sabato 29 maggio 2010

I Savoiardi rigati di nonna Maria


Quando ero piccola, il nostro vicinato era molto attivo: le comari si scambiavano i trucchi delle loro pietanze. Mia madre se la cavava bene con i dolci ed elargiva il suo sapere alle signore e da queste riceveva i consigli su come fare il risotto o pulire la cicoria, ecc. Era uno scambio alla pari, proprio come facciamo noi blogger ^-^ anche se non siamo vicini di casa ma, molte volte, ci troviamo all'altro capo del mondo ^-^.

Molto spesso, mia madre preparava i savoiardi per la prima colazione, molte mattine, dopo il risveglio erano pronti questi biscotti da inzuppare nel latte.
Certamente non sono i Savoiardi che tutti conoscono, friabili, vaporosi e che si utilizzano per il tiramisù.
No, no! Sono dei biscotti facilissimi da fare, basta solo unire gli ingredienti ed il gioco è fatto. Ma hanno un loro fascino!
Mio padre, per non far affaticare mia madre, aveva modificato la macchina con la manovella per fare la salsa di pomodori in macchina per i Savoiardi: aveva aggiunto una bocchetta liscia da un lato e zigrinata dall'altro. Con questa, era uno scherzo fare tanti Savoiardi. Sino a non molto tempo fa veniva ancora usata dal parentado.

Recentemente mia sorella mi ha dettato la ricetta che usava la mamma. Gli appunti risalgono, a dir poco, a 50 anni fa.
Per sfamare quattro bambini quali eravamo, ne faceva una quantità industriale: 1 Kg di farina, 350 gr di zucchero, 5 uova intere, 200 gr di olio evo, 1 bustina di ammoniaca (20 gr), un poco di latte tiepido per sciogliere l'ammoniaca e la buccia grattugiata di un limone.

Mia sorella mi ha anche detto che la ricetta per savoiardi, riportata sulla bustina dell'ammoniaca, utilizzava gli stessi ingredienti con delle varianti nelle quantità: 500 gr di farina, 2 uova, 70 gr di olio, 130 gr di zucchero, 60 gr di latte, 20 gr di ammoniaca (una bustina), vanillina.

Onestamente non so se è nata prima la gallina o l'uovo ^-^!
Cioè, se è stata mia madre che ha copiato la ricetta dalla bustina di ammoniaca, oppure se la ditta che produce questa ammoniaca l'ha presa dalla tradizione popolare ^-^!

Ho provato a farli, seguendo, approssimativamente, il procedimento di mia madre, adeguando le quantità alle mie esigenze.

400 gr di farina
130 gr di zucchero
2 uova intere
60 gr di olio evo
10 gr di ammoniaca (1/2 bustina) ****
poco latte tiepido per sciogliere l'ammoniaca
la buccia grattugiata di 1/2 limone

Ho sciolto lo zucchero con le uova, unito l'olio e l'ammoniaca sciolta nel latte tiepido e la buccia grattugiata del limone. Ho mescolato con la frusta ed aggiunto, poco per volta, la farina che, con l'aiuto di una spatola, ho incorporato nell'impasto che deve essere morbido ma gestibile.
Se è troppo morbido, aggiungo un poco di farina; se è troppo duro, aggiungo un poco di latte.
Ho tirato dei bastoncini abbastanza paffutelli, dividendoli in tocchetti di 5 cm circa. Con i rebbi di una forchetta ho creato dei canaletti sui tocchetti.

Ho inzuppato la parte scanalata nello zucchero semolato, ho tirato i tocchetti allungandoli.
Li ho allineati nella leccarda ricoperta da carta forno ed infornati a 180°C per 15 minuti circa.
Per l'indomani, la colazione con i savoiardi da inzuppare nel latte e caffè era assicurata ^-^!


Mia madre con lo stesso impasto faceva anche dei dolci arrotolati, ripieni di marmellata di uva fatta da lei, li ho fatti anch'io..... Ho usato la marmellata di arance amare home made, sono strepitosi!

E' difficile smettere di mangiarli!


Ho appiattito l'impasto su cui ho appoggiato la marmellata (è preferibile che la marmellata sia un poco duretta, altrimenti fuoriesce dall'impasto), ho ripiegato i lembi sulla marmellata, sigillando i bordi, e ricoperto la parte superiore di zucchero semolato.
Fatto cuocere a 180°C per 20 minuti circa.
Appena si è intiepidito ho dato dei tagli con una spatola tagliente.


