martedì 27 settembre 2011

Fagottini "speziali" ripieni di patate americane, mele e cranberry (tipo Samosa)

Inserisci link
All'inizio di settembre in TV hanno preparato questi finger food, erano molto invitanti ma non avevo fatto in tempo a prendere la ricetta. E` bastato fare un giro nel forum "CookPad" per trovarli, li hanno chiamati "さつま芋とリンゴの揚げパイ (サモサ風)” (Satsumaimo to ringo no age pai {Samosa fu}) cioè "Sfoglia fritta con patate americane e mele (tipo Samosa)", io li ho chiamati "Fagottini ripieni di patate americane, mele e cranberry (tipo Samosa)".

Ho diminuito gli ingredienti per evitare di mangiare troppo fritto, in rosso ci sono le mie quantità

per l'impasto

100 gr di farina di forza (40 gr)
50 gr di farina debole (20 gr)
60 cc di acqua calda (25 cc)
un pizzico di sale (un pizzico)
3 cucchiaio di olio evo (1 cucchiaio)

per il ripieno
200 gr di patate americane (80 gr)
1/2 mela (1/4 di mela: 50 gr)
30 gr di uva sultanina (cranberry secchi 15 gr)
2~3 cucchiai di zucchero (vanigliato 1 cucchiaio: 15 gr)

olio per friggere

Amalgamare gli ingredienti dell'impasto, impastare bene, avvolgere in pellicola per alimenti e mettere in frigo per almeno 1 ora.

Cuocere a bagnomaria la patata americana. Tagliare la mela in piccoli pezzi, unire i cranberry (mirtilli rossi) fatti rinvenire in acqua ed asciugati, lo zucchero, amalgamare e tenere da parte.
Schiacciare le patate, ancora calde, con la forchetta ed aggiungerle alla frutta.

Dividere l'impasto in 2 parti, tirare la sfoglia in pezzi da 20cm x 10cm. Dividire a metà la sfoglia, prenderne una parte in mano e mettere al centro la frutta a pezzi.

Chiudere a triangolo, stringendo bene i bordi di chiusura.

Friggere in olio caldo a 180°C, sintanto che diventino color oro. Trasferire su carta assorbente per far sgocciolare ben bene l'unto.

Sono buonissimi anche se abbastanza calorici, dato che sono fritti. Per questo ho provato a farli al forno, diventano tutta un'altra cosa, ma sono altrettanto gustosissimi.

Giacché c'ero, ne ho fatti una parte gluten free, oltre che vegani, al forno

Quelli più chiari sono identici a quelli fritti, i più scuri sono gluten free/vegani.

Fagottini gluten free e vegani
(spero lo siano, non ne sono certa)

per l'impasto

40 gr di farina di ceci
20 gr di fecola di patate
25 cc di acqua calda
un pizzico di sale
1 cucchiaio di olio evo
1/2 cucchiaino di bicarbonato

per il ripieno
60 gr di patate americane
1/4 di mela (50 gr)
10 gr di cranberry
1 cucchiaio scarso di zucchero di canna

fecola di mais per spolvero

Il procedimento è sempre uguale anche se gli ingredienti sono un poco diversi. Non essendoci glutine, l'impasto si sbriciolava, ma sono riuscita a stendere l'impasto spolverando della fecola di mais sul piano lavoro.

Li ho fatti cuocere a 180°C per 30 minuti circa.

Questo è l'interno del fagottino glutinoso al forno.


Anche questa, se Liberuccia è d'accordo, la vorrei inserire nella "Raccolta Speziale"

Il 9 ottobre è la Giornata Nazionale delle persone con sindrome di Down e il blog AT21 e Associazione Trisomia 21 stanno organizzando degli eventi (per il momento è tutto segreto). Quello che ci è stato comunicato è di non prendere impegni per domenica 9 ottobre 2011 dalle ore 15:30.
Libera di "Accantoalcaminos'Blog" e Antonella di "AT21" hanno lanciato una raccolta di ricette per questa occasione (qui per il regolamento) a cui stanno partecipando tanti food blogger (qui per le ricette inviate).

