mercoledì 22 giugno 2011

Kakiage, ma niente a che vedere con quella di mia suocera


Quando ho letto la ricetta della sfida di MTChallenge di giugno, proposta da Acquaviva, mi sono chiesta se era o no il caso di partecipare.
Primo perché qui io ho la possibilità di trovare tutti gli ingredienti, per questo sarei stata avvantaggiata, e secondo perché la bella presentazione fatta da Acquaviva, tutta precisa con le dimensioni degli ingredienti e le regole della pastella, poco si adattava alla frittura (tenpura o kakiage che dir si voglia) che io ho sempre mangiato qui, che ci preparava mia suocera: da leccarsi ohashi.
Io non sono mai stata capace di eguagliarla.

Nonostante tutti i tentennamenti, alla fine mi sono decisa a fare kakiage ma seguendo, nel possibile, quello che ho appresa da mia suocera

Ho usato gamberi, polpo, cipolline, funghi eryngii, gobou (bardana), foglie di shiso rosse e verdi.
Ho sbollentato sia i gamberi che il polpo, ho tolto la sacchetta venosa dalla schiena dei gamberi dopo averli sgusciati.
Ho tagliato per la lunghezza i gamberi e a tocchetti i tentacoli del polpo. A fette le cipolline e il fungo eryngii e a julienne gobou. Le foglie di shiso le ho lasciate così com'erano.

In una ciotolina ho unito cipolla e gamberi, in un'altra cipolla e polpo, le altre verdure in ciotoline separate.
Ho grattugiato daikon da usare come salsina con l'aggiunta di tsuyu.
In una ciotola ho messo della farina (senza pesarla) e preparato dell'acqua che avevo messo precedentemente in freezer.
Approntata la griglia per sgocciolare la frittura coperta da carta assorbente.

Quando l'olio era a 180°C, ho aggiunto l'acqua ghiacciata alla farina, tanta da avere una pastella morbida e mescolato pochissimo lasciando la pastella grumosa.

Una spolverata di farina sulla piccola parte di ingredienti che mi apprestavo a friggere, trasferita nella pastella e, con l'aiuto di saibashi e ami shakushi tuffata nell'olio bollente.
Non bisogna rigirare la frittura (perderebbe la forma), ma spingerla dentro l'olio con l'aiuto di un piccolo mestolo che servirà anche a versare sulla frittura l'olio bollente.
Toglierla appena diventa dorata e trasferirla sulla griglia della frittura

Sistemarla sul piatto da portata con dentro della carta assorbente e servirla con la salsina di daikon e tsuyu.

Non è come quella fatta da mia suocera: leggera e croccante, ma almeno non era appesantita dalla pastella che non deve ammalloppare gli ingredienti in frittura.
Noi l'abbiamo mangiata con riso al vapore e miso shiru e da bere, cosa ci sta meglio di una buona tazza di tè giapponese?

Questa ricetta è per MTChallenge di giugno
MTChallenge di GIUGNO- la ricetta della sfida è...

22 commenti:

  1. Che sia uguale o no alla tenpura della suocera a me sembra ottima! Che belle le foglie di shiso a quale sapore( a noi conosciuto) assomiglia? Ciao carissima buon pomeriggio

    RispondiElimina
  2. Non credo potrò mai replicare questa ricetta per via degli ingredienti ma dev'essere una favola :)Adoro il Giappone!!
    Se vuoi vedere cos'ho fatto io passa da me :) un bacio http://paneeacquadirose.blogspot.com/2011/06/kaki-age-di-mele-con-crema-alla.html

    RispondiElimina
  3. @ornella
    Grazie cara, shiso viene considerato il basilico giapponese. E' profumato e si usa in tanti modi: insieme al sashimi, con umeboshi, si fa anche una buonissima bevanda da diluire con l'acqua fredda. E' veramente un jolly tra le erbe aromatiche nipponiche.
    Un abbraccio.

    @cuoca gaia
    Sono venuta a vedere, che inventiva che hai, sei stata molto brava.
    Ciao cara

    RispondiElimina
  4. A mio avviso hai fatto benissimo a partecipare. Chi meglio di te poteva rappresentare un piatto che, diciamoci la verità, noi occidentali possiamo solo sperare di copiare con riferimento ad un libro di ricette o a quanto mangiato in un ristorante Giapponese in Italia, Ora, a parte il fatto che il 98% dei ristoranti cosiddetti giapponesi sono in realtà dei cinesi 'ristrutturati' per seguire la moda (ma non vorrei dar luogo a polemiche!). Chiunque abbia viaggiato un po' sa che i ristoranti di cucina straniera riflettono sempre (diciamo, addomesticano, in senso letterale?) la propria cucina al gusto e alle abitudini del paese che li ospita. Non so se mi sono spiegata. Forse questa è solo un'altra delle mie classiche tiritere contro le mode. Ciao e bravissima, tua suocera sono sicura sia orgogliosa di te.

