venerdì 1 febbraio 2013

Con le arance amare (橙 daidai) della mia vicina

Nel giardino della mia vicina c'è un alberello di arance amare che dà tantissimi frutti, sono delle bellissime arance di un colore dorato.
Questa frutta è piena di semi ed è molto succosa, ma non si riesce a mangiarla perché è aspra ed un poco amarognola, qui il suo succo viene utilizzato per aromatizzare le zuppe con verdure, pesce o carne. Ci sta bene sia sul pesce alla griglia che sul pesce fritto. 
Ma le arance amare (橙 daidai) sono così tante, che la vicina mi invoglia ad usarle per farci quello che mi piace.
L'altro giorno me ne ha date tantissime ed io ci ho fatto:
- marmellata
- frutta candita
- aroma arancia
Marmellata di arance amare
Agli inizi del 2009, nel forum Cookaround, ho trovato la ricetta della marmellata di agrumi di Reginette e da allora l'ho fatta mia.
Man mano ho apportato delle piccole modifiche al procedimento, ma ho lasciato invariata la ricetta base.
Ho già pubblicato in questo blog lo stesso procedimento: 
- a dicembre dello stesso anno, marmellata di mandarini
- a giugno del 2010, lemon marmalade.
Le dosi usate (che si possono aumentare in proporzione) sono: 
1 ciotolina di fettine sottili di arance amare
1 ciotolina di zucchero semolato
1/2 ciotolina d'acqua

Il procedimento è molto facile, non serve bilancia e non si pesa niente.
L'unità di misura è il contenuto della ciotolina:

- Taglio a metà le arance, tolgo i semi e le affetto sottilmente con la mandolina. Riempio una ciotolina "unità di misura" con le fette d'arancia ed una con lo zucchero. Unisco il contenuto delle ciotoline in una ciotola grande, mescolo, copro e lascio da parte fino alla mattina successiva. Il giorno dopo aggiungo mezza ciotolina "unità di misura" d'acqua. Un'altra bella mescolata e travaso in una pentola che contenga bene gli ingredienti.
- Metto a cuocere a fuoco bassissimo, mescolando di tanto in tanto.
Lascio nel freezer, per circa 1 ora, un piccolo piatto, mi serve per controllare la consistenza della marmellata durante la cottura. Se il piatto è ghiacciato e dentro ci metto un poco di marmellata bollente, questa si raffredderà abbastanza velocemente e mi accorgerò se è della consistenza che piace a me. Ma, dato che quando si raffredda diventa più solida, è preferibile bloccare la cottura quando è ancora un tantino liquida.
- Riempio i vasetti di vetro che ho precedentemente sterilizzato facendoli bollire. Copro l'imboccatura con della carta forno, chiudo con i loro coperchi e li capovolgo per far creare il sottovuoto. Appena freddi ci attacco l'etichetta.

La marmellata che ho fatto il 30 gennaio ha un bellissimo colore dorato. Invece, in quella fatta il 27, avevo aggiunto un poco di acqua in più e per farla asciugare bene ho dovuta farla cuocere più a lungo ed il colore è diventato leggermente più scuro. E' solo un problema di apparenza, il sapore è identico e buonissimo. 

Frutta candita
Con le stesse arance amare ho fatto della frutta candita (orenge peel). Chi pensa che sia come quella in vendita nei supermercati, consiglio di provare a farla e di assaggiarla, sono certa che si ricrederà. Ho proceduto in questo modo:
- Ho tagliato a listarelle le bucce delle arance amare (incluso la parte bianca), le ho ricoperte d'acqua e fatte riposare per un'oretta circa. Le ho scolate e travasate in una pentola.
- Le ho ricoperte d'acqua fredda, fatto bollire per alcuni minuti, ho quindi eliminato l'acqua di cottura. 
- Ho aggiunto altra acqua fredda, fatto bollire per alcuni minuti, ho quindi eliminato l'acqua di cottura. 
- Ho aggiunto, per la terza volta, altra acqua fredda, fatto bollire per alcuni minuti, ho quindi eliminato l'acqua di cottura. 
- Le ho messe ad asciugare su carta da cucina per un giorno intero.
- A fuoco lento ho fatto caramellare le bucce con lo stesso peso di glucosio (in mancanza di glucosio, sciogliere dello zucchero semolato con poca acqua) e messe ad asciugare su carta forno per un altro giorno.
- Infine le ho spolverate con dello zucchero semolato vanigliato. Meglio conservarle in freezer.

