sabato 18 settembre 2010

Frullato di basilico per le linguine


A casa mia, il pesto che usiamo è più un frullato di basilico che un vero e proprio pesto.

Mi è capitato qualche volta di ricevere in regalo dei vasetti di pesto di basilico (sia fatto da amiche che industriale) fatto come si dovrebbe fare il pesto di basilico: aglio, pecorino, parmigiano e le assolutamente necessarie foglie di basilico, i pinoli e l'olio e sale, ma nessuno dei miei lo preferisce.
Certamente, il pesto di basilico industriale è già poco buono di suo, poi con l'odore di aglio e pecorino........

Io uso questi ingredienti:
basilico
pinoli
olio, sale
un cubetto di ghiaccio (per non far scurire il basilico)

Faccio frullare i pinoli, aggiungo il basilico lavato e fatto sgocciolare, il ghiaccio ed aggiungo l'olio poco per volta.
Quando il tutto è ben amalgamato unisco il sale ed il pesto (o frullato???) è bello e pronto per essere mescolato con la pasta più idonea, a me piacciono le trenette ma qui non è facile trovarle e le sostituisco spesso con le linguine.
Solo dopo averle impiattete ci spolvero del buon parmigiano appena grattugiato.

A mia figlia, da piccola, non piaceva l'aglio, per questo lo usavo poco. Questa abitudine si è radicata ed è rimasta nonostante che mia figlia sia diventata grande e mangi di tutto.

Non so se è vero, ma tempo fa ho letto su un giornale che per l'uso di aglio e cipolla l'Italia è divisa in senso verticale: nella parte est (adriatica) si usa più cipolla che aglio, mentre nella parte ovest (tirrenica) più aglio che cipolla.
A pensarci bene, il sugo di pomodoro napoletano prevede l'aglio, mentre quello della mia zona d'origine (Puglia) prevede la cipolla.
Non che a est non si usi per niente l'aglio ed a ovest la cipolla, è solo questione di proporzioni.


Quest'anno il basilico mi ha creato molti problemi, probabilmente per la temperatura molto alta oppure perché non voleva diventare grande, ma da quando ho iniziato ad innaffiarlo con acqua e latte (come mi ha suggerito Ornella) ha messo su delle belle foglie e siamo riusciti a mangiare del buon pesto.

Allora, con questo vi saluto! Ci si risente a fine mese, al mio ritorno a casa.
Un abbraccio intercontinentale a tutti. A presto

18 commenti:

  1. Anche ii Anna non amo molto l'aglio!
    Buono questo frullato :-))))
    baciussssss Ale

    RispondiElimina
  2. Ciao Anna
    bravissima mio marito è ad est e non sopporta l'aglio, mia suocera invece l'adora, mi sa che unisco l'Italia!!!
    A proposito l'Italia ti aspetta,
    buon viaggio
    Un abbraccio
    Manu

    RispondiElimina
  3. Anche io lo faccio senza l'aglio perché mio marito è intollerante...

    RispondiElimina
  4. Non lo abbiamo mai provato il pesto così come lo fai tu, ma amiamo così tanto il basilico che immaginiamo ci piacerebbe lo stesso, di sicuro è molto più delicato, è un esperimento che sinceramente siamo curiosi di provare!
    Buona domenica
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  5. cara Anna, deve essere telepatia...proprio oggi mentre occhieggiavo i miei vasi sul terrazzo la mia attenzione è stata attratta da due ciotoloni di lussureggiante basilico, e figurati se non ho pensato di trasformarli in pesto!! Credo proprio che proverò la tua ricetta!!!
    Ma puoi spiegarmi meglio l'annaffiatura con acqua e latte, che questa proprio non la conoscevo?!
    In quali proporzioni, e va bene per tutte le piante?
    Un baciotto.
    Elena.

    RispondiElimina
  6. ^^ Io di solito quando cucino l'aglio tendo a laasciarlo intero così poi mi mangio lo spicchio intero, mi piace proprio e fa anche bene alla salute! Certo, non a quella sociale, ma mi limito e quelle poche volte la Scimmietta fa finta di niente :) anche questo è amore!
    Quella dell'acqua e latte non la sapevo proprio, il prossimo anno proverò! Ciao!!

    RispondiElimina
  7. Un pesto di basilico così in purezza...ottimo! Mi sembra di percepirne il sapore fresco e intenso. Brava. Spero che tu ne abbia fatto una bella scorta.

