domenica 13 marzo 2016

Quanti modi di fare e rifare lo Tsoureki della nonna Andromaca

Ci avviciniamo alla Santa Pasqua e, noi di Quanti modi di fare e rifare ci siamo spostati in Grecia, più precisamente a Salonicco, da Marina che ci ha insegnato come preparava Tsoureki, che è un dolce tradizionale pasquale greco, della sua nonnina Andromaca.
Che bello stare tutte insieme in questo meraviglioso Paese, pieno di sole e di tante bellissime tradizioni, spero di tornarci quanto prima, e non solo virtualmente ;)
Buona Pasqua a chi passa da queste parti!!
Ne ho fatto 2/7 della ricetta originale. Dato che ho usato il mio licolfico (lievito in coltura liquida con il fico come starter), che è più idratato del lievitino, ho omesso sia l'infusione con i semi di anice che ho usato macinato, che il bicarbonato. Agli aromi ho aggiunto l'arancia candita che a me piace.  Mahlab e mastiha le custodisco gelosamente in freezer, sono un regalo di alcuni anni fa della mia Socia Ornella

per 800 g di impasto
185 g di licoli
290 g di farina di forza
100 g di zucchero semolato
85 g di burro non salato
2 uova
*1 cucchiaino di arancia candita home made
*1/4 cucchiaino di estratto di vaniglia
*1/4 cucchiaino di mastiha macinato
*5 g di cardamomo macinato
*2 g di mahlab macinato
1/4 cucchiaino di sale
1/4 cucchiaino di semi di anice macinato
per la glassa
poco uovo
1 cucchiaio di zucchero semolato
1 cucchiaio di latte
mandorle a bastoncini

Preparazione
Ho rinfrescato 60g di licoli, molto attivo, con 60g di latte tiepido, 60g di farina di forza e 5g di zucchero ed ho fatto lievitare sino al raddoppio. Ho fatto sciogliere il burro nel microonde.
Nella planetaria ho mescolato la farina con licoli, e sempre mescolando ho aggiunto gradatamente le uova sbattute con lo zucchero e gli aromi (*) ed il sale ed il burro sciolto, continuando a mescolare sino ad incordare l'impasto.
Ho trasferito l'impasto in una ciotola appena imburrata e lasciato riposare per 2 ore a temperatura ambiente, quindi, ho chiuso la ciotola in una busta di plastica per alimenti e l'ho posta in frigo.
Il giorno dopo ho messo la ciotola fuori dal frigo, avvolta in una coperta di pile, e fatto lievitare sino al raddoppio.
Ho diviso l'impasto in tre parti, che ho allungato ed intrecciato. Ho formato una ciambella ed una treccia, ed ho fatto lievitare nuovamente sino al raddoppio.
Ho mescolato gli ingredienti della glassa, ho spennellato i due tsourekia e li ho cosparsi di mandorle a bastoncini.
Ho fatto cuocere in forno preriscaldato a 200°C per 15 minuti ed a 180°C sino a cottura. Quindi li ho fatti raffreddare su una gratella. 
E' veramente ottimo, grazie mille Marina e grazie alla nonna Andromaca per la ricetta.   


**************************
Il prossimo 10 aprile 2016 
saremo da Anna Musolino
 per preparare i suoi Panzarotti 
**************************
Ricordo che il blog della Cuochina è
"Quanti modi di fare e rifare"
il suo indirizzo di posta elettronica è:
quantimodidifareerifare@gmail.com
che gli incontri dei "Quanti modi" avvengono
la seconda domenica del mese, alle 9:00
Qui per vedere la lista di tutte le ricette, comprese quelle del 2016
e che ci si può incontrare su Facebook  e su Twitter
 
 

E... scaricate, scaricate i pdf 2011, 2012, 2013, 2014 e 2015 

 *******************************
Altri link relativi al lievito liquido (licoli)
 
*******************************




7 commenti:

  1. È bellissimo ed immagino buonissimo. Complimenti come sempre <3

    RispondiElimina
  2. Che glcuria una bella fetta per la colazione ci starebbe proprio bene ed io invece non c'è l'ho fatta a prepararla,mannaggia,grazie,felice domenica

    RispondiElimina
  3. Cara Anna,
    licolfico è sempre portentoso, fantastici tsoureika, strasupercarpiato!!!

    RispondiElimina
  4. Tsourekia perfetti cara Socia, come da tradizione greca! Grazie di tutto, un abbraccio affettuosissimo e buon inizio settimana

    RispondiElimina
  5. Che bella corona, lievitata perfettamente! Sono tanto contenta che ti è piaciuta la ricetta della mia nonna, che l' hai reinterpretata col licolfrutta meravigliosamente! Mille grazie per la scelta!
    Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  6. Bellissimo e perfetto, una versione fantastica!
    Come sempre la Cuochina ci regala dei veri tesori!
    Buona Pasqua, a presto ....

    RispondiElimina
  7. ciao Anna,
    che meraviglia!!!
    Treccia e ciambella cruda ...da ammirare
    Treccia e ciambella cotta....invito ad assaggiare!!
    Un bacio dalle 4 apine e un grazie sempre per l'impegno per i Q.M.D.F.

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)