Considerazioni:
**** Dato che è difficile procurarsi l'ammoniaca per dolci, ho provato a rifarli sia con il lievito per dolci che con cremor tartaro che con bicarbonato di sodio. Nessuno di questi lievitanti sostituisce degnamente l'ammoniaca. Ma con 10 gr di lievito per dolci ed una puntina di bicarbonato di sodio (solo una puntina, altrimenti dà un sapore amarognolo) si riesce a fare dei buoni Savoiardi croccanti

21 commenti:

  1. Questi per la colazione sono perfetti... ma quanto mi piacciono i dolci??? Devono essere buoni buoni buoni!!!

    RispondiElimina
  2. Cara questi biscotti mi ispirano molto...vediamo domani...ieri ho fatto le frustine, buone ma sono cresciute poco, sono state 20 ore in frigo, poi le ho tolte e le ho messe subito in forno...c'è stato qualcosa in questo passaggio, o ti sei dimenticata tu di scrivere qualcosa, o io ho sbagliato...hai descritto fino a quando le hai messe a lievitare nel canovaccio e poi in frigo, dopo dici solamenente in forno a x gradi per x minuti...sono buone ma poco lievitate....non ho capito se dopo il frigo devono stare un po' fuori...mi fai sapere? ciao e buona domenica...

    RispondiElimina
  3. Ora l'ammoniaca per dolci la trovi anche nei grandi supermercati.
    Prova a cercare nel reparto dolci.
    Mandi

    RispondiElimina
  4. Anna, come mi ispirano questi biscotti, ma che ci metto al posto dell'ammoniaca? qui non credo proprio di trovarla. Pensi che il lievito per dolci potrebbe andare bene?
    Ciao cara, buon fine settimana.

    RispondiElimina
  5. Ma che ricettina interessante e golosa....penso proprio che domani mattina i miei mangeranno questi favolosi biscottini a colazione... e io li accompagnerò con il buonissimo yogurt del mar baltico! (ma quanto mi piace! *ç* )
    Grazie per tutte le tue belle ricette!
    Ciao.

    RispondiElimina
  6. davvero deliziosi!!uno tira l'altro!!! li segno! ciao!

    RispondiElimina
  7. pazzeschi...sono senza parole, strepitosi!

    RispondiElimina
  8. @Monica
    Lo sono buoni, buoni! Hanno il sapore di bontà ^-^! Baci

    @Tamtam
    Tamara, abbiamo risolto vero?
    I Savoiardi sono i biscotti della mia infanzia!
    Baci carissima!

    @Rosetta
    Grazie Rosetta, ma qui non la riesco a trovare l'ammoniaca. Me ne sono portata alcune bustine, ho fatto le prove con altri lievitanti nel caso finiscono quelle che ho ^_^!
    Mandi carissima!!

    @chamki
    Ciao, come ho sritto tra le annotazioni, 10 gr di lievito per dolci ed una puntina di cucchiaino di bicarbonato di sodio possono sostituire in qualche modo l'ammoniaca.
    Buona domenica anche a te!

    @cippamunka
    Spero che ai tuoi piacciano come piacciono a noi ^-^!
    Lo yogurt intendi Matsoni? Cioè Yogurt Mar Caspio? E' arrivato sin da te? Mi piacerebbe sapere per quale via ^_^!
    Un abbraccio!

    @Federica
    Grazie Federica, niente in confronto ai tuoi capolavori. Questi, per me, hanno tanta valenza affettiva.
    Ciao carissima!

    @raffy
    Grazie Raffy, sei gentilissima!
    Un abbraccio!

    Buona domenica a tutti ^-^ Kiss!!!!!

    RispondiElimina
  9. Preziosa questa ricetta, da serbare nei ricordi, tu, e noi...da appuntarcela nel nostro quadernetto, perchè non abbiamo mai fatto in casa i savoiardi, ma ci potrebbe tornare utile! E poi se ha 50 anni è collaudata e sa di tradizione!
    Un abbraccio da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  10. Su ebay si trova di tutto!!!! XD
    La procedura l'ho presa da te .... naturalmente!!!
    Quando ero ragazzina i fermenti kefir avevano praticamente invaso Milano, ed erano arrivati anche a casa mia. Mi ricordo che lo bevevo a litri! Poi mia mamma si stancò di pascolare i kefir e, con mio immenso disappunto, li eliminò. Ma ora stanno finalmente tornando in auge... ah quanto è buono! *ç*
    Mata-ne!