29 commenti:

  1. stupendi, credo che la versione fritta sia più gustosa ma da prendere a piccole dosi. mi annoto la ricetta. Un bacione

    RispondiElimina
  2. Ciao! ci piacciono moltissimo entrambe le versioni! sia quella classica sia quella glueten free...Croccantine e ricercate con questo dolce ripieno!
    baci baci

    RispondiElimina
  3. questa la devo passare a mia sorella che adora le patate americane.
    io un pò meno, ma mi sembrano molto invitanti!

    RispondiElimina
  4. Annina, hai ragione, però non ho rubato tempo all'altra "macedonia", è solo un'ideuzza che mi è frullata per il capino però...non occore che mi umilii con il tuo parlar sciolto il giapponese e con questi fagottini con tanto di passo-passo che unononpuòfareamenodivolerlicopiare :-(

    RispondiElimina
  5. Io prenderei, per iniziare, con uno di quelli al forno e poi passerei al fritto.

    RispondiElimina
  6. ma che meraviglia di ricetta! e quante foto! grazie!!!
    purtroppo non ce la faro' a partecipare al gruppo del fare e rifare questa volta. alla prossima!
    barbara

    RispondiElimina
  7. Sì tesoro sono gluten free al 100% e ti ringrazio di cuore!!! Mi commuove sempre la sensibilità verso questo problema da parte di persone non celiache!!!
    Un bacio enorme!!!

    RispondiElimina
  8. Come sono carini questi fagottini! E molto originali col ripieno di patate e mele!Da provare, ma non so se riuscirei a dargli quella forma :( !

    RispondiElimina
  9. Li vedrei ottimi per il 9 ottobre, fai un salto e li prepari tu? Senti, ma la traduzione del Giapponese che la metti a fare...lo conosciamo tutti, che credi? ;-P
    キス

    RispondiElimina
  10. @Stefania
    Hai ragione, quelli fritti sono gustosissimi, ma anche quelli al forno non erano da meno ;)
    @Manuela e Silvia
    Sì, ragazze, avete ragione, sono entrambe da assaggiare :D
    @grEAT
    A me piacciono molto le patate americane, ne ho sempre in casa.
    Tua sorella si che se ne intende ;-)
    @accantoalcamino
    Liberuccia, la traduzione non era per te, lo so che sia tu che la scimmietta lo leggete a menadito:-)
    @Fr@
    Tu si che te ne intendi :D
    @My Italian Smörgåsbord
    Che peccato!!!!
    Barbara, ti aspettiamo a novembre ;-)
    @fantasie
    Stefania, ma dai!!! Davvero? Che ne dicono i pargoli?
    ;-) :D ;-)
    @Emanuela - Pane, burro e alici
    Ma si che si riesce a dare questa forma, al secondo fagottino sarà tutto più facile ;-)
    @antonella
    Hai visto che li ho passati a Liberuccia, delego lei a rappresentarmi :D
    Non sai quanto vorrei fare un salto in Italia in questo periodo, ne approfitterei anche per stare con voi il 9 ottobre.
    Sappi che il mio cuore è dalle vostre parti :D
    Come ho detto a Liberuccia, la traduzione non era rivolta a voi due, lo soi che siete poliglotte ;-)

    Bacioni grandissimi a tutte voi, siete sempre meravigliose ;-)

    RispondiElimina
  11. Ciao Anna, tutte cose gustose e quello che mi interessa questa volta sono i fagottini gluten free e vegani, che potrei preparare per i miei amici vegetariani. Anche mia moglie ed io cerchiamo di esserlo il più possibile, ma ogni tanto a me viene voglia di pesce.
    Vorrei toglierti un dubbio. La ricetta è assolutamente vegana perché non c'è alcun ingrediente di origine animale (carne, uova, burro ecc.). Un cordiale saluto.

    RispondiElimina
  12. Una bellissima ricetta, bacioni ciao

    RispondiElimina
  13. Lo sento che ci sei! Grazie, t'abbraccio.