Aroma arancia amara
 Logicamente, le arance erano così tante che ho fatto anche l'aroma arancia amara, ho fatto in questo modo:
- Ho sbucciato con il pelapatate le arance amare, prendendo solo la parte arancione, le ho messe su carta forno e lasciate asciugare in una stanza fresca per 5~6 giorni.
- Ho frullato le bucce ormai secche, e messo in un contenitore di vetro ben sterilizzato.
Meglio conservare in freezer. 
Devo ringraziare la mia vicina che mi dà la possibilità di fare tutte queste buonissime cose.



12 commenti:

  1. caspita bravissima!!!
    quanto splendore...e tutto super naturale e biologico!!=)
    complimenti
    buon fine settimana!
    baci vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vale, tutto merito della frutta dei vicini :)
      Ho visto le tue torte, che brava che sei!!
      Buona settimana

      Elimina
  2. Brava. Ma sono qui anche per ulteriori informazioni. Ho anche io nel giardino un arancio amaro che è straordinariamente cresciuto ed è pieno di frutti. Gli anni passati li regalavo perchè la marmellata così amara non mi piace. Ma...il profumo della buccia è straordinario. Vorrei sapere da te se il tuo precedimento per i canditi toglie l'amaro? Come sono alla fine? Mi piacerebbe usarle io questa volta !! E la marmellata fatta da te quanto è amara ? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Grazia,
      i canditi sono dolcissimi, ma per sicurezza, perché non provi tu a farli, utilizzando 2 arance, e vedere se ti piace?
      Anche la marmellata, se fossi in te proverei con 2 arance e se il sapore ti convince, successivamente ne puoi fare all'infinito.
      Io, per adesso, ho preparato più di 30 vasetti da 400gr e li ho distribuiti ai miei conoscenti, ma ne dovrò fare ancora perché incredibilmente, la lista degli amici che vogliono la marmellata di daidai si è allungata a dismisura.
      Se usi le arance amare, fammi sapere la tua impressione.
      Un abbraccio :)

      Elimina
  3. ma che belle idee!!! io adoro le arance amare e faccio una buona marmellata!!! ma ti copio tutto il resto!!! complimenti e ti aspetto per il mio primo contest!!! ci sono bellissimi premi e non c'è bisogno di ripubblicarle, se non son o recenti!!
    ti aspetto e mi aggiungo!!!!

    RispondiElimina
  4. Bellissime cose Anna, tutte tutte e le copierò tutte tutte... mi piace la marmellata di arance amare, la mattina sulle fette biscottate...ciao carissima

    RispondiElimina
  5. Che golosità, è bello anche il nome daidai!
    Bè sui canditi del super no comment... possiamo solo immaginare il profumo ed il sapore dei tuoi, che bontà!
    La marmellata di arance poi sul pane tostato con un velo di salted butter... abbiamo il volo prenotato arriviamoooo!!!

    RispondiElimina
  6. Che buone preparazioni !!!!
    Anche io ho fatto l' aroma di arancia e è molto utile e buono per aromatizzare tante ricette dolci e salate.
    Grazie Anna

    RispondiElimina
  7. Ciao carissima Anna, sei fortunatissima ad avere delle arance amare o melangoli vicine a te! Quante belle cose che hai fatto! Io l'aroma di arancia non lo faccio così spesso, ma perchè son fissata con la vanilla bourbon, che metterei ovunque. La marmellata di arance, l'unica vera marmellata - le altre sono confetture - però è il TOP! Mi contento di quella che ho e sogno leggendoti, sei sempre BRAVISSIMA :-* ♥

    RispondiElimina
  8. @Mimma
    @Tamtam
    @Maria Vittoria
    @Nadia
    @Fabipasticcio
    grazie mille, se fossimo più vicine vi offrirei un vasetto a testa di questa gustosa marmellata.
    Baci a tutte

    RispondiElimina
  9. Ciao Anna, bellissimo questo post, così come tutto il tuo blog che seguo da tempo, e proprio perché mi piace ho deciso di assegnarti un premio, trovi tutti i dettagli da me, qui:
    http://pinkopanino.blogspot.it/2013/02/ho-vinto-un-premio.html, fammi sapere cosa ne pensi!!
    A Presto

    RispondiElimina
  10. Ciao Paola, ti ringrazio per il pensiero, ma ho scritto in alto che non accetto premi né memè.
    Scusami tanto carissima, ma veramente non ho tempo per fare anche quelle cose.
    Spero di non offenderti.
    Un abbraccio

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)