martedì 6 settembre 2011

Quanti modi di fare e rifare gli "Gnochi de susini"


E dopo due mesi (per poter godere liberamente delle vacanze estive), eccoci di nuovo a ritrovarci insieme per il nostro divertente progetto "Quanti modi di fare e rifare...." che con Ornella ed un bel gruppo di amiche food blogger portiamo avanti dall'inizio di quest'anno.
Due mesi fa (il 6 luglio 2011) ci hanno fatto compagnia Solema, Libera, Stella, Dauly, Francesca, ValeTork, Stefania, Tiziana.
Per conoscere le semplici e facili regole di questo cucinare insieme, vedere qui.




Questa volta siamo nella cucina della carissima Libera di "Accantoalcamino's Blog" per preparare una stupenda ricetta piena di tanta nostalgia di Trieste: gli "Gnochi de susini".
E' un piatto molto particolare e buonissimo, a Trieste viene considerato come primo piatto ma, a parer mio, può entrare a pieno titolo anche nella lista del dessert.
Per la ricetta, ho seguito le indicazioni di Libera, ma ho usato un quinto circa degli ingredienti. Con queste quantità sono venuti 5 gnocchi.


Per la pasta degli gnocchi:

- 1 Kg di patate (kennebek) (200 gr)
- 250 gr di farina 00 (50 gr)
- 1 uovo + 1 tuorlo (1/2 uovo)
- sale q.b. (sale q.b.)

Per il ripieno:
- prugne fresche (prugne secche)
- zucchero (zucchero)
- cannella (cannella)

Per il condimento:
- burro chiarificato (20 gr burro salato)
- pangrattato (15 gr)
- cannella facoltativa (cannella)


Procedimento:
Denocciolare le prugne e metterle per qualche ora in una terrina con zucchero e cannella, mescolare di tanto in tanto

(Le mie prugne erano secche e snocciolate da Manu, tempo fa me ne ha inviato un sacchettino che ho messo subito in freezer per gustarle a lungo)

Preparare l'impasto per gli gnocchi come sempre, stenderlo col matterello e ricavare dei cerchi.
Al centro porre una prugna, chiudere a gnocco o a fagottino come vi piace.
Cuocerli in acqua bollente salata. Quando vengono a galla, scolarli e condirli con il pangrattato rosolato nel burro e con un poco dello sciroppo delle prugne che si è formato.

(Il mio impasto era un poco morbido, l'ho diviso in pezzi di 50 gr, ho schiacciato uno pezzo per volta sul palmo della mano, messo al centro due prugne secce precedenemente fatte insaporire con zucchero e cannella e chiuso a gnocco.
Dopo averli fatti bollire e scolati, li ho versati nella padella con il burro ed il pangrattato, e fatti insaporire.
Per farli diventare rotondi e lisci, ho messo un poco di farina in una ciotolina ed ho fatto roteare uno gnocco per volta, anche se nel prenderli per farli bollire, restava il segno delle dita.)

Ho voluto provare anche dei ripieni diversi, mela e polpa di melanzane: - ho tagliato a tocchetti la mela e messa con zucchero e cannella; - ho tagliato a tocchetti la polpa di mezza melanzana, spolverata di sale e fatta spurgare del suo liquido. Li ho strizzati e fatti rosolare in padella con zucchero, pochissima acqua e cannella. Ma devo ammettere che il meglio lo danno le prugne con il loro sapore deciso.

Queste sono le versioni delle amiche che hanno partecipato questo mese

Versione di Francesca .............. Versione di Solema


Versione di Ornella ..................Versione di Dauly

Versione di Elena .......................Versione di Libera

Versione di Stefania ..............Versione di Stella

Versione di Terry.....................Versione di Emanuela


E' stato veramente divertente lavorare tutte insieme e seguire l'insegnamento di Libera.


Il prossimo 6 ottobre saremo ad Atene, a casa di Ornella di "Il giardino dei sapori e dei colori" a preparare i Koulouria ripieni.
Sono certa che Ornella dovrà mettere le prolunghe al tavolo per far lavorare comodamente tutte


***************************************************

***************************************************

19 commenti:

  1. eccomi qui http://nuvoledifarina.blogspot.com/2011/09/gnochi-de-susine-una-ricetta-in.html
    un bacione

    RispondiElimina
  2. A me sono piaciuti tantissimo e a te?
    Ti lascio la mia ricetta:
    http://nonnasole.blogspot.com/2011/09/quanti-modi-di-fare-e-rifare-gnocchi-de.html

    RispondiElimina
  3. Buongiono ragazze!
    Ecco la mia versione
    http://paneburroealici.blogspot.com/2011/09/gnochi-de-susini.html
    Ciao, a presto!

