domenica 26 febbraio 2012

Panini che scrocchiano come le baguette francesi

In giro per il web ed un pane attira la mia attenzione, in un forum che non avevo mai agganciato fino ad ora. Il forum si chiama "fine Cokking" e mi sembra molto interessante. Mi faccio conquistare dai "French Bread Rolls" e vado a rinfrescare licoli.
Ma strada facendo ed a causa della diversità del lievitante (nell'originale c'è il lievito secco mentre io uso il mio licoli) mi sono ritrovata a fare tutt'altro.
Ma sono sicura che sia questi che quelli del forum scrocchiano allo stesso modo, come la baguette francese che si vende qui in Giappone. La crosta scrocchia ma l'interno è una nuvola.
  • 230 gr di licoli
  • 150 gr di acqua tiepida
  • 15 gr di latte in polvere
  • 5 gr di zucchero
  • 20 gr di burro fuso
  • 300 gr di farina di forza
  • 1 cucchiaino di sale
  • semola per lo spolvero
Versare l'acqua nel boccale della planetaria, unire il burro fuso, lo zucchero, il latte in polvere e licoli. Aggiungere la farina poco per volta, potrebbe non servire tutta, amalgamare gli ingredienti. Fermare la planetaria e far riposare per 30 minuti circa (autolisi). Unire il sale e impastare fintanto che l'impasto non si stacchi dalla parete della planetaria.
Mettere l'impasto in una ciotola appena unta d'olio, spennellare un poco di burro fuso sulla parte superiore, far lievitare per 4 ore circa e fare delle pieghe, quindi lasciar lievitare sino al raddoppio. Dividere l'impasto in pezzi da 80~90 gr e formare dei panini rotondi e dei rolls, arrotolarli nella semola e allinearli su una teglia ricoperta da carta forno e rimettere a lievitare.
Riscaldare il forno a 250°C. Fare dei tagli ai panini: ai rolls dare un taglio con un cutter, ai panini dare due sforbiciate a croce. Spennellare con acqua tiepida i solchi dei tagli e far cuocere 15 minuti a 250°C, per 10 minuti a 200°C e sino a cottura a 180°C.
(rolls)
(panini) Lasciar raffreddare su una griglia
e poi.................................
...........................mangiare!!!!

*******************************
Altri link relativi al lievito liquido (licoli) 

  *******************************

sabato 18 febbraio 2012

Amegarame Satsumaimo


Amegarame Satsumaimo, sembra uno scioglilingua, invece sono dei gustosissimi bastoncini di patate americane caramellate.
E' facile trovarli dentro "o-bento", ma si apprezzano moltissimo anche con un bel bicchiere di birra fredda.
E' una preparazione ad occhiometro, niente bilancia e niente numeri, e sono di una facilità disarmante. Se non si dovesse usare l'olio caldo, la potrebbero fare anche i bambini.

Patate americane ben lavate e (senza sbucciare) tagliate a bastoncini, lasciate in acqua fredda per almeno 30 minuti. Asciugate e fritte in abbondante olio caldo (non bollente), fatte asciugare su carta cucina. Trasferite in una padella dove si sarà fatto sciogliere del miele e fatte insaporire per qualche minuto.
Una manciata di sesamo nero e i bastoncini "amegarame imo" sono pronti per essere divorati.

Dalla settimana prossima sino all'inizio di marzo non sarò nei pressi, ci si risente a marzo.
Buon carnevale a tutti/e

domenica 12 febbraio 2012

Cioccolatini morbidi per un dolce San Valentino


Fra due giorni è San Valentino e cosa c'è di meglio che fare dei cioccolatini morbidosi e facilissimi da regalare e regalarsi?
Qui, in Giappone, il 14 febbraio le donne regalano agli uomini che conoscono o con cui lavorano, agli amici ed al loro amore, cioccolato e cioccolatini.