    RispondiElimina
  8. davvero particolare, e lascia intatto il suo sapore :)

    RispondiElimina
  9. mmmm mi sa che il tuo è di una delicatezza e di un gusto unico!!!Non resta che provarlo ;P

    RispondiElimina
  10. non finisco mai di imparare leggendo i tuoi post

    ghiaccio per non scurire il pesto

    latte per aiutare la pianta a crescere

    capito e annotato

    sbacettini

    RispondiElimina
  11. sono capitata qui indirizzata dalla vulcanica stefania di cardamomo & Co.
    la ringrazio perché così ho scoperto il tuo interessantissimo blog!

    ti verrò spesso a trovare,
    gaia

    RispondiElimina
  12. Ciao Anna!
    anche io sono capitata qui tramite Stefania, come ti ho detto in un altro post.
    Sai che, a parte il ghiaccio, io faccio così il pesto, soprattutto perchè poi lo congelo, per conservarlo.
    Sempre in un secondo momento aggiungo formaggio, di solito pecorino perchè il latte vaccino è problematico, e l'aglio non l'ho metto mai, soprattutto se devo congelarlo.
    Io sono un ibrido, nata e cresciuta sul versante tirrenico, ma ormai acclimatata da anni sul versante nord adriatico. Quindi uso aglio e cipolla con piacere!
    Continuo a guardare le tue belle ricettine!
    Grazie mille e buona giornata!

    RispondiElimina
  13. Sono arrivata qui dal blog di Fabipasticcio, mi sono segnata tra i tuoi sostenitori così non ti perdo!!!

    RispondiElimina
  14. Sono capitata qui dopo aver letto il post che ti ha dedicato "Fantasie di Stefania"... con una presentazione così non potevo non passare! buono il tuo pesto! Passa un nuovo ponticello se ti va su dolcesalatopepato.blogspot.com ciao

    RispondiElimina
  15. Carissima Anna, non sai che piacere infinito è stato per me conoscerti. Non ti avrei più mollata e non ti dico ora che sono distrutta dopo una giornata intensissima di lavoro e di delusioni, come mi piacerebbe stare lì a chiaccherare con te, che profondi tanta calma, serenità e dolcezza! Mi manchi!
    Ti ringrazio per le bellissime parole che hai lasciato sul mio blog... mi hanno già tirata un po' su...
    Ma quando torni???? ;)
    Baciiiiiiiiiiiiiiiiiii

    RispondiElimina
  16. Ciao Anna carissima non avevo mai preso in considerazione di fare il pesto senza aglio ma se lo dici tu sono certa che mi piacerà! Sono felice che il basilico sia cresciuto il necessario per fare il pesto! Un abbraccio grande a presto

    RispondiElimina
  17. @Ale
    Io uso l'aglio, ma solo quando necessita veramente.
    Baci Ale, ciao ciao!

    @Manu
    Famiglia internazionale la tua ^-^!
    Sembra un sogno la mia venuta in Italia, sigh!
    Baci carissima Manu

    @fantasie
    Stefania, anche tuo marito ha le sue intolleranze?? Mi sembrava onnivoro ^-^.
    E' stato bellissimo incontrarti!
    Anch'io sarei stata per moltissimo altro tempo con te e tuo marito.
    Peccato che sono ripartita la mattina successiva.... sarà per la prossima volta.
    Un caro saluto a tuo marito ed a te bacioni, bacioni!

    @Luca and Stefania
    Ciao carissimi, bisogna essere curiosi nella vita...ahahahaha!!!
    Buon fine settimana, baci!

    @cippamunka
    Elena cara, Ornella mi ha detto che la suocera, quando finisce il latte, riempie la busta vuota di acqua e la versa sul basilico per innaffiarlo. Penso che vada bene per tutte le piante.
    Baci e buon fine settimana

    @Jul e Mo
    Moreno, se piace, piace!
    Io, nel possibile, cerco di evitarlo.
    Stoica la Scimmietta ^-^!
    Secondo me funziona il misto acqua latte.
    Un abbraccio!

    @BARBARA
    Purtroppo no! Le foglie non erano tante. Per di più, al mio rientro in Giappone ho visto che le foglie sono in fase terminale, uffa!!!!
    Ciao cara!

    @Mirtilla
    Sì, proprio così!
    Grazie cara, un abbraccio!

    @Una ZenrApois
    Grazie cara!

    @Vale/Tork
    Bacioni carissima!
    Ma anch'io ho attinto da altri foodblog, è bello darsi una mano a vicenda, vero?
    Buon fine settimana!

    @La Gaia Celiaca
    Ormai sarà difficile perdersi, legati a doppio filo ^-^!
    P.S. Ho comprato i peperoni da fare con la mollica.....
    Un abbraccio

    @Fabipasticcio
    Quando ci sono le intolleranze bisogna adattarsi.
    Per me è solo indigesto.
    Grazie cara, è bello essersi incontrate.
    Un abbraccio!

    @Solema
    L'ho fatto anch'io!
    Non dobbiamo assolutamente perderci!
    Un abbraccio!

    @Erika
    Ciao cara, inserito altro ponticello!
    Un abbraccio

    @ornella
    Visto quanto successo ha riscosso il tuo suggerimento?
    La mia assenza di 10 gg ha causato un trauma al basilico che sta tirando le cuoia.... Sarà per l'anno prossimo!
    Come va il tuo parente? In bocca al lupo a lui!
    Bacioni!

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)