domenica 8 marzo 2015

Quanti modi di fare e rifare i Maritozzi

 
Bentrovati a tutti! Oggi è la seconda domenica di marzo ed è anche l'8 marzo, giornata mondiale dei diritti della donna. 
 Un rametto virtuale di mimosa a chi lo gradisce!!
Ogni seconda domenica del mese noi siamo impegnate con la ricetta di Quanti modi di fare e rifare, propostaci dalla Cuochina, la nostra mascotte che rappresenta me ed Ornella.
Il menù completo per il 2015 si trova qui.
Oggi siamo stati da Silvia, nel Lazio, per fare i Maritozzi, un classico dolce di questa zona. C'è tutta una leggenda dietro a questo nome, consiglio di visitare il blog Acqua e farina-sississima per avere tutte le informazioni, ma anche per trovare la versione dei Maritozzi di Silvia.
Io ho fatto sia i panini allungati che un'unica treccia e li ho farciti con panna, gelato ai gusti vari e sorbetto al limone

Ingredienti per 6 maritozzi:
100 gr di licoli attivo
30 gr di acqua tiepida
100 gr di farina di forza
1 cucchiaio di olio evo
1 pizzico di sale 
30 gr di zucchero semolato vanigliato
50 gr uva passa
10 gr pinoli
25 gr scorzette candite di arancia amara
panna montata qb
gelato matcha, cioccolato e vaniglia qb
sorbetto al limone qb
Nella planetaria ho sciolto licoli con l'acqua tiepida ed aggiunto tutta la farina, amalgamato e lasciato riposare per 30 minuti (autolisi).
Ho aggiunto il cucchiaio l'olio evo ed il sale e fatto impastare fino a quando si è incordato, ho aggiunto lo zucchero e l'ho amalgamato. Ho impastato per qualche minuto a mano, l'ho appallottolato e fatto lievitare sino al raddoppio.
Ho pulito con un panno l'uva passa ed i pinoli e li ho divisi a metà, ho tagliuzzato finemente le scorzette candite (home made) ed ho unito il tutto al panetto lievitato, ho impastato facendo sgonfiare delicatamente il panetto e l'ho rimesso a lievitare nuovamente fino al raddoppio (tutta la notte).
Per i panini allungati:
*La mattina successiva l'ho diviso in 6 pezzi da 60 gr circa e formato dei panini allungati, li ho sistemati sulla placca forno ricoperta da carta forno. Ho fatto lievitare per la terza ed ultima volta, appena sono raddoppiati, li ho spennellati con uovo, acqua e zucchero e li ho fatti cuocere a 200°C fino a doratura.
Per la treccia:
*La mattina successiva ho formato la treccia, l'ho sistemata sulla placca forno ricoperta da carta forno. Ho fatto lievitare per la terza ed ultima volta, appena raddoppiata, l'ho spennellata con uovo, acqua e zucchero e l'ho fatta cuocere a 200°C fino a doratura.
Li ho lasciati raffreddare su una grata, dato un taglio sulla cupola e li ho farciti con panna appena montata e con gelato in tre gusti diversi: matcha, cioccolato e vaniglia, fatti con la mia gelatiera.
Mentre su una parte della treccia ho inserito il sorbetto al limone
Io preferisco quelli col gelato e la treccia al sorbetto; non mi piace molto la panna montata, mi "fa il solletico in gola" :(

***************************
La ricetta del prossimo mese ce la propone Susanna
Faremo un classico della cucina emiliana
Non bisogna assolutamente mancare
************************** 
Ricordo che il blog della Cuochina è
"Quanti modi di fare e rifare"
il suo indirizzo di posta elettronica è:
quantimodidifareerifare@gmail.com
che da settembre gli incontri dei "Quanti modi" avvengono
la seconda domenica del mese, alle 9:00
Qui per vedere la lista di tutte le ricette
e che ci si può incontrare su

******************************* 
Altri link relativi al lievito liquido (licoli) 
*******************************

 

15 commenti:

  1. belli, la versione ripieni di gelato la devo ancora provare, mi piace tanto! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  2. Se faccio vedere questi supermaritozzi a mia mamma impazzisce! Lei li adoro ma è a dieta

    Marco di Una cucina per Chiama

    RispondiElimina
  3. bellissima questa versione con tanti gusti di gelato! Anna, ammiro la tua capacità di abbinare profumi e sapori e di rendere speciale ogni ricetta.
    A rileggerci presto sempre tra le ricette e arrivederci alla prossima ricetta dei Quanti!

    RispondiElimina
  4. Carissima, sai che avevo pensato alla farcitura al gelato? Ora che li ho visti mi è venuta voglia di rifarli e farcirli così.

    RispondiElimina
  5. Cara Anna che golosità i maritozzi al gelato fantastici (tu sai su quale gusto mi tufferei, vero?) !!!
    Strasupercarpiato e alla prossima.

    RispondiElimina
  6. Che meraviglia la versione gelata!!! la treccia con il sorbetto deve essere proprio strepitosa!!!!
    Buona domenica, a presto ....

    RispondiElimina
  7. Quante delizie Anna, mi fanno gola quelli con il gelato! Un abbraccio :)

    RispondiElimina
  8. ciao Anna,
    abbiamo preso un rametto di mimosa, grazie e
    gustato con gli occhi i tuoi maritozzi...quale scegliere? Dfficile!!!
    Sono talmente invitanti tutti che ci hai dato sicuramente un' altra idea per farcirli.
    Grazie sempre e ci vediamo con le lasagne di Susanna....in Emilia...noi siamo praticamente a casa!!!
    Un bacio dalle 4 apine

    RispondiElimina
  9. Complimenti Anna per la tua invitante versione con il gelato e poi a forma di treccia, buonissima idea, sono bellissimi.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  10. Complimenti!!!!! A me con il gelato, grazie :)*

    RispondiElimina
  11. Socia carissima ne prenoto un paio di ogni forma, con doppia porzione di gelato, grazie :-))) Siamo una forza noi due :-) Baci e abbracci
    P.S. vedo dal meteo in diretta, ma sta nevicando da voi??

    RispondiElimina
  12. Nelle baracchine dei gelati che ci sono a Bologna spesso preparano le "focacce col gelato" o con la panna. Per cui sono appena tornata indietro di 30 anni!!!
    Un abbracciotto

    RispondiElimina
  13. Chissa che buoni quelli con il gelato!

    RispondiElimina
  14. Grazie a tutti ed un caro saluto :)
    Al prossimo mese con le Lasagne verdi emiliane, vi aspettiamo!

    RispondiElimina
  15. Che delizia con il gelato ...con giorni di ritardo, arrivo pure io! il Licoli mi incuriosisce sempre più devo venire a fare un corso da te ! :)

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)