Le ragazze più giovani li preparano homemade e li regalano al loro amore ma anche agli amici ed alle amiche, questo mi sembra molto più bello. Pian piano San Valentino diventa il giorno del "volere e volersi bene"

Ci sono tanti siti (qui, qui, qui) dove imparare a fare i cioccolatini, e ci sono tantissime ricette. Io ho fatto questa: facilissima!!!!

Come da ricetta
  • 200 gr di cioccolato fondente
  • 100 gr di panna
  • cacao per lo spolvero

Rivestire con carta forno una teglietta rettangolare. Tritare finemente il cioccolato, riscaldare la panna e, poco prima che arrivi al bollore, versarvi il cioccolato, mescolare con una spatola e travasare nella teglietta. Appena freddo, coprire con pellicola per alimenti e tenere in frigo per una notte. Tagliare a cubetti e spolverarli con cacao


Io ho fatto così:
  • 100 gr di cioccolato fondente (cacao 70%)
  • 50 gr di yogurt greco
  • cacao per spolvero

Non avevo panna ma tanto yogurt, sia matsoni (mar Caspio) che yogurt greco. Ne ho sempre in frigo. Ho proceduto come da ricetta ma ho usato delle formine in silicone in cui ho versato il cioccolato caldo. Tenuto in frigo per tutta la notte, ma prima di sformare i cioccolatini è meglio lasciare qualche ora in freezer per far indurire bene il cioccolato. Io li ho sformati subito ed alcuni si sono un poco ammaccati ;-) E poi, tanto cacao per lo spolvero. Anche con lo yogurt sono molto buoniiiiii

BUON SAN VALENTINO A TUTTI/E

lunedì 6 febbraio 2012

Quanti modi di fare e rifare le "Fettuccine dolci"

Eccoci ancora insieme, come ogni 6 del mese, in una nuova cucina per "Quanti modi di fare e rifare", ma questo mese è PARTICOLARE.

Cosa ci sarà di diverso questa volta?

* Ma è il PRIMO ANNIVERSARIO di Quanti modi di fare e rifare!!!!!
E passato un anno da quando io ed Ornella abbiamo ideato questo entusiasmante incontro mensile tra food-blogger. Insieme alle amiche che partecipano con entusiasmo e calore, abbiamo aperto le nostre meravigliose e profumatissime cucine per questi incontri culinari mensili.
Ed è grazie a tutte loro se questa stupenda iniziativa sta riscuotendo tanto successo.
Un grazie di cuore a tutte.

(Qui per la presentazione e guida)

Vi ricordiamo che
ci si può incontrare su

Il pdf con tutte le ricette del 2011
Per sfogliare (Qui)
Per scaricare (Qui)

* Ed inoltre, ci sono le "FETTUCCINE DOLCI" che la mamma di Fr@ (di "Sciroppo di mirtilli e piccoli equilibri") preparava ai suoi bambini nel periodo di Carnevale,

* e siamo giusto nel periodo di CARNEVALE, e noi siamo qui a fare e rifare le fettuccine dolci della mamma di Fra@. Per la ricetta di Fr@, rimando al suo blog

