domenica 22 aprile 2012

Cassatelle con crema di ceci e di ricotta


Un po' di tempo fa, parlando con Ornella mi ha detto che aveva fatto i "cappidduzzi" trapanesi, la prima immagine che mi si è presentata alla mente è stata un bel piatto di orecchiette che (oltre ai tantissimi altri nomi utilizzati), in qualche parte della Puglia vengono chiamate con una parola che ha lo stesso suono che fa la parola "cappidduzzi".
Il mio errore è stato fugato da Ornella che mi ha detto che erano dei dolci molto buoni siciliani che vengono chiamati in vario modo, tra cui anche "cassateddi" e "cassatelle". Quanto prima ce li mostrerà di sicuro nel suo blog.

In questi giorni, alla ricerca di ricette facili ed adatte alla mie lezioni di cucina casalinga italiana, mi sono imbattuta in questo sito ed ho scoperto che in provincia di Palermo le fanno anche con una crema di ceci.
Ma dai!!! Li voglio proprio assaggiare, ho pensato.
Al mattino ho messo subito in ammollo una manciata di ceci, nel tardo pomeriggio li ho messi a cuocere a fuoco lento per 3~4 ore. Con il siero dello yogurt ho fatto la ricotta per l'altra crema.
Il giorno dopo ho passato i ceci con il passaverdure e poi ho seguito la ricetta del sito ma usando solo un decimo di quegli ingredienti.

Crema di ricotta
- 100 gr di ricotta fatta con il siero dello yogurt
- 70 gr di zucchero
- 10 gr di cioccolato fondente
- 10 gr di cucuzzata (home made)
- 1 cucchiaio di aroma arancia (home made)
Passare al setaccio la ricotta ed amalgamare con gli altri ingredienti. Mettere da parte.

Crema di ceci
- 80 gr di purea di ceci
- 30 gr di zucchero a velo
- 1/3 di cucchiaino di cacao amaro
- 10 gr di cucuzzata (home made)
- 10 gr di cioccolato fondente
- 10 gr di fecola di mais
- 1/3 di cucchiaino di cannella
Passare al setaccio la purea di ceci ed amalgamare con gli altri ingredienti. Mettere da parte.

Impasto
- 100 gr di farina
- 15 gr di strutto (home made)
- 10 gr di zucchero
- 1/2 tuorlo d'uovo
- 25 gr circa di vino bianco
- olio per friggere e zucchero a velo e cannella per spolvero

Lavorare la farina con lo strutto, incorporare uovo, zucchero e vino qb. Impastare bene e formare una palla, avvolgerla in pellicola per alimenti e tenerla in frigo per 1 ora circa.
Tirare la pasta con la macchina della pasta fino alla terz'ultima tacca. Tagliare con un coppapasta, mettere dentro un cucchiaino di crema e chiudere in due pressando bene i bordi con i rebbi di una forchetta. Rifilare i bordi con la taglierina dentellata.
Friggere in abbondante olio di semi, far perdere l'unto lasciandole a sgocciolare su carta da cucina. Spolverizzarle con zucchero a velo e cannella.
Io ho fatto due forme diverse per evidenziare i due tipi di crema usata:
- a mezzaluna quelle ripiene di crema di ricotta
- a triangolo quelle ripiene di crema di ceci

14 commenti:

  1. Si fa una cosa simile anche in Abruzzo, tipica natalizia...i calcionetti (a cagg'nitt!). Nonna e mamma li hanno sempre fatti con il ripieno di castagne ma l'alternativa è proprio la purea di ceci :)
    Un bacione, buona domenica

    P.S. Lino c'ha il turbo, esperimento riuscito ^_^

    RispondiElimina
  2. Fede, anche questi sembra che siano dolci di Natale ma, secondo me, vanno bene sempre :D
    Poi faccio un giretto a vedere i calcionetti, buoni con le castagne ;-)
    E non mi fai vedere quello che ha fatto lino?? Monella :D
    Baci

    RispondiElimina
  3. ma come? tu sai cosa di Palermo e provincia che io sconosco ;-)) bravissima però! sono ben fatti e il sapore non che essere squisito :-DD buona domenica :-)

    RispondiElimina
  4. Davvero stuzzicanti, complimenti.

    RispondiElimina
  5. Davvero molto originali con queste creme di ceci e ricotta all'interno! saremmo proprio curiose di assaggiarle!
    bacioni

    RispondiElimina
  6. Ceci e zucchero... per me erano sempre stati solo "salati". Segno e provo :D
    A presto
    Gialla

    RispondiElimina
  7. A presentarli al corso fai un figurone... Ricetta doc siciliana che ti giuro mi ha intrigato un sacco amo i ceci e provarli così mi incuriosice troppo!

    RispondiElimina
  8. Ma che particolare questa ricetta non saprei quale gusto scegliere...facciamo tutte e due! bacioni!

    RispondiElimina
  9. Ed io sono a dieta!!!! Come faccio? Devono assere gustosissimi. Un caro saluto.

    RispondiElimina
  10. Molto originali, ma devono essere molto buoni!!!

    RispondiElimina
  11. che ricetta fantastica, devo assolutamente provarla, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  12. Particolarissimi con i ceci! Davvero complimenti per il blog, è stupendo, io segno e imparo. Buona serata, Babi

    RispondiElimina
  13. ma come? sai fare anche la ricotta? me la insegni? sono meravigliosi, e visto il mio debole per la ricotta sai anche quali preferisco (anche se la versione con i ceci e' da assaggiare!). ciao

    RispondiElimina
  14. Quante scorpacciate in Sicilia di questi dolci! Sulla strada che da Marsala conduce a Trapani c'è una pasticceria che li prepara divinamente! E tu li hai fatti con i ceci!!Ho sempre voluto assaggiarli devo provare un giorno!
    Baci

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)