    RispondiElimina
  14. Una vera prelibatezza per il palato! CIAO SILVIA

    RispondiElimina
  15. Bravissima Anna, una vera golosità!
    Che bel contest e che bella iniziativa.
    Serena notte

    RispondiElimina
  16. Buongiorno (buonasera) Annina, passo per un salutino, da oggi sono full immertion per il buffet, è arrivato il momento di fare sul serio, un bacio grande.
    良い一日、大きな抱擁

    RispondiElimina
  17. Perchè mi fai "stalking" nel blog della scimmia? :-( :-D :P

    RispondiElimina
  18. @Elio
    Grazie per la precisazione, sono contenta che siano vegani al 100%
    Ciao!
    @Stefania
    Grazie cara! ;-)
    @antonella
    Kiss! Kiss!
    @sississima
    Ciao e grazie!
    @Fabipasticcio
    Fabiana, hai visto che bella raccolta? Da Libera ci sono tantissime ricette e tutte meravigliose.
    Buon fine settimana cara
    @Accantoalcamino
    E poi dici che sono io a fare stalking, ma non vedi che mi scrivi cose sconce in giapponese??
    Alloviu ;-)
    Hai un bel blog, se ti va......

    Grazie e buon fine settimana a tutti.

    RispondiElimina
  19. Volevo lasciarti un ringraziamento per tutte le tue preziosissime pagine sul licoli, anche io ne ho creato e ora me lo sto coccolando e, naturalmente,sto seguendo le tue indicazioni.
    GRAZIE e vediamo cosa riesco a combinare!!!
    ciao loredana

    RispondiElimina
  20. Loredana,
    ma grazie a te per la fiducia ;-)
    Io sono entusiasta di licoli. Sono sempre tentata di rinfrescarlo e mettere le mani in pasta.
    Mi trattengo solo pensando che "VOGLIO DIMAGRIRE", se impasto non la smetto più di mangiare quello che ho fatto :D
    Meno male che licoli rimane buono buonino nel frigo per lungo tempo, senza fare una piega ;)
    Divertiti con licoli cara, mi sembra che non abbia problemi di peso, per questo lo puoi usare molto spesso.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  21. bravissima, come sempre
    :-**********

    RispondiElimina
  22. Ciao Annina, "bravissima, come sempre" e aggiungo "educata"...almeno tu rispondi alle mail e non lasci commenti idioti nel mio blog :-D
    A proposito...passa da me se ti va...

    RispondiElimina
  23. @fragoliva
    @accantoalcamino
    :D :D :D

    RispondiElimina
  24. Ecco per te il 2° numero di OPEN KITCHEN MAGAZINE!
    Per sfogliarlo gratis clicca qui:

    http://www.openkitchenmagazine.com/

    Puoi seguirci anche su Facebook cliccando qui:

    http://www.facebook.com/openkitchenmagazine

    Un abbraccio,
    il Team di OPEN KITCHEN MAGAZINE

    ps: ci farebbe molto piacere se potessi condividere il banner del magazine con tutti i tuoi amici! Per farlo basterà andare sul nostro sito, nella sezione "condividi" e prelevare la copertina del magazine; il link diretto è questo:
    http://www.openkitchenmagazine.com/condividi/
    Te ne saremmo davvero grati! ^.^

    RispondiElimina
  25. Fantastica ricetta!! E anche blog^^ Mi aggiungo molto volentieri ai tuoi follower, se ti va di passare da me mi farebbe piacere. alla prossima!!

    RispondiElimina
  26. Oh noooooooooooooooooooooooooooooooooooo.....ancora.....:-(

    RispondiElimina
  27. Suvvia...ma che ti costa fare un saltino da noi, c'è il ponticello, no?
    Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  28. Grazie a tutte ;-)
    Liberuccia, che ci vuoi fare!!!
    Scimmietta, vorrei avere la macchiana che trasferisce nello spazio la massa (ed io sono una massona :D)
    Ti basta sapere che ho la pargola a Torino e ci rimarrà per un bel po' di tempo
    baci a tutti

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)