martedì 6 dicembre 2011

Quanti modi di fare e rifare lo "Stollen o Christollen"

Ed eccoci nel periodo delle feste più sentite ed attese da noi italiani, il periodo di Natale. Certamente la grande crisi, che sta investendo il mondo intero, mette a dura prova l'economia delle famiglie, ma un dolce ci sembra doveroso concedercelo, specialmente se fa parte della tradizione natalizia.
Per questo, io ed Ornella, per preparare un dolce che richiami l'idea del Natale, per "Quanti modi di fare e rifare....", la nostra cucina aperta mensile, abbiamo accompagnato le nostre amiche blogger nella cucina di "Nonna Sole" dove ci aspettava la carissima Solema
che ci ha mostrato come prepara lei lo "Stollen" o "Christollen", dolce natalizio della tradizione austro/tedesca.

Io, come faccio sempre con i lievitati, ho usato il mio licoli, per questo ho dovuto modificare leggermente sia gli ingredienti che il procedimento di Solema, nel suo blog ci sono le foto di tutti i passaggi e le dosi della sua versione.

In sostituzione del lievitino, ho rinfrescato due volte licoli con il latte in questo modo(*):
- per il primo rinfresco ho usato 20gr di licoli con 20gr di latte e 20gr di farina di forza,
- per il secondo rinfresco ho usato tutto licoli appena rinfrescato (60gr) 40gr di latte e 40gr di farina di forza.
Appena raddoppiato ne ho preso 90gr per l'impasto dello stollen, la parte eccedente l'ho usata per fare dell'altro pane.

Ingredienti per uno stollen
  • 230 gr di farina di forza (13% di proteine)
  • 60 gr di zucchero vanigliato
  • 90 gr di licoli (rinfresco (*) come sopra)
  • 45 ml di latte tiepido
  • 65 gr di burro morbido
  • 1/2 cucchiaino di cannella in polvere
  • 2 bacche di semi di cardamomo pestati
  • 160 gr di frutta secca e candita: uva sultanina; buccia d'arancia, di limone, zenzero canditi; noci; fichi e prugne secche
  • 1 uovo
  • 2 gr di sale

Ho fatto sciogliere licoli nella planetaria con il 90% di latte, ho unito lo zucchero vanigliato, la cannella, i semi di due bacche di cardamomo pestati e la farina setacciata ed ho fatto mescolare. Ho lasciato riposare per 30 minuti (autolisi), quindi ho riattivato la planetaria dopo aver unito all'impasto il sale, la restante acqua e l'uovo sbattuto. Quando i liquidi erano stati tutti assorbiti, ho aggiunto, poco per volta, il burro ammorbidito. Ho fatto mescolare sino a farlo amalgamare bene.
Ho travasato l'impasto in una ciotola appena unta con burro, coperto con pellicola per alimenti ed una copertina di pile e fatto lievitare per tutta la notte (circa 14 ore).
L'indomani mattina ho sgonfiato delicatamente l'impasto su un piano infarinato, ed ho incorporato la frutta secca ed i canditi.

Ho schiacciato l'impasto ed inserito al centro la barra di marzapane che avevo preparato la sera precedente con
  • 40 gr di farina di mandorle,
  • 50 gr di zucchero a velo
  • 10 gr di albume.
Avevo amalgamato ben bene il tutto, avvolto in pellicola per alimenti e tenuto in frigo sino all'utilizzo.

Ho avvolto con attenzione il marzapane nell'impasto e sigillato bene la chiusura. Appoggiato nella teglia ricoperta da carta forno, e coperto con pellicola per alimenti. Inserito in un sacchetto di plastica ed avvolto in una coperta di pile per far lievitare sino al raddoppio (circa 6 ore).
Ho preriscaldato il forno a 170°C e fatto cuocere per un'ora circa. Appena cotto l'ho spennellato con del burro fuso, sia sopra che sotto, poi cosparso di zucchero semolato e quindi con zucchero a velo.

Subito dopo aver fatto le foto, non ho resistito e ne ho tagliato una fettina per sentire come era venuto, era buonissimo!!!!!!
Con sforzo, l'ho avvolto in carta da forno e poi in alluminio e messo a "maturare", ma non vi dico quante volte sono andata a vedere se "maturava bene" ed ogni volta ho constatato questo con i dovuti assaggini ;-)

Dovrebbe maturare per almeno 2 settimane, ma questo non ha raggiunto neanche la prima settimana di vita :D
E con questo auguro Buone Feste a tutti coloro che passeranno di qui e che avranno avuto la pazienza e la costanza di leggere sino in fondo questo chilometrico post.

Queste sono le versioni delle amiche che hanno partecipato questo mese

Versione di Ornella.....................Versione di Vale

Versione di Stefania.........................Versione di Fr@

Versione di Elena.....................Versione di VickyArt

Versione di Dauly .....................Versione di Stella

Versione di Antonella ..........Versione di Apelaboriosa

Versione di Libera e Solema

***************************************************

Ricetta dell'8 gennaio 2012
QUANTI MODI DI FARE E RIFARE
Il mese prossimo, gennaio 2012, ci incontreremo l'8 e non il 6, ma solo per il mese di gennaio, per non far accavallare la pubblicazione della ricetta della nostra cucina aperta con il giorno dell'Epifania.
Quindi, l'8 gennaio 2012 invaderemo la cucina di Tiziana del blog Cucinando e Assaggiando per preparare i suoi favolosi "Cantucci"

Vi aspettiamo in tanti, a presto


***************************************************
***************************************************


*******************************
Altri link relativi al lievito liquido (licoli)
 
*******************************

18 commenti:

