martedì 6 marzo 2012

Quanti modi di fare e rifare i "Cjalsons aromatici"

E come ogni 6 del mese eccoci a spignattare insieme, questa volta abbiamo invaso la cucina di Stefania di Nuvole di farina per preparare i suoi Cjalsons aromatici, tipica pasta ripiena friulana, per la nostra cucina aperta "Quanti modi di fare e rifare" che, io ed Ornella, coadiuvate da tantissime amiche, portiamo avanti da più di un anno.
(Qui per la presentazione e guida)

Vi ricordiamo che
ci si può incontrare su

Il pdf con tutte le ricette del 2011
Per sfogliare (Qui)
Per scaricare (Qui)


Avevamo annunciato che anche questo mese ci sarebbe stato un evento, ma cosa sarà mai? Ma, in questo mese, il 22, la nostra Stefania compie gli anni e siamo felici di festeggiarla nella sua cucina, anche se con un po' di anticipo: BUON COMPLEANNO cara Stefania!!!!!!!!! E buon Cjalsons a tutti :D :D

I cjalsons sono stati una bella sorpresa per me, mi sono piaciuti così tanto da farne due versioni diverse, entrambe buonissime:
°°°°°°°°°°°°°°°
1) Cjalsons aromatici con grano saraceno e patate
Per l'impasto
  • 50 gr di farina di grano saraceno
  • 50 gr di patate cotte al microonde
  • un pizzico di sale
  • acqua tiepida q.b.
Ho impastato la farina di grano saraceno con la patata caldissima, sbucciata e schiacciata con la forchetta, il sale e pochissima acqua tiepida, formato una palla e lasciata riposare per 30 minuti circa.

Per il ripieno
  • 60 gr di ricotta fatta con il siero di matsoni
  • 1/2 cucchiaino di cacao amaro
  • poco aroma arancia zuccherato
  • 1 mazzetto di erbe aromatiche a scelta (io rosmarino, menta, menta greca, melissa e salvia)
  • alcuni gherigli di noci
  • 1/2 cucchiaio di pangrattato
  • poca uva passa
Ho frullato prima le erbe e poi tutti gli altri ingredienti, in modo grossolano e messo da parte. Ho steso con il matterello l'impasto, formando una sfoglia sottile, tagliata in cerchi con un coppapasta rotondo, che ho farciti con il ripieno. I cjalsons cuociono in abbondante acqua salata finché non affiorano in superficie, ed è questione di secondi. Possono essere preparati anche uno o due giorni prima e conservati in frigo.
Per il condimento, burro fuso a cui ho aggiunto l'aroma arancia in polvere. Una vera bontà!!

°°°°°°°°°°°°°°°

2) Cjalsons aromatici al cacao
Per l'impasto
  • 50 gr di farina di semola rimacinata
  • 1 cucchiaino di cacao amaro
  • 1 cucchiaio di olio evo
  • un pizzico di sale
  • acqua tiepida q.b.
Ho impastato la farina con il cacao, l'olio evo, il sale e l'acqua tiepida, formato una palla e lasciata riposare per 30 minuti circa.
Per il ripieno
  • 1 cucchiaio di parmigiano a piccoli pezzi
  • 1 cucchiaio di caciotta vaccina stagionata grattugiata
  • poco aroma limone con zucchero
  • 1 mazzetto di erbe aromatiche a scelta (menta, melissa e salvia)
  • alcuni semi di zucca
  • 1 cucchiaio di pangrattato
  • poca uva passa
Ho frullato prima le erbe con il parmigiano a pezzi e poi tutti gli altri ingredienti, in modo grossolano e messo da parte. Ho steso con il matterello l'impasto, formando una sfoglia sottile, tagliata in cerchi con un coppapasta rotondo, che ho farciti con il ripieno. Li ho fatti cuocere in abbondante acqua salata finché non sono affiorati in superficie.
Per il condimento: burro fuso, una spruzzata di menta tagliuzzata ed un po' di aroma limone che ho fatto con le bucce di limone che avevo messo in infusione in alcol 96° per fare il limoncello (le ho frullate con dello zucchero vanigliato, messe in un vasetto con coperchio. Adesso l'aroma limone è in freezer per essere usato nei dolci). Il succo di quei limoni è diventato sorbetto, l'ho mescolato con la stessa quantità di zucchero e staziona in freezer per quando ho voglia di gelato. Non si butta niente (!).

