martedì 15 febbraio 2011

Con la frolla Artusiana, Crostata con marmellata di yuzu


La frolla, quanti modi ci sono di prepararla? Tantissime! Senza contare che in molti comprano quella già bella e fatta, tanto comoda da usare.
Anche se a me piace fare tutto sin dall'inizio, dalla scelta delle materie prime.
Mi ha sempre soddisfatto la frolla che preparava mia madre, buonissima!
Ma, in genere, si cerca di spaziare e provare nuovi tipi e modi di fare di qualsiasi cosa.
Non molto tempo fa, nel web, mi sono imbattuta nel sito del libro "La scienza in cucina e l'arte di mangiar bene", memorabile opera del grande Pellegrino Artusi.
Visto che c'era la possibilità di scaricare, gratuitamente, questo meraviglioso libro, l'ho fatto con gioia.
Da quel momento, la frolla che preferisco fare è la 589 Pasta Frolla, RICETTA A, B e C contenute in questo bellissimo libro a pagina 166.
In genere, per una crostata, faccio mezza porzione della Pasta Frolla RICETTA B, ed uso una teglia quadrata da 18 cm di lato.

Le dosi del libro (le dosi usate da me)

Farina, grammi 250 (125 gr)
Burro, grammi 125 (burro non salato 60 gr)
Zucchero bianco, grammi 110 (zucchero vanigliato 55 gr)
Uova intere, n.1 ed un tuorlo (1 uovo intero non molto grande)
Odore di scorza di arancio (aroma arancia home made)

Frullare finemente lo zucchero (consiglia di usare zucchero a velo) e mescolare alla farina, unire il burro a tocchetti e sbriciolare il tutto con le mani. Aggiungere l'uovo e l'aroma arancia e, aiutandosi con una spatola, amalgamare lo stretto indispensabile. Chiudere l'impasto in pellicola per alimenti e tenerlo in frigo (Artusi dice che si può tranquillamente preparare la frolla il giorno prima e tenerla in fresco) E' possibile anche congelarla, quando la si vuole usare basterà farla scongelare a temperatura ambiente.

Con questa frolla faccio spesso questa crostata con marmellata di yuzu (bergamotto giapponese), profumatissima.
Stendere la frolla e foderare la teglia ricoperta da carta forno (per evitare di imburrare la teglia), lasciando un piccolo bordo più cicciottello ai bordi, bucherellare il fondo con i rebbi della forchetta.
Spalmare la quantità gradita di marmellata e cuocere in forno pre-riscaldato a 200°C per 20~25 minuti, fino a doratura.

Sformarla quando si raffredda e trasferirla su una grata.

*E' buonissima calda, tiepida, ma anche dopo alcuni giorni. Basterà tenerla chiusa in una scatola di latta, tagliata in porzioni e avvolta in pellicola per alimenti

*Ho anche congelato queste porzioni, è stato sufficiente tenerle 1 ora fuori dal freezer per farle diventare come appena sfornate.


N.B. Se la marmellata è quella industriale, scegliere un tipo con bassa quantità di zuccheri, dal 38% al 40%. Oltre questa percentuale, in fase di cottura la marmellata può rovinarsi con l'alta temperatura.

10 commenti:

  1. Non so perchè ma ho la sensazione che non durerebbe più di un paio di giorni :D! Quella marmellata dev'essere fantastica. Un bacione

    RispondiElimina
  2. che delizia!!!!!!!!!!!!bravissima!

    RispondiElimina
  3. Che bella...la crostata è uno dei dolci che preferisco e Pellegrino è il mio mito...vi sto scrivendo....

    RispondiElimina
  4. @Federica
    Ed hai proprio ragione, non dura niente anche perché ne faccio mezza dose. Ma mangeremmo anche la dosa intera.
    Bacioni
    @Federica
    Grazie Fede! Baci!
    @Tamtam
    Tamara, è anche il mio dolce preferito.
    Ti rispondo appena possibile, bacioni

    RispondiElimina
  5. Mi sembra davvero interessante questa crostata, brava ciao♥

    RispondiElimina
  6. Cara Anna non conosco molto bene Artusi ma la crostata è un dolce che amo molto! Yuzu...ma è molto diverso dai bergamotti nostri? Perché ultimamente ne ho visto al mercatino della frutta e verdura! Baci e buon fine settimana

    RispondiElimina
  7. Quanto mi piacerebbe poter provare la marmellata di yuzu!!! Dev'essere particolarissima.. ma anche la tua crostata non dev'essere da meno... quant'è bella! Un abbraccio e buon fine settimana

    RispondiElimina
  8. Seguo anche io spesso le ricete del'artusi, ho il libricino, soprattutto per le ricette classiche.Seguirò alla lettera le dosi consigliate per vedere se carpisco la differenza con la frolla che generalmente uso io (far 400, succh 200, bur 200, 2 uova int e aromi non sempre). La tua é molto invitante anche perché a me piacciono le cose semplici ed essenziali. Peccato non assaporare il sapore di questo yuzu (arabo per me)Bacioni

    RispondiElimina
  9. @ornella
    Cara Ornella, Yuzu somiglia molto al bergamotto siciliano, è più piccolino e più giallo.
    A me piace moltissimo il sapore di yuzu, qui si spreme anche nelle zuppe di verdure e pesce.
    @marifra79
    Come dicevo ad Ornella, yuzu altro non è che il bergamotto siciliano con piccolissime differenze.
    Confermo che il sapore di questa marmellata è buonissima.
    @Azzurra
    Secondo me questa frolla è molto gustosa.Ma credo che anche la tua non sia da meno.
    Yuzu è un agrume molto duttile, va bene come frutta, il succo nelle zuppe, la buccia nell'acqua calda della vasca da bagno per profumarla, ecc.

    Baci ragazze e buon inizio settimana.

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)