venerdì 25 febbraio 2011

Polpette nel panino


Da piccola ne facevo scorpacciate, di polpette di pangrattato e uovo in salsa di pomodoro ficcate dentro belle fettozze di pane fatto da mia madre con il criscito.
Quanto erano buone le polpette!! E quanto era buono il pane di mamma!!
Meno male che con licoli riesco a farmi un ottimo pane molto simile a quelle fettozze, la differenza sta nel forno alimentato da rami d'ulivo dove la mia mamma faceva cuocere il suo pane, tutta un'altra cosa!!
Ma, bisogna sapersi accontentare.
Le polpette di pane e uovo era da anni che non le facevo, ed oggi mi sono tolta anche questo sfizietto.

Ho usato
pangrattato
parmigiano grattugiato
2~3 uova
sale
prezzemolo
olio per friggere
pomodoro
cipolla
olio evo
sale
pane da farcire

Ho amalgamato 60gr di pangrattato, 10gr di parmigiano grattugiato, 2 uova (meglio 3), sale, prezzemolo spezzettato ed ho fatto delle polpette ovali che ho fritto in olio caldo.
Nel frattempo ho fatto appassire alcune fette di cipolla nell'olio ed unito del pomodoro in scatola ed un po' di basilico secco, salato leggermente e fatto cuocere per 10 minuti.
In questa salsina ho ripassato le polpette e..............

Ho sempre pensato che le nostalgie culinarie bisogna riproporsele, costi quel che costi.
Ma in questo caso il costo è stato veramente irrisorio.
Il panino è una ciabatta che avevo in freezer, ma ci sta bene qualsiasi tipo di pane fatto in casa.
Che bello ricrearsi il profumo di mamma.


Con questa partecipo al

MTC di febbraio

le kottbullar (polpette svedesi)

18 commenti:

  1. Queste sono le polpette che fanno per me, poco carnivora quasi niente ^__^ Mi ispirano da matti e messe in quel bel panino mi fanno proprio venir voglia di pic nic. Un bacione cara, buon we

    RispondiElimina
  2. Questo si dice mangiare !!! ciao
    splendido panino

    RispondiElimina
  3. un panino davvero appetitoso, e, mi associo a Federica, senza carne!...baci

    RispondiElimina
  4. Hai fatto più che bene cara Anna!Le tradizioni e nostalgie culinarie sono sfizi che bisogna togliersi spesso! Sono appetitosissime e non le conoscevo!! Grazie! Le nostre mamme e nonne sapevano fare specialità con delle semplici cose come il pane vecchio...ed io adoro queste delizie! Un abbraccio buon fine settimana carissima

    RispondiElimina
  5. Ciao Anna! Davvero complimenti per il blog! So perfettamente di che polpette parli! Anche mia zia le faceva sempre, la domenica nel sugo dopo un bel piattone di orecchiette!!!

    RispondiElimina
  6. Ciao cara
    sicuramente buonissime le proverò quanto prima

    un abbraccio
    manu

    RispondiElimina
  7. Tesoro, con queste polpette DEVI assolutamente partecipare all'MTChallenge! Qui il link: http://menuturistico.blogspot.com/2011/02/mtchallenge-di-febbraio-la-ricetta.html

    RispondiElimina
  8. Altro che i panini dei barrr!! Questo si che è un Panino con la P!

    RispondiElimina
  9. Wow ^^ mai mangiato il panino con le polpette ma mi ispira moltissimo! vedrò di farlo al più presto!
    Che belli i tuoi ricordi del pane fatto con il forno alimentato a rami d'ulivo :)

    RispondiElimina
  10. @Federica
    Eh, si cara, sono proprio adatte per un pic nic.
    Buon fine settimana anche a te.
    Baci
    @Stefania
    Grazie carissima!
    @Tamtam
    In questo caso, anche per me meglio "senza carne", ma ogni tanto mi piace mangiarla.
    Buon w.e. carissima
    @ornella
    Da queste nostalgie si può ricostruire la mia età anagrafica ^-^! Pensa, sono ricordi che si perdono nel tempo.
    Buon fine settimana anche a te carissima. Baci!
    @Serena
    Tu si che mi capisci, mia madre faceva anche quelle di carne, ma noi bimbi amavamo più quelle di uova.
    Ancora oggi si fanno le polpetta d'uovo???
    Manco da così tanto tempo dal mio posto natio che pensavo fossero solo nei miei ricordi.
    Un abbraccio
    @Manu
    Grazie Manu, grazie per essere venuta a trovarmi nonostante il periodo che stai vivendo.
    Le mie polpette fanno parte di un'altra vita, le tue buonissime sono il nuovo modo di proporle.
    Un abbraccio!
    @fantasie
    Stefania, sono andata di corsa a postare il link, anche se, ti dirò, non mi allettano più i contest.
    Ma, dopo il tuo comando perentorio, sono scappata ^_^!
    Un abbraccio grandissimo.
    @sonia
    Il Panino ringrazia.
    Un abbraccio
    @Jul e Mo
    Ragazzi, scusatemi se vengo raramente a trovarvi, ma..... uffa, quante cose da fare che ho sempre!!!!
    Il ricordo del forno alimentato a rami d'ulivo fanno capire che avete a che fare con una troglodita ^-^!
    Bacionissimi!

    RispondiElimina
  11. Ciao Anna, intanto scopro il tuo bel blog e poi grazie per aver condiviso questa ricetta del tuo passato famiiliare con noi. Hanno sempre tutto un altro sapore questo tipo di ricette :-)

    RispondiElimina
  12. Ciao Anna! Anche per me sono un ricordo, ma credo che si facciano ancora comunemente...E quasi quasi, visto che domani è domenica le faccio al Kenji, che nn le ha mai mangiate!!! Sai che a fine marzo sarò ad Osaka x una settimana!!!!
    Baci pugliesi!

    RispondiElimina
  13. Molto simpatica l'idea del panino con le polpette e soprattutto come è presentato, nel sacchetto di carta!!!
    Complimenti
    Cris

    RispondiElimina
  14. @/Alessandro
    Grazie Alessandro, sei molto gentile.
    Un abbraccio!
    @Serena
    Carissima, allora a fine marzo sarai da questa parte del ponte, che bello!
    Io dal 29 marzo al 4 aprile sarò a Tokyo da mia figlia, se ti sposti di là, fai un fischio.
    Un saluto anche a Kenji-san.
    Baci
    poverimabelliebuoni
    Grazie Cris, che cara che sei ad accorgerti del sacchetto di carta.
    Un abbraccio.

    Grazie a tutti. baci baci!!

    RispondiElimina
  15. Ecco, adesso sarò io che dovrò togliermi lo sfizio di provarle!

    RispondiElimina
  16. Ciao Barbara, grazie della visita ;-)
    Ho visto i glicini nel tuo blog, quanto mi piacciono! Hai un blog mooolto interessante, vengo a trovarti di tanto in tanto.
    Ciao cara!

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)