io le ho fatte così
  • 120 g di farina
  • 1 cucchiaio scarso di zucchero vanigliato
  • 15 g di burro morbido
  • 1 uovo
  • un pizzico di sale
  • aroma arancia e zucchero semolato qb
  • olio di semi per friggere
Ho amalgamato farina, zucchero, burro morbido, pizzico di sale ed ho impastato fino a quando non è diventato della consistenza del lobo dell'orecchio.
Ho tirato la sfoglia con il matterello, il più sottile possibile, cosparso la sfoglia di zucchero semolato e di aroma arancia. Ho preso il bordo destro della sfoglia e l'ho appoggiato al centro, ho fatto la stessa cosa con il bordo sinistro. Quindi ho piegato a libro e, con l'aiuto di un coltello molto affilato, ho tagliato le fettuccine ad 1 cm di distanza.
Le ho fritte in abbondante olio di semi, devono diventare color oro. Le ho fatte sgocciolare su carta assorbente da cucina, per eliminare l'olio in eccedenza.
Le ho spolverate di zucchero a velo e................ buon Carnevale a tutti.
Alcune precisazioni:
- Ne ho fatte 1/3 della dose di Fr@ perché in questo periodo sono sola in casa e.......
- Ma ho dovuto ripeterle perché sono buonissime ed anche perché la prima volta ho tirato la sfoglia con la macchina della pasta (nonna papera) e dopo aver fatte tutte le pieghe e tagliate a fettuccine, non riuscivo più ad allargarle, erano diventate tipo bastoncini di pesce :D
La seconda volta ho usato il matterello ed è andato tutto a meraviglia.
- Per Carnevale avrei voluto usare dei coriandoli come si deve, ma........ qui carnevale significa la parata di Venezia e perciò niente coriandoli, li ho fatti con il "tritacarte" usando carta colorata. Per questo, anche i coriandoli sono home made ;-)
°°°°°°°°°°°°°°°
Ma..... siccome è CARNEVALE, mi è venuta voglia di scherzare, ho rifatte le fettuccine dolci con sfarinati alternativi, ma veramente alternativi.... da non credere......ahahahahaha!

Fettuccine dolci con sfarinato di buccia di kaki e di riso in chicchi

In autunno ho fatto i kaki secchi, ma le bucce non le ho buttate, le ho fatte seccare e poi le ho sfarinate con il macinacaffè.

Per fare queste fettuccine ho usato 20 gr di polvere di kaki, 30 gr di riso in chicchi che ho sfarinato con lo stesso macinacaffè, 5 gr di zucchero semolato, 7 gr di burro morbido, poco sale e uovo qb.
Ho proceduto come prima, ho cosparso la sfoglia con zucchero e "polvere aromatica" al gusto di anice e cannella, piegata, tagliate delle fettuccine e fritte. Una bella spolverata di zucchero a velo e.........

incredibile, ma sono buonissime!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
***************************************************
Con grande piacere abbiamo ricevuto, via email, da Maria la sua bellissima versione, non fritta ma al forno, delle fettuccine dolci di "Fr@". Maria non possiede un blog perciò vi facciamo conoscere il procedimento attraverso le sue spiegazioni....
….Avendo fatto anche le chiacchiere ho usato questi ingredienti:
  • 500 gr farina (ricetta originale 300 gr)
  • 100 gr zucchero vanigliato home made (ricetta originale 2 cucchiai di zucchero + un pizzico di vanillina)
  • 50 gr di burro (ricetta originale 30 gr)
  • 4 uova medie (ricetta originale 3 uova)
  • 4 - 5 cucchiai di liquore di anice (ricetta originale no)
  • scorza grattugiata di un limone ed un arancio non trattati per le fettuccine (ricetta originale scorza di 3 limoni e 3 arance)
  • scorza grattugiata di mezzo limone non trattato per le chiacchiere
  • un cucchiaino di lievito per dolci (ricetta originale no)
  • zucchero a velo
Ho formato la fontana con la farina unito zucchero, uova, anice e burro e lavorato fino a formare un panetto sodo. Ho steso la pasta con il mattarello sottilissima
ed una parte l'ho cosparsa con la scorza di limone e arancio per fare le fettuccine che ho arrotolato tagliato a circa 1 cm e poi cotto in forno a 180 gradi per circa 10 minuti.
La restante parte l'ho impastata con la scorza grattugiata di metà limone, stesa sottile, tagliata con una rondella dentellata a formare le chiacchiere ed infornato a 180 gradi per circa 10 minuti.
Ho cosparso il tutto con zucchero a velo.
Grazie cara Maria!!