***************************************************
Anche per i Cjalsons aromatici di Stefania di "Nuvole di farina" abbiamo ricevuto via e-mail due bellissime versioni, una da Maria e l'altra da Marika, nostre amiche non-blogger.
Qui il modo di fare e rifare di Maria:
Cjalsons
Considerato il periodo quaresimale la mia scelta è caduta su un ripieno di magro cercando di mantenere la componente dolce e salata del piatto.

Per la pasta ho aumentato le dosi perché mi servivano 3 porzioni e così ho usato:
  • 150 gr farina 00
  • 38 gr burro
  • 50 – 60 gr circa di acqua
  • 7 gr sale
Per il ripieno ho usato
  • due manciate di spinaci ed erbette (circa 80 gr di ciascuna verdura. Il peso si riferisce alla verdura già cotta)
  • ¼ di cipolla bianca
  • 25 gr burro
  • 3 – 4 cucchiai (circa 100 gr) di ricotta fresca alla panna
  • 3 cucchiai di parmigiano reggiano
  • un pugnetto di prezzemolo
  • un cucchiaino di maggiorana
  • un cucchiaio di pinoli
  • mezzo cucchiaino di cannella con un pizzico di zucchero
  • sale q.b.
  • una spolverata di pepe nero
Per il condimento ho fatto una besciamella con
  • 300 ml latte
  • 30 gr di burro
  • 30 gr di farina
  • sale qb
  • una spolverata abbondante di noce moscata, ed infine
  • una spolverata di semi di papavero
PROCEDIMENTO
Ho preparato la pasta seguendo la ricetta guida di Stefania:
fatta la fontana, inserito al centro il burro fuso con il sale e inizialmente 30 gr di acqua. Ho cominciato ad impastare aggiungendo poi altra acqua poco alla volta fino ad ottenere un impasto morbido che, fatta la palla ed avvolto in una pellicola, ho lasciato riposare per circa 30 minuti.
Intanto ho preparato il ripieno così: ho tritato la cipolla bianca e l'ho fatta appassire con un goccio di acqua, ho aggiunto una noce di burro (25 gr) , gli spinaci e le erbette precedentemente scottati e tritati. Tolto dal fuoco ho unito la maggiorana, il prezzemolo tritato, i pinoli pestati, la cannella con il pizzico di zucchero, il sale, il pepe, la ricotta a cucchiai (3-4 equivalenti a circa 100 gr regolarsi ad occhio anche in base alla ricotta più o meno cremosa e umida) ed il parmigiano.
Ho steso l'impasto con il mattarello in una sfoglia sottile, ricavato dei cerchi che ho farcito con il ripieno, chiusi a mezzaluna e sigillati ai bordi con i rebbi di una forchetta.
Mentre attendevo il bollore dell'acqua ho preparato la besciamella con abbondante noce moscata.
Ho tuffato i Cjalsons nell'acqua bollente salata e dopo circa un minuto sono venuti a galla pronti per essere conditi con la besciamella ed una spolverata di semi di papavero.
Ne sono uscite tre porzioni che abbiamo gustato con piacere; i miei giudici più severi (marito e figlio) hanno promosso questo piatto a noi sconosciuto e particolare!

