domenica 18 gennaio 2009

Onigiri, che passione!!!

E dopo la baguette e la focaccia sottile (richiamo delle mie origini), vorrei presentare l'alimento più utilizzato in Giappone
"IL RISO"
e con questo gli onigiri. (la pronuncia è "onighiri")
In questa foto ce ne sono due tipi:
il primo con semi di sesamo ed un pochino di salsa di soia
il secondo con umeboshi
Si possono mangiare in qualsiasi momento ed in ogni posto, sono comodi e gustosi.
Sono in vendita persino nei convenience store (piccoli supermercati aperti 24 ore su 24).
Ma in genere sono le mamme che li preparano nella tradizionale forma triangolare.
I bambini imparano sin da piccoli a dare questa forma al riso, io mi diletto a farli con le mie indispensabili formine. 
Ognuno pesa circa 65 gr.
Qui vestiti con nori, un'alga venduta anche in Italia, serve per non far attaccare il riso alle dita.
Per preparare gli onigiri serve il riso cotto alla giapponese  in determinate proporzioni di acqua e riso, altrimenti non tengono la forma.
Appena pronti, mettere in una coppetta un pizzico sale ed un po' d'acqua e con questo bagnarsi le mani ed accarezzare gli onigiri, seguendo la loro forma, in questo modo i chicchi di riso restano attaccati.
100 gr. di riso
150 ml. di acqua
far cuocere per 30-35 minuti
*
150 gr. di riso
200 ml. di acqua
far cuocere per 30-35 minuti
*
300 gr. di riso
400 ml. di acqua
far cuocere per 30-40 minuti
*
450 gr. di riso
500 ml. di acqua
far cuocere per 30-40 minuti
*
600 gr. di riso
700 ml. di acqua
far cuocere per 30-40 minuti
*
Nel caso si aggiunge sake o salsa di soia, oppure altri liquidi, aumentare di qualche minuto il tempo di cottura. Se si aggiungono verdure, pesci, carni o altro, è opportuno mettere un po' di sale, ma non serve aumentare il tempo di cottura.
Questo vale per il riso giapponese, se si vuole usare del riso italiano, consiglio il riso Arborio superfino "per risotti", ho avuto modo di usarlo ed ha dato ottimi risultati.

Onigiri esposti in un banco di un grande magazzino

Il riso, prima della cottura, va lavato accuratamente per togliere l'amido contenutovi. Basta smuovere un poco l'acqua in cui viene lavato, per vedere come sia torbida.
Impugnandolo e strofinandolo con la mano, come se fosse sabbia, si cercherà di pulire bene ogni chicco di riso.
Si dovrà cambiare l'acqua 4-5 volte continuando con questi mavimenti. Infine, eliminare completamente l'acqua, scolando il riso con un colino a maglia stretta, e strofinare il riso con il pugno chiuso, come se si lavassero dei panni sul mastello.
Dopo aver cambiato ancora 2-3 volte l'acqua, questa risulterà limpida. Finalmente il riso è pronto per essere cotto.
Trasferiti i chicchi di riso dentro suihanki (pentola per il riso), aggiungere l'acqua nella quantità necessaria. In questo momento si aggiungono altri eventuali ingredienti, come: castagne, funghi, piselli, pesce, ecc. Chiudere la pentola e programmarla per l'ora desiderata.

E' possibile avere quasi lo stesso risultato anche con una pentola tradozionale con coperchio, vedere qui per le modalità.

Una carrellata di onigiri preparati tempo fa
con salmone
ancora con umeboshi
con riso cotto insieme ai piselli

Ed ecco quelli che ho preparato oggi
Nella formina, appena umida, ho messo il riso bianco, ho chiuso con il suo coperchio e pressato, quindi l'ho sformato. E' importante farli quando il riso è caldo altrimenti non prendono bene la forma,
Se non si ha la formina, è possibile farli con le mani: mettere su un foglio di pellicola per alimenti 65 gr di riso cotto alla giapponese, serrarlo bene e dargli la forma triangolare, se risulta difficile si possono fare anche ovali. Quelli a sinistra-sotto sono fatti a mano; a destra-sotto sono fatti con la formina.
Per fare quello marroncino, ho tostato dei semi di sesamo, li ho frullati, ho aggiunto un goccio di salsa di soia, ho mescolato al riso e con questo ho fatto l'onigiri.
Nel caso si preparano in anticipo, per non far indurire la superficie dell'onigiri, basta avvolgerli nella pellicola per alimenti, resteranno soffici.
Difficile resistere, ho addentato quello con umeboshi:
buono, molto buono!

