domenica 10 maggio 2015

Quanti modi di fare e rifare gli Gnocchi di fagioli


Versione con bok choy
Anche oggi, come ogni seconda domenica del mese, ci siamo incotrate per preparare la ricetta di Quanti modi di fare e rifare, propostaci dalla Cuochina, la nostra mascotte che rappresenta me ed Ornella. Il menù completo per il 2015 si trova qui.
Non posso dimenticare assolutamente che oggi è anche la festa della mamma, auguri auguri a tutte le mamme presenti, passate e future e a chi, pur non essendolo realmente, si sente veramente mamma!
Siamo da Solema per preparare questa gustosissima ricetta vegetariana/vegana: gli Gnocchi di fagioli. Io ho modificato un poco gli ingredienti, ho usato dei fagioli borlotti che avevo in freezer, la semola. Ne ho fatte due versioni: una con un condimento di verdure e l'altra molto simile alla ricetta originale di Solema che si può leggere qui. Ho usato un po' più di farina di semola per compensare l'umidità dei fagioli, con queste dosi non ho avuto nessuna difficoltà a farli ed a condirli.
Andiamo alla preparazione

200gr di fagioli borlotti bolliti
50gr di semola rimacinata
poco sale
1 pianta di bok choy (cavolo cinese)
1 cucchiaino di olio di sesamo
1 cucchiaino di olio di semi
peperoncino, aglio
sake, salsa di soia, semi di sesamo
poco olio evo
Col passaverdure ho schiacciato i fagioli bolliti, ho aggiunto la semola, un poco di sale e  compattato. Ho tenuto da parte per 30 minuti, senza coprire, per togliere un poco di umidità. Ho allungato l'impasto, tagliato a tocchetti e, premendo delicatamente con l'indice li ho fatti rotolare sul rigagnocchi, li ho spolverati di semola e lasciati asciugare per un'ora circa.
Nel frattempo ho preparato il condimento: ho fatto soffriggere il peperoncino e l'aglio nell'olio di semi misto all'olio di sesamo. Ho aggiunto la parte bianca di bok choy, che è più dura, e fatto appassire leggermente, quindi ho unito la parte verde che è più tenera (così che la verdura resti ugualmente croccante) e fatto cuocere ancora per pochissimo. Ho sfumato con  poco sake e fatto insaporire con pochissima salsa di soia.
Per evitare che gli gnocchi in cottura si spappolassero, li ho fatti cuocere dentro un colino ficcato nella pentola con acqua bollente e un goccio d'olio, li ho scolati appena sono venuti a galla, e travasati, metà nella padella con bok choy e l'altra metà nel condimento alle erbe aromatiche
 Una spolverata di sesamo e di pepe nero macinati per ultimare il piatto.

************************************
La seconda versione è alle erbe aromatiche. Ho proceduto in questo modo:
in una padella ho fatto insaporire l'aglio, la salvia ed il rosmarino in abbondante olio evo, ho aggiunto la metà degli gnocchi bolliti e sgocciolati, fatti caramellare e serviti con rosmarino e salvia appena colti. Non ho usato altro sale, erano perfetti così.

***************************
La prossima ricetta ce la propone Fabiana
prepareremo i Patties di merluzzo
Dei golosissimi finger food gluten free.
Vi aspettiamo in tanti
************************** 
Ricordo che il blog della Cuochina è
"Quanti modi di fare e rifare"
il suo indirizzo di posta elettronica è:
quantimodidifareerifare@gmail.com
che da settembre gli incontri dei "Quanti modi" avvengono
la seconda domenica del mese, alle 9:00
Qui per vedere la lista di tutte le ricette
e che ci si può incontrare su
E... scaricate, scaricate i pdf 2011, 2012 e 2013




12 commenti:

  1. Grazie cara Anna. Bella la tua versione che dovrò provare (se trovo gli ingredienti). Buona domenica e buona festa della mamma!!!

    RispondiElimina
  2. Sono bellissimi e tanto gustosi, un ottimo piatto!!!!

    RispondiElimina
  3. Anna cara due ottime versioni! Io inizierei con quella condita con bok choy, mai assaggiato! Tempo fa c'era, poco lontano da qui, un negozio di prodotti alimentari cinesi e giapponesi..purtroppo è stato chiuso e mi dispiace tanto!

    Grazie Socia, la nostra "creatura" ci regala sempre tante emozioni e soddisfazioni. Un abbraccio e buon inizio settimana

    RispondiElimina
  4. Carissima, come sempre ci delizi con versioni gustose e fantasiose, strasupercarpiato e alla prossima!

    RispondiElimina
  5. Ma che belle le tue versioni, Anna, un bacione alla prossima

    RispondiElimina
  6. Favolose entrambe le versioni orientali, quella con il cavolo cinese ancora più golosa perchè irraggiungibile:-)
    Buona domenica, a presto ...

    RispondiElimina
  7. ciao Anna,
    come sempre tante cose belle da imparare e provare a rifare!
    Ci siamo divertite con il rigagnocchi e il colino ficcato nella pentola:
    Ci siamo emozionate per gli auguri alle mamme ...."e a chi, pur non essendolo realmente, si sente veramente mamma"
    Grazie sempre e un bacio dalle 4 apine

    RispondiElimina
  8. Che golose tutte e due le versioni! Esistono tanti ingredienti sconosciuti all' Occidente, che vorrei assarage ...
    Brava Anna e alla prossima!

    RispondiElimina
  9. Sono interessanti entrambe le versioni, la prima mi incuriosisce molto.

    RispondiElimina
  10. molto interessante questa tua versione orientaleggiante, la proverò senz'altro! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  11. buonissimi! e che belli con quelle righe in diagonale...chiccose!!! un bacione!

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)