che è pugliese, almeno per una pugliese.
    Ciao mia conterranea!

    RispondiElimina
  24. accidenti anna che meraviglia!
    l'aveva detto alessandra, che non sapeva come, ma qualcuno sicuramente avrebbe osato anche quelli dolci. ed ecco qua la tua proposta, ganzissima e sicuramente squisita.
    e poi il resto, che mi piace da morire, a partire dalla presentazione del pranzo per due, di una eleganza fuori dal comune.
    non c'è niente da fare, in giappone siete un pezzo in là...

    RispondiElimina
  25. Grazie Gaia, sei molto gentile.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  26. Bellissime le tue tre interpretazioni e davvero... chi li capisce gli uomini? :-D

    RispondiElimina
  27. Arrivo in ritardissimo- colpa della labirintite- ma non vedevo l'ora di potermi impossessare di nuovo pdel pc e passare a ringraziarti, per queste due versioni assolutamente spettacolari di risi e bisi.
    Sui mariti che si lamentano della cucina delle mogli, ormai ho elaborato una teoria consolatoria :-)- e cioè che, se sono riuscita a rinnovare qualcosa dei miei piatti, è anche grazie allo sfinimento a cui mi portano le critiche dell'ingegnere. Mi sa che qui è successa la stessa cosa, con risultati davvero grandiosi
    Grazie per aver partecipato anche questo mese
    ale

    RispondiElimina
  28. @Mapi
    Ho visto le tue, che fantasia!!
    Sei veramente brava.
    In bocca al lupo per il contest ^-^!

    @Alessandra (raravis)
    Ale, grazie a te per le belle parole. Quanto hai ragione a proposito dei mariti: parlano, parlano ma alla fine mangiano -_-
    Il mio per di più stranieeero fu!!

    Baci ad entrambe

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)