sabato 29 gennaio 2011

MAIALE! Suino per lo strutto home made


Premesse:
-Tempo fa ho postato i calzoni al forno fatti con impasto di rosticceria siciliana, ed in quell'occasione ho detto di aver usato lo strutto home made fatto con la ricetta trovata su Wikipidia.
-Recentemente sono stata invitata a partecipare a questo contesto.
A dire il vero, avevo delle remore a paragonare un MAIALE umano (con tanto di B. maiuscola) ad un maiale suino che viene messo all'ingrasso per la nostra pancia e dal quale non si butta assolutamente niente, mentre di quell'altro non userei nemmeno il giornale con la sua foto per incartare il pesce.

Per non essere da meno e per mettere il mio granellino insieme a quelli dei tanti blogger che stanno cercando di divulgare le notizie come sono realmente, in modo da contrastare i comunicati di regime con significato distorto e di parte, aderisco a questo progetto.

Ed eccomi a rifare nuovamente lo strutto con la pancetta di maiale come contributo simbolico a questo sodalizio tra blogger.

Oggi, nonostante che per me sia un periodo molto intenso, ho messo fuori dal freezer questo bel pezzo di pancetta (170 gr circa), era da un po' che mi ripromettevo di usarlo a tale scopo.

L'ho tagliato a fette sottili e poi a listarelle (così i "ciccioli" si abbrustoliscono meglio) e messo a cuocere a fuoco bassissimo con coperchio. In questo modo il grasso diventa liquido, trasparente ed abbondante.

Man mano che il grasso si scioglie è opportuno versarlo in un vasetto di vetro ben sterilizzato, filtrandolo con della carta da cucina. Chiudere bene il vasetto con il coperchio e lasciar raffreddare

Questi sono i "ciccioli" che ho leggermente salato e pepato. Sono una gustosissima sfiziosità da spiluccare mentre si sorseggia un bicchiere di buon vino rosso.

Da quel pezzo di pancetta ho ricavato circa 90 gr di strutto. Quando è caldo, è trasparente

da freddo diventa pomatoso e biancastro.

Bisogna farlo raffreddare e tenere in frigo ben chiuso per evitare che si irrancidisca. Prima di mettere il coperchio ho chiuso l'imboccatura del contenitore con un pezzo di carta forno per evitare contaminazioni da eventuali micro-graffi esistenti nella parte interna del coperchio.

Riporto quanto ho trovato scritto su Wikipedia a tal proposito:
Nella produzione industriale/artigianale talvolta si utilizza il vapore ad alta temperatura come fonte di calore ed a volte allo strutto si aggiungono antiossidante e/o sale per una migliore conservazione, in quanto la mancanza di antiossidanti naturali fa si che irrancidisca facilmente se tenuto all'aria. Lo strutto può essere conservato anche per diversi mesi, ma deve essere conservato in frigorifero con un confezionamento tale da garantire l'isolamento del prodotto dall'aria ed in assenza di contaminazioni; oppure in congelatore, sempre dentro contenitori chiusi, per un tempo ancora più lungo.

In questa settimana ho fatto dei panini allo strutto stupendamente soffici, certo non bisogna abusarne, dato che è un grasso animale, ma in sostituzione del burro nei lievitati ci sta a meraviglia.

Con questa partecipo a "Liberiamoci del maiale!"

12 commenti:

  1. Bellissimo questo strutto Anna, trasparente, si vede che è fatto in casa...hai ragione anche a me sembra di offendere i poveri maiali...un abbraccio...

    RispondiElimina
  2. Cara Anna non ho mai fatto lo strutto, mi aveva dato la ricetta anche Enza prima di Natale, però ancora non ho provato! Uno di questi giorni mi ci metto, anche perché voglio rifare i calzoni! Bacioni e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  3. anna grazie per la ricetta... ho un prosciutto intero che mi hanno regalato e del grasso non sapevo che farmene... ho il frigo pieno e ora finalmente lo posso usare! non sapevo che fosse cos' semplice, grazie!

    RispondiElimina
  4. Ciao Anna, grazie per la ricetta!
    dopo le adesini ora le ricette!!
    un saluto
    Kemi

    RispondiElimina
  5. Annuccia carissima, domani cucinerò anche io del maiale per questo scopo, ma il paragonarlo al personaggio lo svilisce e non poco!!!
    P.S. eppure è facile da fare... questo lo posso fare anche io...;)
    Baciiiiii

    RispondiElimina
  6. Ti è venuto proprio bello limpido, la settimana scorsa l'ho fatto anch'io è venuto bene ma non così limpido ..... la prossima volta lo filtro sicuramente

    smack e buona domenica
    Manu

    RispondiElimina
  7. Ciao Anna!
    abbiamo aggiornato le liste con il blog giusto!
    un saluto
    Kemi

    RispondiElimina
  8. Che buoni i ciccioli...
    Da noi, in Carnia, lo strutto si usa molto...

    RispondiElimina
  9. Ciao , Anna ,come non facevo ad aggiungermi ai sostenitori, mi chiamo anche io Anna, bellissimo blog c'è di tutto!! bello !!
    passa a trovarmi se vuoi!
    Buona giornata e complimenti ancora ^_^
    Anna

    RispondiElimina
  10. Nella cucina siciliana lo strutto viene usato spesso. Io ci faccio pure la frolla, per i miei buccellati ad esempio... sai che la tua di farlo a casa è proprio una bella idea?!
    Grazie, io prendo nota

    RispondiElimina
  11. Vi ringrazio tutte, siete meravigliose.
    Bacioni ed abbracci da questa parte del mondo ;-) ;-)

    @Tamtam : Tamara, daccordo come sempre, vero?
    @ornella : Io usavo il burro in sostituzione dello strutto, ma è tutta un'altra cosa.
    @Cristina : Nel caso tuo, questo diventa uno svuota frigo, eheheheh!
    @Kemikonti : Grazie a te ed alle altre, nonostante le remore iniziali per l'uso della parola maiale, mi è piaciuto partecipare alla vostra iniziativa.
    @fantasie : Stefania, ho visto come l'hai conciato tu (parlo di B., gliene hai dette quattro, brava). Nel nostro piccolo, facciamo quello che possiamo.
    @Manu : Sì, Manu, basta filtrarlo per averlo pulito pulito. ;-)
    @Kaishe = Mi piace molto il suo sapore, adesso capisco perché i nostri nonni, di qualsiasi parte d'Italia, lo usassero molto.
    @ranapazza65 = Ciao Anna, piacere di conoscerti. Certo che vengo a trovarti. Un abbraccio!
    @Tiziana = Tì, ma tu lo compri?? Ma è una sciocchezza farlo, e poi, vuoi mettere fatto con le tue manine?

    Baci baci baci

    RispondiElimina
  12. che dire.... ci toccano i maiali!!!
    molto ma molto interessante questa procedura. pensa, che diverse volte ho pensato di comprare lo strutto per friggere qualche patatina (magari una volta all'anno), ma con questa procedura si ricavano anche dei ciccioli che la parte emiliana di mia figlia adora!

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)