Qui il modo di fare e rifare di Marika:

Ciao , vi mando la mia ricetta dei “Cjalsons”, provati e mangiati, hanno fatto da cavia due miei amici e hanno detto che gli ingredienti sono ben equilibrati e che sono molto buoni. Finito di farmi le lodi da sola ecco la ricetta:
CJALSONS DELICATI
Per la pasta:
  • 300 gr farina 00
  • 50 gr di burro fuso
  • 2 uova
  • Sale acqua q.b.
Impastare gli ingredienti, tagliare la pasta a strisce e poi ritagliare dei cerchi. Lasciar riposare.
Per il ripieno:
  • 200 gr di purè
  • 200 gr di formaggio Asiago grattugiato
  • 100 gr di ricotta
  • Prezzemolo tritato, erba cipollina e noce moscata
  • 2 cucchiai di grappa bianca dolce
Preparare il purè e lasciar raffreddare, grattugiare l’Asiago ed unirlo al purè insieme alla ricotta. Aggiungere le erbe e la grappa, mescolando bene e lasciar riposare.

Riprendere la pasta e mettere nel centro il ripieno, chiudere a mezzaluna bagnando i bordi, chiudere intorno.

Per il condimento:
  • Croccanti cubetti di speck rosolati
  • Burro color nocciola
  • Prezzemolo tritato
  • A piacere, cannella tritata.
Far cuocere i cjalsons in acqua bollente, ma a fuoco basso, scolarli con un mestolo forato e condirli con lo speck e il burro.

Grazie mille Maria e Marika, siamo felicissime della vostra partecipazione

***************************************************
Le altre versioni di questo mese


Versione di Ornella............Versione di Anna

Versione di Maria ...........Versione di Marika

Versione di Franci ........... Versione di Fr@

Versione di Elena ......... Versione di Francesca T.

Versione delle Apine........... Versione di MM_SKG

Versione di Emanuela ............ Versione di Libera

Versione di Solema .........Versione di Stefania

Versione di Stella .......... Versione di VickyArt

Versione di Dauly........ Versione di Barbara

Versione di Artù ............. Versione di Vale



***************************************************
Ricetta del 6 aprile 2012

Ed il 6 aprile tutte a casa di Federica (Note di cioccolato)
ad occupare la sua cucina per la ricetta pasquale della sua famiglia
"La pizza o schiacciata di nonna Maria"
***************************************************

28 commenti:

  1. http://www.nonnasole.blogspot.com/2012/03/quanti-modi-di-fare-e-rifare-cjalsons.html metto il link

    RispondiElimina
  2. Torno dopo a leggere attentamente, interessanti versioni.
    Buona giornata

    RispondiElimina
  3. Dimenticavo, ma quante siamo? E che bei Cjalsons arrivano dal Giappone. tiloviu...

    RispondiElimina
  4. grazie per questa bella iziativa, vi lascio il link della mia versione.
    http://lacasadi-artu.blogspot.com/2012/03/cjalsons-aromatici-quanti-modi-di-fare.html

    RispondiElimina
  5. Annina le tue due versioni sono una più intrigante dell'altra. Sei un fenomeno :) Un bacione, buona giornata

    RispondiElimina
  6. Ti copiero`l'idea del cacao nella pasta....che questi cjalsons mi sono piaciuti un sacco ....con calma vado a leggermi le altre versioni...Ciao francesca

    RispondiElimina
  7. ciao Anna,
    ... siamo anche emozionate quando alle 8 ...diamo l'invio al post!!
    Non ti avevamo mandato il link..eccolo
    http://comeunfiorellinodirosmarino.blogspot.com/2012/03/cjalsons-aromatici-con-quanti-modi-di.html
    torniamo dopo per leggerti con cura.
    Grazie le 4 apine

    RispondiElimina
  8. Lascio il mio link:http://paneburroealici.blogspot.com/2012/03/cjalsons-aromatici-per-quanti-modi-di.html
    Grazie e complimenti per le tue versioni! :)

    RispondiElimina
  9. grano saraceno anche tu... e con le patate... perfetto!! è senza glutine come base :-)

    come sono felice!!

    RispondiElimina
  10. Eccomi qui..stamattina non va nulla per il verso giusto!!!
    Bellissime ed originali le tue versioni cara Anna, come sempre riesci a sorprendermi, con gli abbinamenti ma soprattutto con la passione con cui realizzi le tue preparazioni! Da provare :) Bacio a dopo

    RispondiElimina
  11. Anna ma non ci posso credere, hai visto anche io polvere d'arancia! baci

    RispondiElimina
  12. Grazie Anna, sono molto felice di aver visto la mia ricetta tra tutte quelle delle "foodblogger" esperte.
    Mi è piaciuto tantissimo partecipare e ci riproverò.
    Certo che i tuoi con la pasta al cacao sono molto originali, ma quante versioni di un unico piatto può scatenare la fantasia e il gusto delle persone è incredibile e soprattutto avete avuto una splendida idea.