  1. Ti è venuto una meraviglia!!!!!
    Ciao e buona giornata!!!

    RispondiElimina
  2. Anna ti lascio il link al post così quando vuoi puoi aggiornare nuvoledifarina.blogspot.com/2011/12/stollen-o-christollenquanti-modi-di.html
    Il tuo stollen è uno spettacolo,
    un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Mi dispiace essermi persa quest'appuntamento con un docle che amo. La pausa dal blog mi ha giocato lo scherzetto :( Però ci faccio un pensierino per Natale visto che l'uidea "panettone" è abbandonata.
    L'alberello con le palline di stoffa è delizioso :) Un bacione

    RispondiElimina
  4. Kalimera...arrivo fra poco :-) Baci

    RispondiElimina
  5. Ciao Annina, questo mese sei dovuta andare in Baviera..ma che dolce hai conosciuto? Ma quanto è buono? Un bacino ailoviu :-)

    RispondiElimina
  6. Eccomi qui :-) Spero di non tralasciare nulla, mi manca qualche link ma arriveranno :-) La tua versione col licoli è più che perfetta e tu sempre bravissima nel creare meravigliose versioni! Noi lo abbiamo "fatto fuori"quasi subito altro che aspettare!
    Baci

    RispondiElimina
  7. anna@ eccomi... avevo programmato il post.. non so cosa sia successo.. perdono!
    ho una giornata pienerrima poi ti mando una mail per spiegarti
    apprezzerò tutto appena possibile

    ma dalle foto complimenti a tutte per questi stollen uno più bello dell'altro
    scappoooooooo

    RispondiElimina
  8. Che meraviglia, non lo conoscevo, oggi vedo che impazza sui foodblog! :)

    RispondiElimina
  9. Strepitoso lo Stollen, lo adoro!!! Quest'anno voglio provarci anch'io, di nuovo e dopo tanto tempo che non lo preparo...mi avete fatto venire una voglia pazza di farlo in casa!
    Un bacione!!!!

    RispondiElimina
  10. Ciao Anna, anche il tuo è bello soffice soffice, ma solo a me è venuto una mattonella?
    Anzi ti dirò di più, mio cognato abita in Baviera, e a Natale gli chiedo se me ne porta uno così vedo come DEVE essere! baci

    RispondiElimina
  11. Anche tu non hai resistito. :)
    E veramente buono. Come ho scritto a Ornella grazie a questa iniziativa sto scoprendo molto cose buone.

    RispondiElimina
  12. Mi dispiace non aver potuto partecipare,spero di riuscire per Gennaio.Purtroppo ho il bimbo che si è fratturato gravemente il gomito e non ho avuto tempo.....Un abbraccio e spero di esserci l'8 gennaio.Un abbraccio

    RispondiElimina
  13. cucù :-) rieccomi... devo dire che questo dolce è stato una piacevole scoperta, mi ha fatto apprezzare perfino la cannela, che non amo troppo

    vado a sbirciare, finalmente!, anche dalle altre

    RispondiElimina
  14. Bellissime tutte le versioni:))

    RispondiElimina
  15. Ma che splendore! Sai che invece in quello tedesco la barra di marzapane non la mettono?
    E che dire degli altri stollen? è imbarazzante scegliere.
    Bravissime tutte!

    RispondiElimina
  16. Licoli al terzo rinfresco... bisognerebbe provare pure il tuo...
    sarà sicuramente morbidoso e soprattutto lo rimarrà nel tempo, vero?
    complimenti! elena

    RispondiElimina
  17. @Solema
    Grazie alla tua bellissima ricetta cara nonna Sole.
    Baci
    @Stefania
    Grazie Stefania, anche il tuo è strepitoso :D
    @Federica
    Fede, dai che a gennaio ci incontriamo di nuovo, fai il possibile per essere dei nostri ;-)
    @ornella
    Indaffaratissima vero? Ma ieri ero veramente impegnata. Meno male che c'eri tu, grazie ;-)
    @accantoalcamino
    Ailoviu :-)
    @Vale
    Apprezzato, vero Vale?? Lo abbiamo apprezzato tutti :D
    @Elisa
    Eh, sì, Elisa, ieri era il giorno dello Stollen di Solema ;-)
    @Bucaneve
    Se lo fai te ne innamori! Kiss
    @stella
    Ma che dici che è un mattone il tuo, Silvia??? Non mi sembra proprio :D
    @Fr@
    Sì, sì Francesca, l'ho attaccato immediatamente :D
    Grazie per la tua assidua partecipazione, sei molto cara ;-)
    @lidia
    Lidia, peccato! Mi dispiace per tuo figlio, il gomito deve essere una cosa pazzesca, povero bimbo! Lo capisco bene, 3 anni fa mi sono fratturata il polso, che dolore!
    @Vale
    Tesorina!!! Finito l'indaffaramento???
    Buono lo stollen, vero? :D
    @giulia
    Grazie ;-)
    @Fabipasticcio
    Allora è la versione italiana quella con il marzapane?? Secondo me ci sta benissimo :D
    @elena
    Ma.... stai convertendo la pasta madre in licoli??? oppure ho capito male?? Io non ne so fare più a meno!
    Non ti so dire se rimane morbido nel tempo, è finito in un battibaleno :D

    Grazie a tutti, siete sempre molto carini.
    Baci!

    RispondiElimina
  18. Ma come faccio io a provare tutte queste ricette? Anna ed amiche, siete forti. A presto.

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)