sabato 9 luglio 2011

Akajiso juice (sciroppo di perilla rossa) e gelatine per Libera


Ormai la stagione delle piogge è terminata ed è rimasto il caldo torrido ed afoso. Meno male che le bevande dissetanti fatte con le mie manine sante non mancano in casa mia.
Non so se in campagna da Libera sia così afoso come da me, ma credo che le piacerebbe molto rinfrescarsi la gola con akajiso juice e mangiare un cuoricino morbidoso fatto sempre con lo stesso sciroppo.

Ecco akajiso (in giapponese) o japanese basil (uno dei tanti termini in inglese) o perilla frutescens (nome scientifico).
Nella foto ce ne sono due tipi: akajiso e aojiso (perilla rossa e verde)
Non so se è vero tutto quello che dice Wikipedia, che la perilla è uno degli antiossidanti vegetali più importanti. Cura i problemi cardiovascolari e dei reumatismi, aiuta a mantenere la pelle in buono stato, ecc. Ma spero di si.

Penso che con tutto questo po' po' di curriculum possa entrare a far parte della raccolta Weekend Herb Blogging (WHB # 291) che questa settimana è ospitata appunto da Libera di Accantoalcaminos'Blog
fondatrice Kalyn,
organizzatrice in carica Haalo
organizzatrice per l'Italia Bri


Con le foglie di akajiso ho fatto lo sciroppo da bere diluito con acqua fresca (1/3 sciroppo, 2/3 acqua)

Con lo stesso sciroppo ho fatto queste gelatine morbidose con dentro pezzi di albicocche secche.
Ho preso 60 cc di sciroppo ed ho aggiunto 1/2 cucchiaino di kanten (agar agar), ho fatto sobbollire per qualche minuto ed ho versato nelle formine, quindi ho unito dei pezzi di albicocche secche. Ho fatto raffreddare e fatto indurire in frigo.

Il procedimento dello sciroppo è quello riportato sul retro della busta contenente 300 gr di akajiso.

300 gr di foglie di akajiso
150 gr di zucchero (io: zucchero di canna)
1/3 cup di succo di limone o aceto di mela (io: aceto di mela)
1/3 cup di miele

1) Lavare le foglie di akajiso e farle sgocciolare (dato che il loro succo macchia la pelle, è consigliabile usare guanti di gomma)

2) Versare 2 litri di acqua in una pentola, unire le foglie di akajiso lavate e scocciolate (1) e far sobbollire a fuoco lento per 15~20 minuti.

3) Travasare in una ciotola con dentro un colino, rimettere lo sciroppo nella pentola ancora sul gas e, appena le foglie residue nel colino diventano maneggiabili, strizzarle per far uscire tutto lo sciroppo ed unire nella pentola (attenzione a non scottarsi)

4) Togliere dal fuoco e filtrare con una garza fitta (è consigliabile farlo per eliminare la schiuma o eventuali residui)

5) Rimettere 4) sul fuoco, unire lo zucchero e il miele e far sobbollire per 15 minuti. Togliere la schiumetta che man mano si crea. Togliere dal fuoco ed unire il succo di limone o l'aceto di mele (io aceto di mele).

6) Travasare nelle bottiglie, filtrandolo nuovamente, e far raffreddare. Si può usare subito diluendo lo sciroppo con acqua fredda: 1/3 di sciroppo + 2/3 di acqua fredda. Cubetti di ghiaccio a piacere.

Con questo caldo ci sta proprio bene, vero?? Se poi ha tutte le proprietà riportate su Wikipedia, meglio di cosi...........!

18 commenti:

  1. aaaaaaaaa!!!! tu sei amica di ornella e vivi in giappone??????
    queste due cose mi fanno diventare tua follower!!!! :)

    RispondiElimina
  2. io ho solo lo aojiso sul balcone... posso fare lo sciroppo seguendo la stessa ricetta? =)

    RispondiElimina
  3. Ottima idea per i giorni caldi d'estate!Le gelatine sono troppo carine!Brava!Un bacio da Grecia!

    RispondiElimina
  4. Ciao ! sono felice per questo tuo post, devi sapere che la perilla la tengo giusto per mettere due foglie nell'insalata !

