lunedì 8 febbraio 2010

Kinpiragobou


A fine gennaio, al raduno di Firenze ho preparato, a casa di Tatiana, questa ricetta facile che ben si adatta al gusto degli italici che vogliono provare sapori nuovi.
In Giappone viene considerato "okazu" (pietanze che accompagnano riso e pesce)

Uno degli ingredienti, la radice gobou (bardana maggiore), penso non sia facilmente reperibile in Italia, per questo l'ho messo in valigia.
Il problema è con che cosa sostituire la radice gobou in Italia. Nel peggiore dei casi, usare solo carota, anche se è tutta un'altra cosa.

Ingredienti
25 cm circa di radice gobou
8 cm di carota
1 cucchiaio di olio di semi
1 cucchiaino di olio di sesamo
1/2 peperoncino rosso
2 cucchiai di dashi
2 cucchiai di salsa di soia
2 cucchiai di sake
1 cucchiaio di zucchero
1 cucchiaio di semi di sesamo


Lavare bene e raschiare con un coltello la buccia di gobou e carota, dividere gobou in tre parti, tagliare dei bastoncini da entrambe le radici e metterli in acqua fresca per 20 minuti circa.

Riscaldare i due olii (sesamo e semi) con il peperoncino, unire i bastoncini ben sgocciolati e far insaporire, mescolando.

Preparare dashi con acqua calda, iriko e katsuobushi (acqua, pescetti essiccati e scaglie di tonnetto secco. Qui si vende anche dashi liofilizzato, io preferisco farlo. Lo si può eliminare, se di difficili realizzazione, aumentando di poco le quantità di salsa di soia e sake), colare ed aggiungerne 2 cucchiai alla salsa di soia, sake e zucchero.

Versare la salsa nella padella delle radici e far evaporare il liquido superfluo. a fuoco moderato.
Tostare 1 cucchiaio di semi di sesamo e cospargerli sulle radici.

8 commenti:

  1. Grazie per questa ricetta! Il tuo blog è veramente interessante e fa venire una gran voglia di viaggiare...

    RispondiElimina
  2. concordo con chi mi ha preceduta...vien voglia di andare...Non conosco i sapori di oltreoceano, con le tue ricette posso colmare questa carenza. sempre che si trovino gli ingredienti, ovviamente. ciao a presto.

    RispondiElimina
  3. Ciao Anna carissima
    ottimo questo piatto, mi ricordo come lo assaggiavamo mentre si faceva ihhhh
    caspita non mi ricordavo tutti quei liquidi per la salsa, l'avevo in programma per questa sera ...... grazie d'averlo messo lo sapevi vero che mi serviva ........ lo italianizzero

    un bacio
    Manu

    RispondiElimina
  4. interessante! anche se, come dicevi tu, mi sembra difficile trovare l'ingrediente!

    RispondiElimina
  5. Ciao Anna,
    fatto e mangiato
    naturalmente il tuo era perfetto il mio si avvicina però è allo stesso modo accattivante
    ho sostituito la radice con il sedano rapa e ti dirò che ci sta bene
    di tutte le tue salse avevo solo la salsa di soia, è venuto buono e il commento è stato ..... "notevole" che tradotto sta per "veramente buono"

    un abbraccio
    Manu

    ps: mi permetti di postarlo sul blog?

    RispondiElimina
  6. Visto che Manu ha provato con il sedano rapa ed ha riscosso successo farò altrettanto perchè i tuoi piatti vale sempre la pena di provarli! un bacio

    RispondiElimina
  7. un piatto davvero particolarissimo :)

    RispondiElimina
  8. @Alessandra
    @Alessandra
    @Dodò
    Carissime, grazie a voi! Siete state carine a leggermi ^-^!
    Per gli ingredienti, basta girare nei negozi etnici e forse qualcosa si trova.

    @Manu
    Ti ricordi, era difficile smettere di assaggiare.... ahahahahaha!
    Ringrazia i tuoi per il "notevole"
    Certo che puoi postarlo, anzi devi ^-^!
    @Milla
    Grazie carissima, bisogna aspettare che Manu posti il suo procedimento italianizzato.
    Baci, carissima!

    @Mirtilla
    Grazie carissima!


    Bacioni a tutte!

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)