mercoledì 20 marzo 2019

Pane nel mondo: Tessinerbrot, pane ticinese (Svizzera)

Ho rifatto "Tessinerbrot, pane ticinese (Svizzera)" ma con il lievito naturale in coltura liquida, nella fattispecie "licolsalvia" convertendo la ricetta originale con ldb, ho usato le stesse dosi ma ho sostituito il malto, che non riuscivo a reperire, con latte scremato in polvere e miele. Per il resto è pari pari alla ricetta riportata nel post dalla Cuochina pubblicata nel blog "Quanti modi di fare e rifare" con la tag "il pane nel mondo" nella quale c'è anche una spiegazione sintetica della storia di questo pane:
Il pane ticinese è un tipo di pane bianco tradizionale del Canton Ticino, in Svizzera, ma venduto anche nel resto della nazione, dove è genericamente noto come pane del Ticino (in tedesco Tessiner Brot, in francese Pain tessinois). All'interno del Canton Ticino stesso, ci si può definire ad esso con svariati nomi specifici dei luoghi di produzione, fra cui pane riga, reale o lireta.
Per altre notizie, rimando al blog della Cuochina.

Grazie Cuochina, i tuoi suggerimenti sono sempre eccellenti!

Tessinerbrot, pane ticinese (Svizzera)

Ingredienti
125 g farina debole
125 g farina di forza
120 ml acqua tiepida
100 g di licolsalvia
5 g di latte scremato in polvere
5 g di miele
15 ml di olio extravergine di oliva
5 g di sale

Nella ciotola della planetaria, ho fatto sciogliere nell'acqua tiepida licoli, latte scremato e miele;  mescolato ed unito le farine setacciate. Quando l'impasto è diventato liscio ed incordato, ho aggiunto l'olio ed il sale e impastato finché tutto si è incorporato. Ho formato una palla che ho messo in una ciotola, coperta con una salvietta ed un pile ed ho lasciato lievitare fino al raddoppio.
Ho ripreso l'impasto e formato un filone, l'ho tagliato in cinque pezzi e ne ho ricavato delle palline, le ho coperte e lasciate riposare per 5 minuti.
Ho modellato ogni pallina in piccoli filoncini (come dice la Cuochina: il video spiega molto bene) e li ho uniti fra di loro. Ho coperto con una salvietta ed un pile e ho lasciato lievitare finché non è raddoppiato. Nel frattempo ho preriscaldato il forno a 250°C.
Quando il pane era pronto da infornare, con un coltello affilato l'ho inciso abbastanza profondamente, ho spruzzato il forno con dell'acqua e infornato velocemente. Ho portato la temperatura a 210°C e fatto cuocere per circa 25 minuti.
Appena cotto, l'ho spennellato con del burro fuso.




******************************* 
******************************


1 commento:

  1. Da mangiarlo con gli occhi! Ancora più bello "lucidato" col burro! Un bacione cara Socia

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)