    RispondiElimina
  5. Sto stirando e un pochino di questo fresco sciroppo lo gradirei volentieri!!
    Un abbraccio
    Ti auguro una felice domenica

    RispondiElimina
  6. @grEAT
    Grazie cara, domani vengo a trovarti, adosso non posso ^-^!

    @Sayuri
    Non ti so dire, potresti provare. Solo che non avrai questo bellissimo colore ;-)

    @Lenia
    Grazie, sei molto gentile! ^-^

    @Rossella
    Non sapevo che fosse facile coltivarla anche in Italia, hai anche quella rossa?
    Buona nell'insalata, quella verde accompagna sempre sashimi. A me piace molto. ;-)

    @Solema
    Eh sì, quando si stira si ha bisogno di bevande fresche.
    Buona settimana
    Baci

    RispondiElimina
  7. Buono lo sciroppo e che belle quelle gelatine rosseeeeeeeeeee CIAO SILVIA

    RispondiElimina
  8. meraviglia Anna!! deliziose le gelatine e la bibita rinfrescante!!

    RispondiElimina
  9. Ciao Anna, non sai quante volte ho tentato di commentare qesto post tutto dedicato a mmmia:-D in Austria non sono riuscita..però mi sono abbronzata ed allenata :-D
    Hai avuto un pensiero meraviglioso che mi rimarrà nel cuore :-)

    RispondiElimina
  10. bel post, bella ricetta
    grazie di averla condiviso con noi ed il WHB
    Brii

    RispondiElimina
  11. Che meraviglia Anna! Ci starebbero proprio bene con questo caldo...anche solo a guardare lo sciroppo ti inonda di frescura! Ci pensi se veramente fossimo state tutte assieme a preparare queste delizie? Un sogno...Baci

    RispondiElimina
  12. Grazie amiche carissime, sono veramente felice che questa ricettina senza grosse pretese abbia riscosso la vostra approvazione.

    Grazie Libera, la tua raccolta è meravigliosa e sono felice di aver partecipato.

    Baci a tutti

    RispondiElimina
  13. Acabo de conocer tu blog y tienes unas recetas esquisitas asi que me quedo de seguidora, agradecerte por compartirlas con nosotros y te invito a que seas seguidora de mi blog si te gusta su contenido, un besin y hasta pronto!!

    RispondiElimina
  14. Ciao, ho appena scoperto il tuo blog, è molto interessante e ti seguirò con molto piacere, volevo farti una domanda, le foglie di shiso le trovo anch'io in italia conservate nelle buste, ma non le ho mai provate, ho solo usato quelle che avevo in giardino. quelle che usi tu, come sono conservate? Mi spiego, mi era parso di capire che siano in conserva ma che siano salate, è così? oppure mi sbaglio? sapevo che si usavano per dare aroma e colore all'umeboshi, che adoro tra l'altro, ecco perchè ho in testa il fatto che siano salate. Mi puoi dare delle delucidazioni per piacere? mi piacerebbe preparare questo sciroppino qui in italia. Grazie un abbraccio. Marinella

    RispondiElimina
  15. @Marinella
    Grazie della visita Marinella.
    Le foglie di shiso adesso si trovano fresche solo nel reparto frutta e verdura dei grandi magazzini, nel mio giardino cresce verso giugno.
    Si vende sotto sale solo nel periodo delle ume per essere unito alle umeboshi.
    Ma io, in quel periodo lo compro fresco (a volte in busta a volte a mazzetto) e lo strofino con il sale per far fuoriuscire il succo più denso prima di aggiungerlo alle umeboshi (se fai la ricerca con "umeboshi" nel blog trovi la ricetta che ho pubblicato a maggio del 2009).
    Questo sciroppo l'ho preparato con foglie fresche imbustate, senza sale.
    Se fai questo delizioso succo, fammi sapere come ti viene, mi fa piacere che queste deliziose foglie si trovino anche in Italia

    RispondiElimina
  16. Da provare ,spero di riuscire a trovare le foglie di shiso verdi e rosse,buona estate

    RispondiElimina
  17. Non lo conoscevo e lo trovo fantastico! grazie mille Anna e buona estate.
    A rileggerci presto

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)