    RispondiElimina
  11. Faccio dei biscotti molto simili alternando a volte lo strutto all'olio. Sono perfetti per la colazione, belli inzupposi come piacciono a me! E come mi ispira quel bel rotolo con la marmellata di arance...Un bacio cara, buona domenica

    RispondiElimina
  12. questi biscottini devono essere favolose da mangiare come colazione, davvero complimenti:))

    RispondiElimina
  13. Anna devono essere deliziosi, complimenti, anche perché evocano ricordi d'infanzia e ricreano profumi e sapori che ognuno di noi custodisce dentro di se e non scorderà mai!Ciao buona domenica!

    RispondiElimina
  14. Grazie Anna, scusami se ti ho fatto ripetere ma le tue considerazioni mi erano sfuggite e per gli imbranati come me forse sarebbe bene mettere un "vedi nota" vicino ad ammoniaca. Questo lo sto dicendo soprattutto a me stessa .. . un abbraccione

    RispondiElimina
  15. @Luca and Sabrina
    Avete ragione, è una ricetta preziosa, era nascosta nella mia memoria e finalmente si è concretizzata.
    Buona settimana!

    @cippamunka
    Lo facevo tantissimi anni fa il kefir, ma bisognava lavorarci troppo. Preferisco lo yogurt Matsoni.
    Effettivamente tutto quello che si riesce ad autoprodurre è più buono.

    @Federica
    Sì, penso che questi biscotti facciano parte della tradizione italiana. Buoni con lo strutto, peccato che qui non lo trovo!
    Buona settimana carissima!

    @Nena
    Grazie cara, sì sono buonissimi!

    @ornella
    Grazie Ornella, i ricordi sono ancora più preziosi quando i protagonisti (mia madre) non ci sono più!
    Buona settimana a te carissima!

    @chamki
    Hai perfettamente ragione, ho provveduto a mettere degli asterischi come richiamo ^-^!
    Ciao, ciao!

    RispondiElimina
  16. Cara Anna....ma sono veramente troppo buoni!
    Li ho fatti ieri sera e questa mattina tra me e mio marito ce ne siamo mangiati la metà! E ogni tanto me ne sgranocchio uno!
    Essendo celiaca li ho preparati con la farina apposta (mix it DS), e sono venuti ugualmente favolosi! Grazie davvero a nome di tutta la mia famigliola!
    Un bacio. Elena.

    RispondiElimina
  17. che meraviglia! anche mamma fa quei dolcetti arrotolati da sempre! sono buonissimi con qualsiasi marmellata!

    RispondiElimina
  18. Anna li ho fatti ieri sera, sono buonissimi, più tardi ti mando la foto, adesso devo accompagnare la mia mamma alla stazione, stamani li ho mangiati due con il caffè e adesso stampo la ricetta per mamma, un abbraccio....
    p.s. vai a vedere la mia zuppa inglese?????

    RispondiElimina
  19. @cippamunka
    Grazie Elena, sono contenta che vi siano piaciuti ^-^! Spero che tu posti la ricetta con la farina speciale mix it DS, potrebbe essere comoda per altre persone.
    Un abbraccio!

    @Zasusa
    Le mamme dovrebbero diventare tutte patrimonio dell'umanità, per quanto sono brave ^_^

    Sì, lo so che è molto conosciuta, ho visto che ci sono tanti blogger che hanno postato la ricetta del rotolo con marmellata.
    Baci cara!

    @Tamtam
    Tamara carissima, che bello che siano piaciuti anche a voi!!! Evviva!!!!

    Vado a vedere la tua zuppa!!!!!
    Baci!

    RispondiElimina
  20. Cara Anna la versione gluten free dei tuoi biscotti è esattamente come la tua! Basta sostituire la farina di frumento con una per celiaci (io uso mix-it della DS, ma penso vada bene qualsiasi altra per celiaci).
    L'unica attenzione è che con questo tipo di farina bisogna aggiungerne un po' di più per avere un impasto della giusta consistenza. Forse, quindi, i biscotti vengono un pochino meno dolci del previsto, ma a noi sono piaciuti così. Se si vuole basta aggiungere un po' di zucchero in più. Ma non credo sia necessario. Domani li rifaccio e passo la ricetta anche alla mia mamma. Bacini e a presto.

    RispondiElimina
  21. Grazie della variante per celiaci, sei grande!!!
    Un abbraccio kilometrico
    Buon w.e.

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)