domenica 11 febbraio 2018

Quanti modi di fare e rifare "Lagane e ceci"

Anche quest'anno, il Menù 2018 ideato dalla nostra Cuochina di Quanti modi di fare e rifare è molto ricco di sorprese. Avremo la possibilità di elaborare undici meravigliosi "Primi della Cucina Italiana". 
Oggi è la volta di questa ottima ricetta della Basilicata per San Giuseppe: Lagane e ceci (versione della Cuochina)
Questa volta ho modificato in modo sostanziale la ricetta originale, Cuochina, scusa, non volermene :)
Ho preparato "Lagane (fatte con farina di mais e farina debole) e azuki". Dato che in questo periodo il marito nipponico è in trasferta, ne ho fatta una sola dose, ma abbondante. 
Ho sostituito lo strutto con la rimanenza di olio di acciughe sotto sale home made che avevo spinato e messe sott'olio. Il peperoncino e l'erba cipollina li ho usati in crudo.

Ingredienti per una persona
50 g di farina di mais
50 g di farina debole
sale 
50 g di azuki bolliti
olio con rimasugli di acciughe qb
1 spicchi d'aglio
peperoncino rosso
erba cipollina

Preparazione
Ho lavato azuki e li ho messi in ammollo per una notte intera. L'indomani, ho portato a bollore e fatto cuocere per 5 minuti, ho quindi eliminato l'acqua di cottura ed unito acqua a temperatura ambiente ed un poco di sale, ho fatto cuocere sino a quando sono diventati morbidi, aggiungendo acqua man mano che evaporava.
Ho impastato le due farine con un pizzico di sale ed acqua tiepida fino ad ottenere una pasta liscia e di giusta consistenza, l'ho avvolta in pellicola per alimenti e lasciata in frigo per un'ora circa.
Con l'ausilio di un mattarello, ho steso la pasta ottenendo una sfoglia abbastanza sottile, con una taglierina ho ricavato delle lagane 2 cm x 7 cm circa che ho lasciato asciugare per un paio d'ore. 
All'ora di pranzo le ho lessate in acqua salata in ebollizione e scolate al dente.
In una casseruola in ceramica ho fatto imbiondire lo spicchio d'aglio nell'olio con le acciughe e subito dopo ho aggiunto azuki e le lagane, ho fatto insaporire ed ho spolverato l'erba cipollina ed il peperoncino rosso tagliati ad anelli. Ho mescolato e subito a tavola!


***************************
Il prossimo incontro con i "Quanti" sarà l'11 marzo 2018 , 
seconda domenica del mese, alle ore 9:00
con la terza ricette del Menù 2018, della nostra Cuochina
Prepareremo un delicato primo piatto Pasquale dell'Emilia Romagna
Ris cun la terdura   (1 aprile Pasqua)

***************************
Ricordo che il blog della Cuochina è "Quanti modi di fare e rifare"
il suo indirizzo di posta elettronica è: quantimodidifareerifare@gmail.com
che gli incontri dei "Quanti modi" avvengono la seconda domenica del mese, alle 9:00
e che ci si può incontrare su Facebook 

 e su Twitter
Segui @CuochinaAO




sabato 3 febbraio 2018

Torta con mandorle e arancia amanatsu

Periodo di agrumi, e qui in Giappone ce ne sono di introvabili in Italia, tra questi c'è "amanatsu", molto simile ad un'arancia, anche se Wikipedia lo accomuna ad un pompelmo per la forma e la dimensione.
E' un agrume con un sottile sottofondo amarognolo e dal profumo molto intenso. Volevo usarlo in una torta, ma per alleggerire l'amarognolo l'ho fatto ammorbidire come in genere faccio con le mie confetture di agrumi.
E' un dolce con mandorle e arancia amanatsu a struttura morbida, è ottima al naturale, ma si può spolverare sopra anche dello zucchero a velo oppure spalmare una glassa con zucchero e succo di arancia amanatsu.

Ingredienti
1 arancia amanatsu
4 uova
150g di zucchero
150g di farina di mandorle
7g di lievito per dolci
zucchero a velo

Prima di tutto
Nel caso di mandorle non sbucciate: lavarle bene e farle bollire per 5 minuti circa. Ancora calde, sbucciarle e farle asciugare a temperatura ambiente. Sfarinarle con un mixer.
Per la cottura dell'arancia amanatsu: affettarla sottilmente, mescolare insieme 70g di zucchero degli ingredienti e lasciare in luogo fresco per 6~8 ora. Quindi, travasare in una pentola e far cuocere a fuoco debole e con coperchio sino a farla asciugare, tipo confettura. Far raffreddare.
Preparazione della tortiera: imburrare ed infarinare leggermente una tortiera da cm.20, coprire il fondo con un disco di carta forno.

Preparazione
In una ciotola capiente, montare le uova con lo zucchero restante, sino a quando diventano gonfie e spumose.
Sempre con le fruste in movimento, aggiungere il lievito setacciato, la confettura di arancia amanatsu e la farina di mandorle, amalgamare bene e travasare nella tortiera. 
Far cuocere in forno a 180°C per 40 minuti circa. Necessario prova stecchino. Far raffreddare e sfornare. Se gradito, spolverare sopra dello zucchero a velo oppure spalmare una glassa all'arancia. .