    RispondiElimina
  4. Dolce Annina, il fuso ti ha fuso :-)
    Correggi il titolo: "Gnochi de "Susuni" o è una specialità Giapponese?
    A parte le battute eccomi qui:
    Quanti modi di fare e rifare i gnochi de susini... dove osano i tordi

    RispondiElimina
  5. Ciao Anna eccomi qui. Ho visto che hai gia' preso il link quindi non te lo lascio.
    Che brava che sei stata, hai addirittura fatto ripieni diversi! Un bacio

    RispondiElimina
  6. Senti Annina, ma cosa vuol dire "immensurabile" ? Un'altra specialità Giapponese?:-D

    RispondiElimina
  7. CIAO Anna! Assomigliano un pò ai mochi ripieni di azuki, vero? Tutto il mondo è paese!
    Cmq complimenti, hanno un aspetto delizioso!!!

    RispondiElimina
  8. eccomi con tanto ritardo (scusa) qui da te, ma c'è stato un pò di fermento oggi sempre a correre a destra e sinistra. mi piaqcciono molto i tuoi gnocchi, belli da vedere e mi incuriosiscono molto quelli con la polpa di melanzane. Bravissima, come sempre

    RispondiElimina
  9. Questa è davvero una buonanotte tenera e confortevole, un piatto che non mangio da tantissimo.
    Ciao carissima, serena notte

    RispondiElimina
  10. E'mma allora dillo! Ho fatto tutto 'sto lungo ponticello, per arrivare fino a te e...rimangiare "gnocchi"! ;-)
    Approfitto per un abbraccio!

    RispondiElimina
  11. piatto particolarissimo, ma dev'essere così buono...

    anch'io avevo le meravigliose prugne secche di manu, ma me le sono mangiate tutte da sole... buone!

    RispondiElimina
  12. spettacolari tutti i post su questo piatto particolarissimo. sono innamorata di questa iniziativa e cerchero' di partecipare la prossima volta.
    ciao e complimenti a tutte per la vostra bravura!

    RispondiElimina
  13. Ciao Anna, la ricetta è favolosa, ma, come ho detto più volte, io non mangio la frutta. A quando qualche ricetta senza questo ingrediente (lol). Ho precisato perché, in realtà, le tue ricette e quelle di Ornella, fanno la felicità di mia moglie che invece vivrebbe di sola frutta. A proposito i "Koulouria ripieni" sono a base di questo ingrediente che non posso usare? Passate assieme una buona giornata ed attendo i prossimi post. Buona serata.

    RispondiElimina
  14. Accidenti quante versioni e tutte stuzzicanti...complimenti! CIAO SILVIA

    RispondiElimina
  15. Con il ripieno di mela devono essere buoni; mi incuriosiscono molto quelli con la polpa di melanzane. Bella idea. :)

    RispondiElimina
  16. ciao anna, ti lascio il link e se sono troppo in ritardo mettimi "fuori concorso", non è un momento facile per me, mi scuso
    http://cucchiaioepentolone.blogspot.com/2011/09/quanti-modi-di-fare-e-rifare-gnochi-de.html

    RispondiElimina
  17. @Stefania
    @Solema
    @Emanuela
    @Liberuccia
    @Stella
    @Fr@
    @dauly
    Grazie ragazze, tutte le versioni sono stupende. Che bello preparare tutte insieme questi piatti tipici italiani, c'è sempre tanto da imparae.
    Baci ed abbracci ;-)


    @Serena
    @Fabipasticcio
    @antonella
    @La Gaia Celiaca
    @My Italian Smörgåsbord
    @Elio
    @sississimma
    Ringrazio anche tutti voi che ci seguite, nessuno di voi vuole venire ad Atene per la ricetta di ottobre? Vi aspettiamo.
    Baci, baci

    RispondiElimina
  18. Sono stanchissima, ma volevo arrivare da te e portarti un po' del nostro "colore" arancio, tanti sorrisi e una piazza di Cestello che ci ha accolto con un silenzio assordante ed uno scroscio di applausi che ci ha commosso...gli occhi a mandorla li tengo per me...tanto ne hai già tanti! ;-D Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  19. Cara Anna, eccomi qui, spero di rimanerci :-) Quante deliziose versioni hai preparato, bravissima come sempre! Aggiorno tutto e inizio a preparare le tavole!! Sognare è bello..Baci

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)