    RispondiElimina
  5. (^_^) ciao Annuzza biddissima , come stai ? spero di trovarti bene (^_^)
    sono certa che vincerai il contest con questa ricetta (-_^) in caso contrario quelli non capiscono niente di cucina (^_^) un mega abbraccio baci ♥♥♥

    RispondiElimina
  6. Sai che aspettavo proprio di vedere la tua versione?
    Sublime, proprio come mi aspettavo :-)

    RispondiElimina
  7. come sarebbe, "ero indecisa?" sei la prima persona che mi è venuta in mente, appena ho letto la ricetta. Senza contare la genuinità del tuo contributo. E il tuo solito estro, nel proporci quello che fai.
    Grazie
    ale

    RispondiElimina
  8. Anna, sai cosa mi rende felice..anzi..felicissima? Che il prossimo mese sarai tu a proporre la ricetta per luglio..scomettiamo? ;-)
    Grande, grande, grande e basta :-D

    RispondiElimina
  9. tutto strepitosooooooooooo!!!

    RispondiElimina
  10. che meraviglia di piatto e di spiegazioni...
    io mi stupisco sempre delle porzioni: per una frittura -italiana che questa non son capace- avrei preso come minimo un chilo di gamberoni!!!

    RispondiElimina
  11. Ecco perché non voglio partecipare: ma come si fa a preparare certe meraviglie??? Non sono proprio capace!!!

    RispondiElimina
  12. Ciao cara
    veramente meraviglioso, ho anche imparato delle cose nuove
    però toglimi una curiosità e scusa l'ignoranza in materia, ma il daikon è quel rapanellone bianco che vedo nella foto o il rapanellone che compero io non ha niente a che vedere con quello ........ (... che giro di parole strano il mio!!)

    bravissima, un abbraccio
    Manu

    RispondiElimina
  13. hai fatto benissimo a partecipare... brava... :-*
    A.

    RispondiElimina
  14. ... una suocera che fa un fritto ancora migliore del tuo?! Quasi fantascienza. A me sembra già una meraviglia questo!

    RispondiElimina
  15. Bravissima davvero e che eleganza come sempre!
    Sarà l'ora però la tua frittura fa davvero venire l'acquolina in bocca.
    Io non sono capace di friggere :-(
    Ancora complimenti!

    RispondiElimina
  16. ..e ma tu giochi in casa!!! Brava sei stata meravigliosa, un post attento e puntuale con tante nozioni nuove, almeno per me...grazie!
    E complimenti hai preparato un'ottimo piatto! Baci

    RispondiElimina
  17. @alex di `food4thorgt`
    Non sai quanto io sia d'accordo con quanto da te scritto, parole sante.
    Mia suocera non è più tra di noi, ma non si è mai lamentata della nuora straniera che le era capitata ^-^!

    @may26
    Biddissima amica mia, come va il pancione? Quando puoi metti una foto di là, vorrei vederti ;-)
    Ma sai che non ho nessuna pretesa di vincere i contest? Molte volte partecipo per mettermi in discussione. Questa volte volevo suggerire di mettermi fuori concorso, in fondo ho fatto di testa mia senza seguire le indicazioni ^-^!
    Una carezzina al pancione ed un bacione a te.

    @arabafelice
    cara, la tua non è assolutamente da meno ;-)

    @alessandra (raravis)
    Sei molto cara Alex, ma lo so di essere sempre nelle vicinanze del fuori-concorso.
    Vedi un po' tu sul da farsi.
    Ciao cara ;-)

    @accantoalcamino
    Liberuccia, ma che farnetichi!! Ma hai visto il mio modo di fare e quello consigliato? Secondo me merita il fuori-concorso ;-)

    @raffy
    grazie, grazie ^-^!

    @ValeTork
    Sai Vale, qui ci "fregano" con le varietà non con le quantità ^-^.
    Ma sempre assai si mangia ahahahahaha!!!

    @fantasia
    Ma senti chi parla: la modestina che fa capolavori a non finire ;-)

    @Manu
    Cara, se fai clik sulla parola daikon evidenziata, vai su un sito wikipedia con foto e spiegazioni.
    Non so cosa sia il rapanellone che usi tu come daikon (anch'io, che giri di parole!!!!) ;-)

    @fragoliva
    Grazie, di cuore! :)

    @acquaviva
    Con una suocera nipponica, se si parla di questi cibi, niente è fantascienza è il meno che ci si possa aspettare
    Ma, non semplice "fritto"... tenpura o kakiage. La frittura occidentale è stata sempre di mia pertinenza ;-)

    @Fabipasticcio
    Grazie Fabiana, neanch'io sono molto brava. Almeno non all'altezza della mia "fu" suocera

    @elena
    Eh, sì! gioco in casa ^-^.
    Grazie per le belle parole ;-)

    Baci ed abbracci a tutti/e!!!!

    RispondiElimina
  18. Perchè non hai vsto la mia "prova" :-D Scometto tutto s di te..e basta :-D

    RispondiElimina
  19. Grazie cara
    è quello che intendevo io
    ne ho imparata un altra ;-)

    buon weekend
    un abbraccio
    Manu

    RispondiElimina
  20. Se il tuo kaki age mi sembra spettakolare, non oso immaginare quello di tua suocera!!! :-9

    RispondiElimina
  21. @๓คקเ
    Grazie mille ;-))

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)