venerdì 12 novembre 2010

Kuromame, per un anno nuovo in piena salute


In Giappone, nel pasto di Capodanno "お節料理 osechi-ryori", non è contemplato il dolce così come viene inteso nei paesi occidentali.
Certamente c'è "o-mochi お餅" (sfere di pasta di riso bollito e pestato farcite con marmellata di azuki, chiamata "anko") che nonostante venga mangiato in qualsiasi momento dell'anno, in Giappone viene considerato il dolce del Capodanno "o-shogatsu 正月" (che è la festività invernale giapponese più sentita ed aspettata).

Invece, nel pasto di Capodanno, tra i tanti intingoli, troviamo "kuromame 黒豆", fagioli di soia neri cotti con zucchero e salsa di soia che possono essere considerati i dolci di osechi-ryori.

Molti dei piatti del pasto di Capodanno hanno significati che si perdono nella notte dei tempi, ormai insiti nella tradizione giapponese.
Kuro-mame (kuro=nero, mame=legumi), dato che il suono "mame 忠実" (non lo stesso kanji) significa anche: sano, pieno di salute, ha il compito di portare tanta salute durante l'anno nuovo. Inoltre questo significato viene allargato: in alcune zone del Giappone è la levigatezza del fagiolo che è sinonimo di essere in buona salute. In altre, sono le rughe che si formano sul fagiolo cotto che rappresenta la longevità.

L'altro giorno ho comprato un sacchetto di fagioli di soia neri per fare le prime prove di kuromame.
Prima era compito di mia suocera preparare tutti i piatti di Capodanno, ma da quando non è più con noi, io o mio marito ci dobbiamo cimentare in queste preparazioni, ed io ho sempre bisogno di fare prima delle prove ^-^.


Ho usato la ricetta riportata sulla busta dei fagioli di soia

100 gr di fagioli di soia neri
500~600 ml di acqua
60 gr di zucchero
1/2 cucchiaino di sale
1 cucchiaio di salsa di soia

1. Lavare i fagioli e metterli a mollo per una notte (Se si ha fretta: metterli a mollo in acqua calda per 3~4 ore), l'acqua di ammollo deve essere 4~5 volte il volume dei fagioli.
2. Far cuocere, con coperchio, a fuoco vivace, con la stessa acqua di ammollo, fino al bollore. Togliere circa metà di acqua di cottura con la schiumetta che si sarà formata ed aggiungere la stessa quantità di acqua fredda.

3. Coprire con "otoshi-buta" (coperchio di legno usato nella cucina giapponese, riduce la possibilità che il liquido di cottura in ebollizione fuoriesca dalla pentola) e continuare a cuocere a fuoco lento fino a cottura, aggiungendo acqua fredda alla bisogna.
In mancanza di otoshi-buta, si può coprire l'imboccatura della pentola con carta di alluminio e poi con coperchio. Anche se non risolve completamente il problema dell'ebollizione.
4. Quando i fagioli sono ben cotti, aggiungere la salsa di soia, lo zucchero ed il sale e continuare ancora la cottura sintanto che i fagioli diventino morbidissimi. Spegnere il gas e lasciar raffreddare.

Eccoli pronti per essere portati a tavola per il pasto di Capodanno!

Kuromame possono essere aggiunti nell'impasto di biscotti, oppure, se passati con il passaverdura, possono essere usati per farcire vari tipi di dolci tradizionali, come per esempio o-manju.


Io ho preparato questi "usagi tsukimi manju", dolcini a forma di coniglio, ripieni di marmellata di fagioli. Il 2011, nel calendario lunare cinese, sarà l'anno del coniglio. Quanto prima posterò la ricetta di questi coniglietti.


Con questa partecipo alla raccolta del contest di Ornella
del blog "Il giardino dei sapori e dei colori"


27 commenti:

  1. Ma che bello, Anna, anche oggi ho imparato qualcosa!!!

    RispondiElimina
  2. Ciao cara, ma quante belle cose che non sapevo hai scritto sul Giappone, grazie mille cara :)

    RispondiElimina
  3. Ohhhhhhhhhh!!! Ma che meraviglia , che bella novità per noi europei!
    Mi sembra un pò lunghetta come ricetta, per me che ho poco tempo da dedicare in cucina, purtroppo, ma vorrei tanto proporla ai miei invitati per capodanno. BRAVA!

