martedì 4 febbraio 2020

Pane nel mondo: Galleta casera paraguaya

Ho rifatto "Galleta casera paraguaya" sostituendo il lievito secco con licoli, per il resto è uguale alla ricetta riportata nel post dalla Cuochina pubblicata nel blog "Quanti modi di fare e rifare" con la tag "il pane nel mondo" nella quale c'è anche una spiegazione sintetica della storia di questo pane:
La galleta (dal francese galette) è un prodotto alimentare piccolo, piatto, dolce o salato, solitamente fatto con farina, uova, zucchero e/o burro, olio da cucina e altri oli o grassi. Può includere più ingredienti come uvetta, avena, gocce di cioccolato, amaranto o noci, cocco e altri.
In Argentina, Paraguay e Uruguay, ciò che è noto in altri luoghi come galletas si chiamano galletitas o masitas. La differenza tra queste due categorie è data dal tipo di pasta e dal processo di elaborazione utilizzato, che può essere salato o dolce (semplice o farcito, ricoperto di cioccolato / zucchero / caramello, ecc.). 
Per altre notizie, rimando al blog della Cuochina.

Grazie Cuochina, i tuoi suggerimenti sono sempre eccellenti!

Galleta casera paraguaya

Ingredienti
125 ml latte tiepido
45 g burro morbido
2 g semi di anice 
300 g farina di forza
20 g zucchero semolato
3 g sale
1 uovo
100 g licoli

Rinfrescare licoli almeno due volte e prelevarne la quantità necessaria per questo pane.
Scaldare il latte ed aggiungere il burro ed i semi di anice. Setacciare la farina, unire lo zucchero ed il sale e mescolare, fare la fontana e versare al centro l'uova sbattuto, il latte col burro e licoli.
Impastare fino a quando diventa morbido e liscio.
Formare una palla e metterla in una ciotola leggermente imburrata, coprire con pellicola per alimenti ed una copertina (dipende dalla stagione, in estate la copertina non serve), una volta ogni ora fare delle pieghe all'impasto, far lievitare fino al raddoppio.
Degassare l'impasto, fare delle pieghe ed allungarlo in modo che il diametro sia di 4~5 cm circa. Con una spatola in acciaio tagliare a distanza di 2 dita  (3 cm circa).
Trasferire i pezzi nella teglia ricoperta da carta forno, lasciandoli ben distanziati. Far lievitare sino al raddoppio, cuocere a forno moderato (160°C) per 20~25 minuti, fino a che diventano dorati ma senza farli scurire.
Ottimo e profumatissimo pane, grazie Cuochina


*******************************
******************************

2 commenti:

  1. Carissima Socia, meglio tardi che mai..la mia memoria è andata in ferie, spero rientri in sede in tempi ragionevoli :-D
    Il profumo di questo pane arriva fin qui, sicuramente ottimo, da rifare! Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Ciao Anna, certo che la distanza tra il Giappone ed il Paraguay non è poca, anche transitando per il Pacifico, ma tu sei riuscita ad accorciarla con questa deliziosa ricetta da provare di corsa. Buon San Valentino ed un abbraccio.

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)