venerdì 27 maggio 2011

Anche senza pecorino, secondo me, son "FIADONI"


Facendo zapping tra i blog mi sono imbattuta in una preparazione interessante che non conoscevo "I fiadoni abruzzesi", guarda che ti riguarda ho visto che sia Fabipasticcio che Vale Tork li avevano fatti. Anche se una li aveva preparati a mo' di pastiera e l'altra in una forma diversa, entrambe gluten-free.
Logicamente mi è venuta subito la voglia di provare, e dato che era una prova ho deciso di minimizzare le quantità originali.
Ma avevo fatto i conti senza l'oste, dove vado a trovare tutto quel pecorino, anche se diminuisco le quantità? Vale Tork ha detto che era necessario tutto, altrimenti "non fiadono" (non rimane la fiatella dovuta al pecorino) ahahahahahaha!!!
Nel frigo avevo una caciotta di latte di mucca moooooolto stagionata (l'avevo comprata più di 3 anni fa ad Alberobello). Era sigillata sottovuoto, per questo era in perfetto stato.
Ho usato una parte della caciotta ed un poco di parmigiano. Per timore che non "fiadessero" abbastanza, ho aggiunto anche della pancetta.
Posso dire che "fiadono" molto bene.
Per le ricette a regola d'arte, bisogna vedere i blog di Fabipasticcio e di Vale Tork. Io ho preso un po' dall'una ed un po' dall'altra, equamente ^-^!
Per saperne ed informarsi di più, bisogna vedere qui.

Io li ho fatti così:

Per la sfoglia
80 gr di farina debole
20 gr di uovo (poco meno di metà)
1/2 cucchiaino di zucchero
1/2 cucchiaino di lievito istantaneo
1 cucchiaio di olio evo
1 cucchiaio o poco più di latte
sale qb

Per il ripieno
30 gr di uovo (poco più di metà)
35 gr di caciotta di latte di mucca molto stagionata
15 gr di parmigiano
20 gr di pancetta
1/2 cucchiaino di lievito istantaneo
alcune foglioline di origano fresco
sale e noce moscato

Ho impastato gli ingredienti della sfoglia, regolando la quantità del latte sino a fare un impasto morbido ma non attaccaticcio. L'ho coperto con una ciotola e tenuto da parte.
Nel frattempo ho amalgamato gli ingredienti del ripieno.
Ho tirato la sfoglia con la macchina della pasta abbastanza sottile, una tacca prima di quella più sottile. Con un coppapasta ho tagliato tanti dischetti, ho appoggiato dentro una pallina di ripieno ed ho chiuso in due la sfoglia, dopo aver inumidito con acqua i bordi che ho pressato, formando dei ravioli. Li ho rifilati con la taglierina dentata, ho fatto una piccola incisione sulla pancia ed ho messo a cuocere in forno preriscaldato a 180°C per 10 minuti circa.

Ma, ad un certo punto il ripieno è finito e la sfoglia avanzata si era un poco indurita, e adesso cosa faccio? Certamente non mi sono data per vinta, ho lasciato i dischetti aperti e ci ho messo sopra del formaggio filante, pancetta e origano fresco.
Anche questi sono strabuonissimi!!!!!

Sia quelli a raviolo che questi aperti li abbiamo mangiati a mo' di aperitivo, accompagnati da un bel bicchiere di birra. Sono veramente buoni!
E' la sfoglia che è buonissima, friabile e saporita, penso di rifarla e di usarla con altri ripieni.
Ne abbiamo mangiati un bel po', ne sono avanzati un poco di ogni tipo, il giorno dopo li ho fatti riscaldare in forno per 5 minuti e sono diventati croccanti come appena sfornati.

(I fiori sono "Oncidium cebolleta" della famiglia delle Orchidee)



Questa ricetta partecipa a
L come L'Aquila (Abruzzo) per l'Abbecedario Culinario
Ospitato da "In cucina senza glutine"

14 commenti:

  1. La cosa buffa è che io, da abruzzese, li conosco solo di nome ma non li ho mai fatti nè assaggiati :))) Interessante quella sfoglia, molto leggera rispetto alle solite. Un bacione, buon fine settimana

    RispondiElimina
  2. sai che "fiadone"!!!

    sono bellissimi ^-^
    un pochino di abruzzo in giappone, che bello!

    RispondiElimina
  3. Anna mi fanno gola da matti!! Ho appena finito il pane carasau (buonissimo) ed ora m'invogli con questi! Copiooo!
    Che meraviglia anche la tua orchidea (io la chiamo così non conosco il nome esatto..)
    Un abbraccio, buon fine settimana!

    RispondiElimina
  4. Sono molto invitanti questi fiadoni.

    RispondiElimina
  5. Bravissima!
    Sono straconvinta che avrebbero comunque fiadato i tuoi fiadoni!
    Bella bella bella l'orchidea!
    Speriamo che le mie rifioriscano...prima o poi
    Buon fine settimana
    baci baci

    RispondiElimina
  6. bellissimi e buonissimiiiiiiiiiiiii!!

    RispondiElimina
  7. che delizia!
    buonissimi assolutamente da provare!

    RispondiElimina
  8. @Federica
    Ciao bel pulcino ;-)
    La sfoglia è veramente una rivelazione, l'ho usata per un rustico con zucchine e formaggio ed è venuto buonissimo.

    @ValeTork
    Il Giappone ringrazia per i fiadoni abruzzesi, li presento in una delle mie lezioni -_-!

    @ornella
    Neanch'io so il nome di questa orchidea, me ne hanno regalato un mazzetto e mi piaceva immortalarle con i fadoni.
    Ornella, fiadono ma sono di un buono.....!!

    @Fr@
    Grazie cara, effettivamente sono buoni ;-)

    @Fabipasticcio
    Mi sono convinta a farli vedendo i vostri blog ;-)) Fiadono, fiadono ma sono di un buono!!!

    @raffy
    Grazieeeeeeee!!!!

    @ristoranti roma
    Sono buoni assai, ve lo assicuro!!


    Baci ed abbracci a tutte voi!

    RispondiElimina
  9. Ciao Anna, sai che sono proprio belli? E certamente anche buoni, sono in lavoro per te ;-)

    RispondiElimina
  10. @accantoalcamino
    @ღ Sara ღ

    Baci ragazze, adesso ho visto i vostri messaggi, I'm sorry
    ;-) ;-)

    RispondiElimina
  11. vanno "benerrimo"!!

    grazie!

    potresti dire che questa ricetta partecipa all'Abbecedario??

    vado ad aggiungere nel post :-)

    RispondiElimina
  12. Vale, fatto!
    Grazie dell'opportunità
    baci :D

    RispondiElimina
  13. Ciao, benvenuta nel nostro viaggio culinario ed eccoti l'ultimo tassello della nostra tappa in Abruzzo, la pagina dell'Abbecedario con tutti i contributi: http://abcincucina.blogspot.com.es/2012/06/l-come-laquila.html!

    Grazie per aver partecipato e continua a viaggiare con noi!
    Aiu'

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)