giovedì 15 novembre 2018

Pane nel mondo: Kaisersemmeln (Austria)

Ho rifatto i "Kaisersemmeln (panini austriaci)" con piccolissimi ritocchi, ma senza rivoluzionare di molto la preprazione riportata nel post dalla Cuochina pubblicata nel blog "Quanti modi di fare e rifare" con la tag "il pane nel mondo" nella quale c'è anche una spiegazione sintetica della storia di questo pane:
Questi panini rotondi, kaisersemmeln (kaiser: imperatore/ semmeln: panini) sono presenti,  nella loro riconoscibile forma, almeno dal 1760. Si pensa siano stati chiamati così per onorare l'imperatore Francesco Giuseppe I d'Austria, il quale, accogliendo la richiesta di una delegazione di panettieri, liberalizzò il prezzo fisso dei panini, abrogando una legge del XVIII secolo che ne fissava i prezzi al dettaglio. Il resto lo si può leggere dalla Cuochina.
Le mie variazioni sono: - Ne ho fatto metà dose, - ho usato farina debole  - ho aggiunto un poco di malto.

Grazie Cuochina, i tuoi suggerimenti sono sempre eccellenti!

Kaisersemmeln / Kaiserbrötchen (Austria)


Ingredienti per 5 panini

pre-impasto:
75 g di farina debole
70 ml di acqua tiepida
2 g di lievito secco
per l'impasto:
175 g di farina debole
50 ml di acqua tiepida
20 ml di latte
5 g di malto
5 g di miele
5 g di sale
15 g di burro

Preparazione
Nella planetaria mescolare gli ingredienti del pre-impasto e lasciare lievitare per circa 30 minuti. Al pre-impasto lievitato aggiungere gli altri ingredienti, escluso il burro d il sale, e impastare bene per circa 10 minuti.
Lasciare riposare l'impasto per circa 20 minuti, quindi unire il burro ed il sale ed impastare fino a quando non diventa liscio e morbido, dividerlo in 5 pezzi da 83~85 g. Coprire e lasciar riposare per 10 minuti, quindi, sul piano lavoro infarinato.
Formare delle palline e procedere alla formazione dei panini, (vedere video).
Schiacciarli e metterli capovolti su un panno infarinato, coprire con una salvietta e lasciare lievitare per circa 30 minuti.
Preriscaldare il forno a 210°C. Allineare i panini in una teglia ricoperta da carta forno, spruzzarli più volte con acqua utilizzando uno spruzzatore, inserire la teglia nel forno e spruzzare con acqua anche le pareti del forno.
Far cuocere per 10 minuti. Spruzzare nuovamente i panini, ridurre la temperatura a 200°C e continuare la cotture per altri 10-15 minuti circa, devono diventare dorati.
Sono buonissimi! Croccante fuori, soffici dentro. L'unica difficoltà l'ho avuta per la forma, non sono stata brava come la Cuochina, nonostante che io abbia provato a farli varie volte.



domenica 11 novembre 2018

Quanti modi di fare e rifare "Riso e porri degli ortolani d'Asti"

Anche quest'anno, il Menù 2018 ideato dalla nostra Cuochina di Quanti modi di fare e rifare è molto ricco di sorprese. Avremo la possibilità di elaborare undici meravigliosi "Primi della Cucina Italiana".
Oggi è la volta di questa antichissima ricetta piemontese: Riso e porri degli ortolani d'Asti (qui per la versione della Cuochina)
Anche questa volta ho dimezzato le dosi, dato che siamo in due. Per il resto, ho seguito tutto il procedimento della Cuochina

Ingredienti per 2 persone
100 g di riso Arborio
100 g di porro mondato
1 piccola patata pelata
30 g di burro
20 g di parmigiano grattugiato
50 g di formaggi vari
20 g di lardo con cotenna
alloro, aglio, noce moscata, sale e pepe
Tagliare il porro a rondelle piuttosto spesse. Far sciogliere la metà del burro in una casseruola, aggiungere una parte dei porri, una foglia di alloro, mezzo spicchio di aglio, ed il lardo con cotenna tagliato a dadini. Mescolare e far soffriggere a fuoco lento, a recipiente coperto, per circa 20 minuti, rimestando di tanto in tanto.
Questa parte dei porri formerà il cosiddetto "fondo" della minestra: aggiungere successivamente i restanti porri e la patata tagliata in quattro pezzi. Dopo qualche minuto versare nella casseruola 600 millilitri di acqua fredda.
Salare leggermente, pepare e far bollire per 15 minuti, poi aggiungere il riso e lasciarlo cuocere mescolando di tanto in tanto, aromatizzando la minestra con una grattata di noce moscata.
Poco prima di togliere dal fuoco, schiacciare la patata con i rebbi di una forchetta ed incorporare i formaggi tagliati a pezzi.
Fuori dal fuoco mantecare la minestra col restante burro ed il parmigiano, aggiustare di sale, far riposare qualche istante e poi servire.

**************************
Il prossimo incontro con i "Quanti" sarà il 9 dicembre 2018 , 
seconda domenica del mese, alle ore 9:00
con la undicesima ed ultima ricette del Menù 2018, della nostra Cuochina
Prepareremo un ottimo primo piatto altoatesino

***************************
Ricordo che il blog della Cuochina è "Quanti modi di fare e rifare"
il suo indirizzo di posta elettronica è: quantimodidifareerifare@gmail.com
che gli incontri dei "Quanti modi" avvengono la seconda domenica del mese, alle 9:00
e che ci si può incontrare su Facebook
e su Twitter