martedì 26 febbraio 2019

Pane nel mondo: Hallullas Chilenas

Ho rifatto "Hallullas Chilenas" ma con il lievito naturale in coltura liquida, nella fattispecie "licolsalvia" convertendo la ricetta originale con ldb, inoltre ho usato farina multi-cereali. Queste sono le uniche cosa che lo rende diverso dalla ricetta riportata nel post dalla Cuochina pubblicata nel blog "Quanti modi di fare e rifare" con la tag "il pane nel mondo" nella quale c'è anche una spiegazione sintetica della storia di questo pane: 
Hallulla (il suo nome arabo ispanico ḥallún, (focolaio di vacanze), e questo di ḥallāh ebraico), è un pane bianco di farina raffinata. La sua forma è rotonda, soda, piatta e di consistenza semi-spugnosa. Il suo colore dorato e il gusto squisito, rendono questo prodotto, uno dei più preferiti dai cileni, dopo il marraqueta.

Grazie Cuochina, i tuoi suggerimenti sono sempre eccellenti!
Per la Cuochina

Hallullas Chilenas

Ingredienti
100 g farina di forza
50 g farina multi-cereali
50 g farina integrale
120 g licolsalvia
3 g sale
2 g di zucchero semolato
100 ml latte tiepido
30 ml di acqua tiepida
30 g burro
latte per spennellare

Preparazione
In una ciotola ho mescolato le farine col sale, aggiunto licoli, zucchero, latte e acqua e lavorato bene l'impasto. Ho unito il burro ammorbidito a temperatura ambiente e fatto inglobare, quindi ho travasato l'impasto in una ciotola leggermente imburrata, coperto con un panno ed una copertina di pile e fatto lievitare sino al raddoppio.
Ho steso l'impasto con il matterello ad 1 cm circa, ho piegato in due la sfoglia (senza ripassare di nuovo col matterello) e, con l'aiuto di due coppa pasta di diverse dimensioni, ho ricavato dei dischi.
Li ho trasferiti su una teglia da forno ricoperta da carta forno e li ho bucherellati con i rebbi di una forchetta e fatti lievitare fino al raddoppio. (Nel caso che, durante la lievitazione i fori si richiudano, forarli nuovamente più in profondità). Quindi ho spennellato con latte la superficie dei dischetti.
Fatti cuocere in forno preriscaldato a 200C° per 20-30 minuti circa, fino a doratura.


******************************* 
******************************




1 commento:

  1. Ma quanto sono buoni questi panini? Uno tira l'altro!! Da provare al più presto la tua versione cara Socia! Un abbraccio♥

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)