    RispondiElimina
  4. Scusa Anna una domanda. Scrivi "Togliere circa metà di acqua di cottura con la schiumetta che si sarà formata ed aggiungere la stessa quantità di acqua fredda." Ma come mai acqua fredda?L'acqua fredda non rallenterà l'ebollizione rischiando di indurire i fagioli? Io so che per i nostri fagioli bisogna aggiungere sempre acqua calda. Grazie

    RispondiElimina
  5. come sono belli Anna! sicuramente anche buoni sembrano fagioli caramellati...quella giapponese è una cucina che mi incuriosisce, mi attrae...un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Ci hai trasportato lontano con il tuo post e ci hai ammaliato raccontandoci dei costumi giapponesi! Saremmo tanto curiosi di assaggiare questi fagioli, tra l'altro abbiamo appreso tante cose e per noi, che siamo tendenzialmente curiosi e affascinati da ciò che non sappiamo, sei stata preziosissima!
    Buon fine settimana
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  7. ma che belli i dolcetti a forma di coniglio!!!
    Questa ricetta la voglio proprio provare :DDD E inoltre è così interessante leggere queste info!!!Mi piace proprio saperne di più sulle tradizioni degli altri paesi!!!

    RispondiElimina
  8. Anna GRAZIE!! Che prezioso racconto e che stupenda ricetta! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  9. Quante cose ci fai conoscere!!! Tua suocera sarebbe orgogliosa di te!

    RispondiElimina
  10. Letue ricette sono una finestra aperta sul Giappone....grazie per farci sognare ^_^

    RispondiElimina
  11. ciao cara!!
    ti invitiamo a partecipare al nostro primo contest.. dai un occhio a
    http://modemuffins.blogspot.com/2010/11/evereybody-loves-muffins.html#comments
    baci!
    MMM

    RispondiElimina
  12. E' sempre bello leggerti cara Anna, ci fai imparare sempre qualcosa di nuovo sulle tradizioni (culinarie e non) di questo affascinante Paese che adoriamo!

    RispondiElimina
  13. Bellissimi questi coniglietti e buonissimi!
    Assaggiai dei dolcetti di riso con dentro la marmellata di fagioli rossi tantissimo tempo fa, ma ancora me ne ricordo.
    Che bontà!
    Meravigliose le parole per spiegare tradizioni e storia del tuo paese adottivo. Grazie mille!

    RispondiElimina
  14. @arabafelice
    Grazie Stefania, è sempre bello conoscere le abitudini di altri paesi, vero?
    Un abbraccio!

    @Luciana
    Di niente Luciana, anzi, grazie a te!
    Sono contenta che il Giappone interessi agli italiani.
    Un abbraccio.

    @Rorò
    Grazie cara, sei gentile. Il procedimento sembra lungo, ma è lo stesso della cottura dei facioli come li facciamo in Italia.
    Hai letto bene, serve acqua fredda, non calda.
    Come ho scritto, ho usato la ricetta riportata sulla busta dei fagioli neri.
    Nel caso decidi veramente di offrirli ai tuoi amici, ti conviene fare delle prove prima, come ho fatto anch'io ^-^.
    Un abbraccio!

    @Mirtilla
    Grazie Mirtilla!

    @Tamtam
    Tamara, ma sono proprio fagioli caramellati, con tutto quello zucchero ^-^!
    La cucina giapponese è molto buona.
    Vediamo..... potrei invitarti a pranzo, che ne dici?
    Baci, baci!

    @Luca and Sabrina
    Tesorucci, grazie!
    Effettivamente è una nazione molto affascinante.
    A fine mese con gli amici stiamo organizzando una visita ad alcuni Tempi. Per il pranzo pensiamo di mangiare in qualche posto caratteristico.
    Diciamo che per i miei amici sarebbe un giro per chiese e poi pizza o spaghetti quando vengono in Italia. Anche la nostra Italia è meravigliosa.
    Buona settimana
    Baci baci!

    @UnaZebraApois
    Grazie cara, sei gentile!
    Un bacio!

    @ornella
    Grazie Ornella, ero indecisa se metterla nel contest. In fondo non si può considerare dolce nel vero senso della parola.
    Un abbraccio!