    RispondiElimina
  13. Ciao Anna,
    grazie ancora per la tua squisita ospitalità.
    Complimenti per le tue bellissime versioni, trovi sempre il modo di stupirmi con la tua sconfinata fantasia e abilità.
    Buona giornata!
    Maria

    RispondiElimina
  14. belle le tue due versioni!!! una con la ricotta come me :) l'altra mi piace perchè colorata, anche io li ho trovati buonissimi, anzi mio figlio se li ha pappati tutti e meno male che sono arrivata ad assaggiarli!! belle anche le versione che ti hanno mandato in email! ora sbircio le altre :) ciao cara!

    RispondiElimina
  15. belle le tue due versioni!!! una con la ricotta come me :) l'altra mi piace perchè colorata, anche io li ho trovati buonissimi, anzi mio figlio se li ha pappati tutti e meno male che sono arrivata ad assaggiarli!! belle anche le versione che ti hanno mandato in email! ora sbircio le altre :) ciao cara!

    RispondiElimina
  16. bellissime le tue versioni, mi piace particolarmente, come immaginerai, quella con il grano saraceno che è senza glutine! grazie!

    RispondiElimina
  17. Mi stuzzica la versione dei Cjalsons aromatici al cacao.

    RispondiElimina
  18. Grazie anna per gli auguri e per la possibilità di mettere una ricetta proprio in questo mese, arrivo solo adesso a guardare la tua e le altre versioni causa impasti e lievitati vari, am tu mi puoi capire quando il lievito chiama...

    ottimi i tuoi cialsons, li voglio provare. Un abbraccio

    RispondiElimina
  19. ma che belle versioni, e belle anche quelle delle amiche senza blog!

    RispondiElimina
  20. no, sul serio, io ora muoio di fame. non so quali vorrei mangiare per primi!

    RispondiElimina
  21. Ciao Anna!
    Ma che buoni i tuoi cjalsons! Quelli al cacao da provare senz'altro!

    RispondiElimina
  22. Queste versioni sono tutte squisite... non saprei proprio quale scegliere!

    RispondiElimina
  23. Anna , siamo ritornate.
    Un BRAVE...SSIME a Maria e Marika per i loro Cjalsons. Bene arrivate!!
    Tu sei sempre una sorpresa-conferma aroma arancia, semi di zucca, aroma limone con zucchero ecc........
    Impariamo sempre qualche cosa.
    Grazie per tutto l'impegno che questa iniziativa richiede...è un appuntamento talmente bello!!
    A presto le 4 apine

    RispondiElimina
  24. Ciao Anna, ieri non riuscivo a passare da te...blogger mi bloccava, ti ho lasciato i saluti da Ornella.
    Questo mese siamo aumentate in famiglia..un sacco di buone ricette, simili ma tutte diverse, splendido!
    Le tue versioni sono una meglio dell'altra, complimenti e mi sono unita ora tra i tuoi followers scusami pensavo di esserci già! bacioni! elena

    RispondiElimina
  25. Mi piace un sacco la ricetta di aprile....non vedo l ora di mettermi all opera....Grazie per essere passata da me!!

    RispondiElimina
  26. Ringrazio tutti, siete molto cari!
    :D :D :D

    RispondiElimina
  27. Arrivo in ritardo a salutarvi tutte! Bravissime come sempre, adoro la filosofia di "quanti modi di fare e rifare", mi piace "rifare" così per il puro piacere di stare insieme (anche se virtualmente), per la condivisione di molto di più di una ricetta! Un abbraccio grandissimo cara Anna che estendo a tutte voi "quantiste" che passerò a salutare♥♥♥

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)