domenica 12 ottobre 2014

Quanti modi di fare e rifare Sos Pabassinos

Anche oggi ci ritroviamo tutti insieme con la nostra Cuochina di Quanti modi di fare e rifare. Sono sempre molto piacevoli questi incontri, si imparano tantissime cose e ci si diverte da matti.
Vorrei ricordare che dal mese scorso i nostri incontri avvengono la seconda domenica del mese, alle 9:00 (qui per saperne di più). Lo so che è ormai noto e stranoto, ma ripeterlo non fa mai male :))
Ci siamo ritrovati tutti in Sardegna, gran bella regione, a casa di Paola. Insieme abbiamo preparato dei favolosi dolci regionali: Sos Pabassinos  (pabassinos è l'uva passita in sardo, mentre sos è l'articolo determinativo plurale {da Wikipedia}, come dire "Le uve passite").

Anche per questa ricetta ho dovuto adattare gli ingredienti, non ho potuto fare la ricetta pari pari a quella originale di Paola: ne ho fatto un terzo della quantità originale; non avevo nocciole ed ho utilizzato mandorle e pistacchi; invece della buccia di limone ci ho messo l'aroma limoncello che è tanto buono; i semi d'anice mi sembravano troppi e ne ho diminuito la quantità, il termine lievito nella ricetta di Paola io l'ho interpretato come "lievito per dolci", ecc. 
Ma il risultato è stato ottimo, sono buonissimi!!!

Ingredienti
160 gr di farina debole
1/3 di bustina di lievito per dolci
20 gr di zucchero di canna
20 gr di zucchero semolato vanigliato
1 cucchiaio di aroma limoncello
40 gr di strutto home made
1 uovo
4 gr di semi di anice
50 gr di uva passa
60 gr di mandorle e pistacchi
un pizzico di sale
60 gr di zucchero a velo
succo di limone qb
pistacchi spezzettati
Strutto home made
Il giorno prima ho preparato lo strutto con 200 gr circa di carne di maiale molto grassa tagliata sottile: l'ho messa senza condimento in una padella col coperchio e fatto andare a fuoco lentissimo. Man mano che il grasso si scioglieva, l'ho filtrato, trasferendolo in un vasetto di vetro sterilizzato.
Quando è caldo, il grasso sciolto ha il colore ambrato, ma da freddo diventa bianco e spumoso.

In una ciotola ho riunito farina, lievito, zucchero, aroma limoncello, strutto, uovo ed ho amalgamato.
Quindi ho aggiunto i semi di anice, l'uva passa ammollata e ben asciutta, i pistacchi e le mandorle spezzettate grossolanamente.
Ho impastato bene, avvolto in pellicola per alimenti e messo a riposare in frigo per un'ora circa. Con l'impasto ho formato dei rotolini che ho schiacciato con le mani, e tagliati a losanga. Li ho allineati in una teglia ricoperta da carta forno e fatti cuocere in forno preriscaldato a 190°C per 20 minuti circa.
Appena freddi, li ho inzuppati nella glassa bianca fatta con lo zucchero a velo ed un po' di succo di limone mescolati a freddo.
Ho triturato finemente una manciata di pistacchi e li ho spolverati sui biscotti glassati, forse un poco in ritardo, la glassa si è asciugata in breve tempo. 
Una parte di questi biscotti li ho messi in freezer per non mangiarli tutti ;) Un paio di settimane dopo ho ricevuto la visita di una coppia di amici, è bastato toglierli dal freezer 10 minuti prima di servirli, erano perfetti. Veramente ottimi, buoni come quelli appena fatti.

**************************
Il 9 novembre, seconda domenica del mese, 
alle 9:00 saremo da Nadia
per preparare i suoi Caronsei
Vi aspettiamo
**************************
Ricordo che il blog della Cuochina è
"Quanti modi di fare e rifare"
il suo indirizzo di posta elettronica è:
quantimodidifareerifare@gmail.com
che da settembre gli incontri dei "Quanti modi" avverranno 
la seconda domenica del mese, alle 9:00
Qui per vedere la lista di tutte le ricette del 2014
e che ci si può incontrare su




12 commenti:

  1. Buon pomeriggio carissima Socia :-) Anche stamattina il nostro grande affiatamento ha dato i suoi frutti:-) ♥
    Come sempre, sono arrivate tante, bellissime e golose ricette; hai perfettamente ragione, sono veramente piacevolissimi e molto istruttivi gli incontri mensili dalla Cuochina! Baci

    RispondiElimina
  2. Lo strutto fatti in casa?? Mi sembra di vedere mia madre..ma poi i ciccioli ( is gherdas) li hai utilizzati? da noi ci si fa il pane...
    Bellissimi i tuoi dolci!!!

    RispondiElimina
  3. Cuochina Anna, come sempre sei strepitosa!!! Non solo ci regali delle golosissime ricette ma le tue versioni sono da favola, che buono il limoncello nell'impasto, i pistacchi sulla glassa, il limone (a proposito “pizzichiamo” l'idea e la prossima volta che li rifaremo anche noi col limone)! Strasupercarpiato e... a prima della prossima!

    RispondiElimina
  4. Bellissima l'idea di decorare con i pistacchi e meraviglioso lo strutto fatto in casa, sei bravissima Anna, un bacione

    RispondiElimina
  5. L'aggiunta dell'aroma al limoncello e i pistacchi mi piace molto.

    RispondiElimina
  6. Cara Anna che belli bellissima versione chissà che profumo con l'aroma al limoncello !!!!
    Ti aspetto da me il mese prossimo so che non mancherai !!!
    Un bacione con abbraccio :-)))

    RispondiElimina
  7. Erano talmente buoni che proverò diverse versioni. Tra le tante anche la tua.A me sono durati parecchi giorni in una scatola di latta.

    RispondiElimina
  8. Ciao Anna!
    Anch' io ho preparato lo strutto, siccome è sconosciuto in Grecia e tutti inorridiscono al pensiero di utilizzare il grasso del maiale per i dolci. Io comunque lo preferisco da ogni margarina sintetica.... Buonissimi i tuoi pabassinos ai pistacchi e madorle!
    Alla prossima!

    RispondiElimina
  9. Cara Anna, quando passo dalla cucina trovo sempre qualcosa da imparare!!! Lo strutto fatto in casa, l'aroma limoncello...e poi i pistacchi sulla glassa....
    Bravissima come sempre
    Un bacio

    RispondiElimina
  10. Complimenti cara Anna da te c'è sempre qualcosa di nuovo da provare. Mi piace l'idea dei pistacchi e del limoncello, per lo strutto vorrei provare a farlo.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Bellissimi Anna! Sicuramente deliziosi! I miei non hanno fatto in tempo ad arrivare al frigo D:
    Bacioni!

    RispondiElimina
  12. Buonissimi ...e con i pistacchi li devo assolutamente provare!!! un bacione!

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)