    @fantasia
    Dolce, dolce Stefi!
    Sei un tesoro, che belle parole!
    Immodestamente ti posso dire che mi preferiva alla figlia ^-^!
    Peccato che non c'è più!
    Baciotti!

    @Francesca
    Grazie Francesca, sei gentilissima!
    Un abbraccio!

    @MMM
    Ciao carissime, penso di partecipare al vostro contest, appena ho un attimo di tempo.
    Un bacione, ciao care!

    @Jul e Mo
    Eh, lo so che vi piace questo Paese!
    Bacioni grandi!

    @Fabipasticcio
    Probabilmente avrai mangiato dei mochi con anko, sono buoni vero??
    Grazie, grazie di tutto.
    Bacioni!


    Baci ed abbracci a tutti quanti!!!

    RispondiElimina
  15. anna, grazie per tutte queste notizie che senza di te riusciremmo a reperire con difficoltà. si vede che questo paese ti piace proprio. un abbraccio

    RispondiElimina
  16. Bellissima questa ricetta. Interessante conoscere le usanze dei giapponesi; pecco un po' di memoria per i nomi! sayonara!

    RispondiElimina
  17. @Cristina
    @Azzurra

    Grazie! Siete molto gentili!
    Effettivamente è una cultura molto diversa dalla nostra, ma che merita lo stesso prestigio della nostra.
    Anzi, dirò che qui ancora oggi si mantengono ben vive queste tradizioni, al contrario da noi tendono a sparire.

    Spero che non dispiaccia se ho aggiunto le parole in lingua originale ed anche i kanji così che, chi legge queste mie parole possa imparare anche i termini esatti.
    E' ben noto che gli stranieri abbiano imparato a chiamare gli spaghetti, la pizza, il gelato, ecc. con il loro vero nome e non con la traduzione.

    Bacioni ad entrambe.

    RispondiElimina
  18. (^_^) ciao Annuzza ,come sai benissimo io amo tutto ciò che è Giapponese ,in particolare i dolci
    (-_^) e questo è molto interessante, certo come hai detto tu i Giapponesi non hanno dei veri e propri dolci ...gli o-mochi sono quelli di cui abbiamo parlato quando sei venuta in Sicilia giusto ?! (^_^) anzi colgo l'occasione per ringraziarti ancora per la bellissima tazza da té con l'immagine del fujiyama...ogni volta che la uso il mio pensiero corre da te ..(^_^) un abbraccio baci baci ♥

    RispondiElimina
  19. (^_^) anna ho trovato in internet la foto del dolce che ti dicevo guarda

    http://kyotofoodie.com/wp-content/uploads/2009/04/sakura-mochi-kansai-style-1.jpg

    questo è il famoso dolce che viene rappresentato nei cartoni animati Giapponesi (^_^)

    RispondiElimina
  20. May, sono questi vero?
    Se vai con la traduzione automatica non si capisce niente, ma se cerchi con google "sakura mochi" trovi anche la ricetta in italiano.
    Invece di anko, si può usare anche kuromame pestato.
    Un bacione bedda Mariuzza!

    RispondiElimina
  21. Mia cara Anna, ci piacerebbe tanto venire a trovarvi a capodanno e assaggiare questa ricettina... Vi pensiamo spessissimo!
    Bacioni

    RispondiElimina
  22. Ciao Saretta,
    vi aspettiamo e non solo per assaggiare questi manju ^-^!
    Bacioni ad entrambi da noi tutti

    RispondiElimina
  23. Sicuramente tu mi puoi aiutare, tempo fa ho preso del riso glutinoso, ed adesso mi son data a sperimentare tutto ciò che riguarda la cucina giapponese, cosa potrei farci con il riso?
    Bacioni!!!

    RispondiElimina
  24. @Shamira Gatta
    Qui si prepara bianco da mangiare con pesce o verdure sottosale.
    Ma si può anche cuocere con verdure e pollo, se vedi la mia sezione di cucina giapponese potrai trovare qualche suggerimento.
    Con il riso si può fare onigiri oppure maki-sushi, ecc.

    Ma anche un bel risotto all'italiana andrebbe bene, no!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  25. Ohhhhh che buono anche questooooo!!!! Mi credi però se ti dico che i fagioli di soia non li conosco proprio???? Brava, brava, brava!!!

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)