lunedì 26 ottobre 2009

Pampanelle, pampanelle fresche!


Questo era il richiamo più ricorrente che si sentiva sul litorale pugliese quando ero piccola "Pampanelle, pampanelle fresche"
Certamente sono un poco fuori tempo, questa è una chicca prettamente estiva.
E' un poco di latte cagliato, messo ad insaporire su una foglia di fico, formaggio fresco tipico della Puglia.
Si mangia in un niente e in bocca rimane il gusto di fresco misto all'amarognolo del fico.
Non pensavo che si potesse replicare anche home made, ho trovato per caso la ricetta e ci ho provato.
Le prime volte non riusciva a coagulare, forse perchè lesinavo il caglio. Ho provato anche ad aggiungere al latte con il caglio un pezzo di gambo della foglia di fico, ma niente, non voleva coagulare come una vera pampanella.
Alla fine ho trovato le quantità ottimali per il mio latte


Ho messo in ammollo le foglie di fico lavate


Ho fatto riscaldare 200 ml di latte vaccino. In una tazzina con 2 cucchiai di latte ho fatto sciogliere 5 micro misurini di caglio ed 1 cucchiaio di yogurt che ho aggiunto al latte a 37-40° C, ho mescolato ed ho avvolto la pentola in una coperta.
Dopo 45-50 minuti era avvenuta la cagliata.


Con un cucchiaio, delicatamente senza farlo spappolare, ho diviso il formaggio nelle foglie di fico che ho avvolte e fermate con il loro peduncolo.
In frigo per 2-3 ore, .......................e vai con i bei ricordi andati

2 commenti:

  1. (^_^) ciao Anna ,è proprio un bel ricordo ,immagino che quando ci pensi ti tornano alla mente tutti gli odori e i sapori delle estati pugliesi (^_^)questo formaggio dev'essere delizioso (-_^)
    un abbraccio baci ♫

    RispondiElimina
  2. Carissima May,
    hai perfettamente ragione, i profumi li sento ancora oggi.
    Eh! Sì, bei ricordi!
    Baci, baci!

    RispondiElimina

Grazie per la vostra attenzione. Ogni messaggio è una parte di ponte che si costruisce, facciamolo diventare robusto usando parole costruttive.
有難うございます! (Arigatou-gozaimasu!)