***************************************************

Oltre la mia, queste sono le altre versioni di questo mese


Versione di Ornella..........Versione di Vale

Versione di Franci .......... Versione di Francesca

Versione di Fr@ ........... Versione di Emanuela

Versione delle Apine........... Versione di Solema
Versione di MM_SKG ........... Versione di Vivy
Versione di Simonetta ........... Versione di Barbara

Versione di Stefania ........... Versione di VickyArt
Versione Elena..........Versione di Dauly

Versione di Antonella ......... Versione di Stella

Versione di Libera...........Versione di Maria

Versione di Barbara..........Versione di Tiziana



***************************************************
La ricetta del 6 marzo 2012
Ed a marzo andremo a casa di Stefania di Nuvole di farina per fare insieme i suoi Cjalsons aromatici, ed anche a marzo ci sarà da festeggiare................ Lo sapremo il mese prossimo ;-)
Vi aspettiamo

venerdì 3 febbraio 2012

Polpette al forno light e, spero, anche glutenfree


Da lunedì a dieta!!
Quante volte lo abbiamo detto o pensato................ Taaaaaaaaaaaaaante volte, ma quel lunedì immancabilmente slitta di settimana in settimana.
Ma se si vuole veramente iniziare questa benedetta dieta, allora è d'obbligo dare un'occhiata al contest "Basta! Lunedì dieta!" indetto da Vicky di "Arte in cucina" e Samaf di "Dolcizie".
Per questo contest ho preparato delle polpette al forno con ingredienti forse un po' strani. Oltre che light ci tenevo a farle anche glutenfree per Vicky, per questo ho sostituito il pangrattato con del riso bollito. Ho solo un dubbio: nel parmigiano ci può essere glutine? Spero di no, altrimenti saranno solo light.

Per le polpette
  • 2 melanzane (36 calorie)
  • 100 gr di riso bollito (150 calorie)
  • 150 gr di macinato misto (manzo 98 + maiale 105 calorie)
  • 20 gr di farina di zucca (18 calorie)
  • 1 uovo (80 calorie)
  • 2 cucchiai di parmigiano (30 calorie)
  • sale e pepe (3 calorie)
  • prezzemolo (1 caloria)

Per il sughetto
  • alcuni pomodori maturi (30 calorie)
  • pochissimo olio evo (30 calorie)
  • uno spicchio d'aglio (3 calorie)
  • basilico (1 caloria)
  • sale (0 calorie)
(Le calorie le ho calcolate, azzotondandole per eccesso, con questa tabella e sono 521 calorie le polpette e 64 calorie il sughetto, per un totale di 585 calorie per 2 porzioni. Neanche 300 calorie a porzione, penso che siano abbastanza light)

Ho sbucciato e tagliato a dadini le melanzane che ho fatto cuocere per 6 minuti circa in microonde a 600W. Ho strizzato con le mani i dadini per togliere l'acqua contenuta nelle melanzane. Dopo questa operazione il loro peso era di 100 gr circa.

Ho tritato le melanzane cotte a cui ho unito: riso precedentemente bollito, macinato misto (manzo e maiale), parmigiano, uovo, sale, pepe e prezzemolo spezzettato. Ho compattato il tutto, ma l'impasto era troppo morbido. Ci sarebbe stato bene ancora dell'altro riso bollito ma non ne avevo di scongelato (noi mangiamo riso bollito ogni giorno, se mio marito non è in trasferta. Quello che avanza lo divido in piccole porzioni da tenere in freezer per usi vari), per questo ho aggiunto della farina di zucca che mi era avanzata da un'altra ricetta.

Con l'ultima aggiunta, la consistenza dell'impasto era giusta per le polpette, che ho adagiato sulla teglia ricoperta da carta forno. Le ho fatte cuocere a 180°C per 40 minuti circa rigirandole ogni tanto.

Nel frattempo ho preparato il sughetto: ho affettato sottilmente lo spicchio d'aglio che ho fatto appassire in pochissimo olio ed acqua, ho aggiunto i pomodori spezzettati, alcune foglie di basilico ed il sale ed ho fatto cuocere per 15 minuti circa. E' rimasto di un bel colore rosso vivo.

Un poco di basilico per dare il profumo e si mangia!!



Per il contest "Basta! Lunedì dieta!"
di Vicky "Arte in cucina" e Samaf "Dolcizie".

Cuochini e Cuochine nel mondo

fukuoka

Fukuoka google map

Visualizzazioni totali