16 commenti:

  1. La scorsa estate ne ho mangiati una quantità impressionante! Che buoni! E non ho resistito, mi sono comprata anche una formina molto simile alla tua!!!

    RispondiElimina
  2. Ti prego sono una meraviglia! Poi io adoro la cucina giapponese in particolare il riso nelle sue mille forme e sapori. Ci potrei anche provare ma senza formina sarà dura! Chissà se on line troverò qualcosa di simile.. che riso mi consiglieresti di usare?

    RispondiElimina
  3. Mmmmmm! Buoni!
    Sono davvero pentita di non aver comprato la formina per gli onigiri in giappone.... non pensavo fossero così facili da fare, invece grazie alle tue indicazioni il riso viene una meraviglia!!!
    Un bacione

    RispondiElimina
  4. Mi hai fatto venire l'acquolina...Però credo che farò le cose gradatamente:prima imparerò a cuocere il riso come dici tu, e poi passerò a questi deliziosi bocconcini. Grazie per la ricetta!

    RispondiElimina
  5. Ciao Anna .. grazie per la tua ricetta sugli onigiri .. L'ho già inserita nella mia raccolta!
    un baciotto

    giugiù

    RispondiElimina
  6. fantastica questa ricetta di sicuro mia figlia impazzirò a vederlo lei rimane affascinata da tutto quello che arriva dal giappone e cina !

    RispondiElimina
  7. @Jelly... A me piacciono moltissimo!
    Ottima idea comprarsi la formina.

    @Cianfresca... Si potrebbero fare anche con la pellicola alimentare, ma la forma non viene perfetta.
    Penso che su Internet non sia difficile trovarle.
    Per il riso, vedi questo post di Cmdd (Chiara)
    http://nugaeleves.blogspot.com/2009/01/giappocena.html

    @Cmdd... Come ho detto a Francesca, penso che si trovino anche su Internet.
    Chiara, spero non ti dispiaccia se ho comunicato il link del tuo post

    @caty... Grazie a te per la visita.
    Fai bene ad apprendere prima il metodo di cottura del riso, penso che sia la cosa fondamentale per la buona riuscita degli onigiri

    @Giugiù... Grazie carissima, metto il link di collegamento al più presto.

    @Mary... Lo so che ai ragazzi piacciono questi alimenti, fanno tanto MANGA

    Grazie a tutte per la gradita visita.
    Abbracci a tutte!

    RispondiElimina
  8. ♫♫♫♫ Ciao Anna,complimenti questi onigiri sono proprio belli e buoni (-_^) senti una curiosità ma gli oniegiri si possono fare anche dolci? se la risposta e si .... vorrei sapere come si fanno e se esiste un onigiri farcito alla ciliegia ? grazie (^_^)
    p.s. passa da me ho un premietto per te (^_^) baci baci ♫♫♫♫

    RispondiElimina
  9. Grazie mille per aver partecipato alla mia iniziativa!

    RispondiElimina
  10. @may26...May grazie per la visita e per il premio. Passo a prenderlo tra poco.
    Per gli onigiri dolci, aspetta che ti posto quello che ho fatto oggi.
    Penso che ci stiano bene anche le ciliege.
    Bacioni!

    @Jelly... Grazie a te carissima! Bellissima raccolta!
    Baci!

    RispondiElimina
  11. Ciao sono rita e ho 13 anni sono un amante del giappone in tutto e per tutto!!!
    Ho un'amica giapponese che mi ha insegnato a fare gli onigiri a mano però è più con lo stampino!:D
    volevo complimentarmi con te perchè il tuo Blog è bellissimoo...e se non sbaglio in giapponese... KIREI..(o kawaii!)
    tu continua con le tue fantastiche ricette...ciao!!!

    RispondiElimina
  12. Rita, grazie della visita!
    Ti ho messa tra i miei preferiti.
    Ho scritto anche sul tuo blog!
    Ciao, ciao!

    RispondiElimina
  13. Ottima ricetta, grazie, la cercavo da tempo in quanto ho provato a farli ma si sono un po' smontati (ho usato il riso originario che pare essere molto simile al riso giapponese). Ti aggiungo tra i blog che seguo!

    RispondiElimina
  14. Che bei stampini, senza quelli niente onigiri per me :-(

    RispondiElimina
  15. Buoniiiiiiiiii...........vivrei di riso!!!!!! Grazie anche per questa!!!!

    RispondiElimina
  16. @Cristina
    @accantoalcamino
    @Bucaneve
    ;-) ;-) ;-)

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)