domenica 7 dicembre 2008

Kaki secchi (Hoshi gaki)

Tempo di kaki
Sono kaki allappanti (che legano) che non si possono mangiare come frutta,solo dopo questo procedimento diventano dolci e mangiabili.Serve il freddo e, possibilmente, il sole!
Eccoli fuori ad essiccare.
Qui dopo 10 giorni, inizia a diventare morbido anche l'interno,
si vede dal segno della pressione del mio dito.
E` pronto!!!!!! Si può mangiare!!!!!

Qui dopo averlo addentato....... Che buono!!!!!!!!
Giusto in tempo per le feste d'inverno!!!!!!!!
Perché diventassero dolci ci sono voluti 20 giorni circa.
****************************


Ieri ho comprato un sacchetto di kaki allappanti,
saranno stati circa Kg. 3,500.
Li voglio far essiccare per capodanno, serviranno 10-15 giorni, ma se piove sono costretta a metterli dentro ed il tempo per essiccare si prolunga.
Qui, in Giappone, ci sono tantissimi tipi di kaki (albero originario del Giappone), anche di quelli allappanti ce ne sono vari tipi.
Quest'anno ho comprato questo tipo rotondo, mentre l'anno scorso erano allungati.

Bisogna sbucciarli delicatamente per non spezzare il picciolo che serve come appiglio per legarli
Appena sbucciati

Qui li sto legando con dello spago a cui ho fatto un piccolo cappio da stringere intorno al picciolo

Eccoli tutti legati e tenuti dallo stendino piccolo, stasera è una bella serata e li ho lasciati sul balcone.
Ma devo stare attenta che se piove, per non farli bagnare, devo rientrarli.
Altro problema sono gli insetti che accorrono per posarvici sopra. Meno male che adesso fa abbastanza freddo e, di insetti, se ne vedono pochi. Altrimenti mi tocca coprirli con un velo.

Questi sono i kaki dello scorso anno, erano già abbastanza secchi ma è servita più di una settimana per essere mangiabili.

Uno dello scorso anno.
Quando toccandoli si sente la morbidezza della polpa, sono pronti da mangiare.
Non vedo l'ora che siano pronti, mi piacciono tantissimo!!!

14 commenti:

  1. Non ho capito se è una qualità particolare o sono solo non maturi, io normalmente quando me li regalano casalinghi e sono acerbi li metto in mezzo ad un bel cesto di mele, in pochi giorni maturano e diventano dolcissimi...

    RispondiElimina
  2. Ciao carissima
    questa dei cachi proprio non la sapevo
    veramente interessante

    grazie carissima
    felicissima di riassaporare le tue ricette

    smack Manu

    RispondiElimina
  3. @Milla...Ciao cara, questi alberi sono una qualità particolare e danno frutti che non diventano mai dolci, legano in bocca.
    Anche in Italia penso che ci siano kaki che restano sempre allappanti anche se maturi, anche se sono misti ai kaki dolci.


    @Manu...Manuela carissima, qui ce ne sono tanti di questi kaki e si mangiano per capodanno. Da allappanti diventano dolcissimi, quasi come i fichi secchi.
    Bacioni!

    RispondiElimina
  4. Una ricetta molto strana, ma la vorrei provare. Ti mando da Venezia, la mia città, un grosso saluto e tanti tanti Auguri.

    RispondiElimina
  5. @mary47...Ciao, ho gradito tantissimo il tuo saluto veneziano, grazie.
    Il tuo blog mi sembra molto interessante anche se oggi ho avuto difficoltà a muovermici dentro.
    Era molto lento, ma forse dipende dal mio computer esageratamente pieno.
    Bacioni

    RispondiElimina
  6. Ciao! Dovrei chiederti un consiglio... secondo te posso cuocere i ravioli al vapore (tipo momo) nella macchina per cuocere il riso al vapore? la macchina assomiglia alla tua ma me l'hanno presa in un negozio che vende accessori per la cucina cinese, non so se è la stessa.

    Grazie!
    Fedra

    RispondiElimina
  7. Ciao Fedra,
    la mia suihanki non riesce a cuocere altro che il riso.
    Non ha il cestello per cuocere le verdure a vapore che di sicuro avrà la tua, per questo non so cosa dirti, mi dispiace.
    Ciao carissima!

    RispondiElimina
  8. Ciao Anna!
    Ho scoperto per caso il tuo blog alla ricerca di ricette giapponesi. Sono tornata da poco da un viaggio in Giappone e me ne sono letteralmente innamorata. Ora mi leggo i post vecchi :-D
    Buona giornata
    Chiara

    RispondiElimina
  9. Grazie Chiara, sono felice che il Giappone ti sia piaciuto.
    Se vedi anche l'altro mio post (anna, solo anna) c'e` molto di piu` sul Giappone.
    Bacioni!

    RispondiElimina
  10. Ciao! Grazie per la risposta rapidissima... sai che non so se la mia pentola ha un cestello per la cottura a vapore.. verificherò.. Oppure posso provare a usare la pentola "classica" per cuocere le verdure a vapore.. che però ha il cestello di alluminio e non vorrei che i ravioli si appiccicassero... bah.. che problemoni :o)

    Baci!!
    Fedra

    RispondiElimina
  11. Fedra, penso che la pentola normale con il cestello di alluminio sia l'ideale per cuocere i ravioli cinesi.
    Puoi sempre provare a cuocerne un paio e se va bene li finisci tutti.
    Altrimenti sul cestello di alluminio mettici un po' di carta forno e sei sicura che non si appiccicheranno.
    Eh, sì! E' proprio un problema vitale...^:^.....
    Baciotti!!!!

    RispondiElimina
  12. HO messo in forno dei cachi maturi interi ma non sfatti e poi ho trovato la tua ricetta.
    Ok i prossimi giorni faccio la tua.. e volgio regalarli a Natale..
    Grazie Alessà
    P.s. sono stata in giappone nel 2008 e rimane nel mio cuore

    RispondiElimina
  13. Ciao a tutti!
    Mi avevano regalato dei kaki molto acerbi e siccome si stavano guastando prima della maturazione ho fatto una marmellata..
    Mi sono reso conto assaggiandola che impasta la bocca.
    Cosa posso fare per renderla buona come le altre marmellate?
    Grazie dei consigli!
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jack,
      purtroppo non so come tu possa risolvere il problema della marmellata di kaki che legano. Questo mio procedimento spiega come far diventare dolci i kaki allappanti, ma parla di frutta cruda ed intera. In questo caso, basta farli seccare al sole per farli diventare dolci.
      Ma la marmellata che lega non so proprio come possa diventare dolce, mi dispiace.

      Elimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)